Sofidel Papernet
Ros Forniture Alberghiere
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 03 agosto 2020 | aggiornato alle 20:31| 67054 articoli in archivio
Sofidel Papernet
Molino Quaglia
HOME     PROFESSIONI     PIZZAIOLI
di Vincenzo D’Antonio
Vincenzo D’Antonio
Vincenzo D’Antonio
di Vincenzo D’Antonio

Arte dei pizzaiuoli Patrimonio Unesco
Napoli in festa come ai tempi di Maradona

Arte dei pizzaiuoli Patrimonio Unesco 
Napoli in festa come ai tempi di Maradona
Arte dei pizzaiuoli Patrimonio Unesco Napoli in festa come ai tempi di Maradona
Pubblicato il 07 dicembre 2017 | 15:26

Una gioia così manifesta, un’allegria così bella e contagiosa, non la si vedeva a Napoli dai tempi dei due scudetti dell’epoca Maradona. Merito della nomina a Patrimonio Unesco dell’Arte dei pizzaiuoli napoletani.

A causa del fuso orario, la notizia del riconoscimento è arrivata all’ora piccola. L’ora in cui il pizzaiolo cessa di alimentare con la legna il suo forno; la dolce stanchezza subentra e già, contestualmente, si fanno vivi nella mente gli impegni dell’indomani. Ma ieri notte la gioia ha vinto la stanchezza. Tutti in piazza: quelle vere e tangibili e quelle virtuali. Tanti e variegati i primi commenti.

(Arte dei pizzaiuoli Patrimonio Unesco Napoli in festa come ai tempi di Maradona)
foto: Il Mattino

L’ingegnere Francesco Salvo, patron insieme al fratello Salvatore, della pizzeria Francesco & Salvatore Salvo di San Giorgio a Cremano (Na), ammirevole la sua pacatezza e la sua arguzia: «Speriamo che il folklore e la corsa alla foto in primo piano di questi giorni si tramuti presto in una spinta positiva che possa dare slancio e spessore ad un’economia di settore che in molti casi è ancora relegata ad un rango di seconda fascia. È il momento di crescere culturalmente ed economicamente tutti. Spero che questo riconoscimento non serva a rafforzare quell’immagine che ci costruiamo da sempre da soli di pizzaiolo-giullare dalla quale mio fratello ed io rifuggiamo. Credo che il difficile venga da oggi. Da oggi i riflettori saranno sempre più puntati su di noi e dobbiamo tutti farci carico di questa responsabilità e mostrarci in grado di portare avanti, con il linguaggio del XXI secolo, il peso di tale tradizione e di tale riconoscimento».

Francesco e Salvatore Salvo (Arte dei pizzaiuoli Patrimonio Unesco Napoli in festa come ai tempi di Maradona)
Francesco e Salvatore Salvo (foto: Fine Dining Lovers)

Contento anche il giovane pizzaiolo napoletano Enzo Bastelli, patron della pizzeria Prima Classe di Caserta: «Ottimo traguardo per un mestiere, o meglio un’arte, che da secoli delizia ed affascina i popoli di tutto il mondo. E quest’arte ha contribuito a rendere ancora più bella ed affascinante la nostra amata Napoli». La pizza napoletana, non dimentichiamolo, è tra le motivazioni della visita a Napoli da parte di turisti.

Enzo Bastelli (Arte dei pizzaiuoli Patrimonio Unesco Napoli in festa come ai tempi di Maradona)
Enzo Bastelli (foto: lucianopignataro.it)

Vibrante conversazione telefonica con Luca Doro, patron della pizzeria Doro Gourmet di Macerata Campania (Ce): «Riconoscimento ad un’arte che innegabilmente è nata ed è cresciuta qui da noi, a Napoli ed in Campania, ma proprio adesso, a riconoscimento ottenuto, mi piace far notare che adesso quest’arte l’abbiamo resa fruibile anche a colleghi forestieri che tanto stanno prodigandosi affinché anche fuori dal territorio di origine la pizza sia apprezzata e gradita dai gourmet». Ed in effetti, di validissimi pizzaioli ve ne sono oramai in tutto il Belpaese ed anche nel resto del mondo.

Luca Doro (Arte dei pizzaiuoli Patrimonio Unesco Napoli in festa come ai tempi di Maradona)
Luca Doro

Ed eccoci a Francesco Gallifuoco dell’omonima pizzeria nei pressi della stazione centrale di Napoli; precise ed appassionate le sue considerazioni: «Credo che sia un inizio e non un traguardo fondamentale per tutti noi pizzaioli. Ricordo che da piccolo avevo vergogna di dire il mestiere di mio padre, perché in effetti non era un mestiere, non era riconosciuto dalle istituzioni ed era svolto da persone di basso ceto sociale. Oggi grazie all’impegno ed alla rivoluzione che ha investito questo nostro mondo della pizza, siamo tutti più cresciuti professionalmente e viviamo questo mestiere in modo diverso. Tutto ciò è molto bello e ci ripaga degli sforzi che abbiamo fatto, sia da noi giovani che da coloro i quali, ben prima di noi, portavano avanti con passione e dedizione questo mestiere. Il riconoscimento Unesco è importante per Napoli e per noi pizzaioli napoletani proprio perché deve tutelare quella che è e deve rimanere un’arte. Arte e tradizione e non un qualcosa su cui possono mettere le mani i colossi industriali».

Francesco Gallifuoco (Arte dei pizzaiuoli Patrimonio Unesco Napoli in festa come ai tempi di Maradona)
Francesco Gallifuoco (foto: grandenapoli.it)

E concludiamo con altra piacevole ed interessante telefonata: Ciro Coccia, patron della pizzeria La Dea Bendata di Pozzuoli (Na): «Giorno di festa, certamente. Ma ricordiamo bene, perché a me sembra che si siano generati equivoci, che il riconoscimento non è andato alla pizza bensì all’arte dei pizzaioli napoletani. Ed è grazie a quest’arte, sedimentatasi ed accresciutasi nel corso dei secoli, che si addiviene a quella prelibatezza che è la pizza napoletana oggi. Arte che non può subire effetto sclerosi. Arte che deve sapersi tenere bene in vita e per fare ciò occorre badare sempre più e sempre meglio alla formazione dei giovani pizzaioli».

Ciro Coccia (Arte dei pizzaiuoli Patrimonio Unesco Napoli in festa come ai tempi di Maradona)
Ciro Coccia

Insomma, questo riconoscimento Unesco, così atteso e così ben meritato, non è né un punto di arrivo, né un punto di partenza. Possiamo dire che è un punto di flesso a testimoniare responsabilmente che la pizza ha un grande passato ed ha anche un radioso futuro.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


pizza pizzaiolo Arte dei pizzaiuoli napoletani Unesco Patrimonio dellUmanita Napoli Maradona

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®