Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 18 novembre 2019 | aggiornato alle 13:14| 62063 articoli in archivio
Rational
Pentole Agnelli
HOME     PROFESSIONI     PIZZAIOLI
di Gabriele Ancona
vicedirettore
Gabriele Ancona
Gabriele Ancona
di Gabriele Ancona

Verace Pizza Napoletana
Innovazione nel nuovo manifesto

Verace Pizza Napoletana 
Innovazione nel nuovo manifesto
Verace Pizza Napoletana Innovazione nel nuovo manifesto
Pubblicato il 10 luglio 2019 | 15:03

Fermento a Napoli nella sede dell’Associazione Verace Pizza Napoletana, teatro della prima edizione delle Olimpiadi dedicate a questo prodotto identitario della tradizione partenopea.

Una tre giorni di gare, ma anche un momento di riflessione e approfondimento che ha visto l’associazione guidata da Antonio Pace modellare secondo le conoscenze di oggi il disciplinare internazionale per l’ottenimento del marchio collettivo “Vera Pizza Napoletana”, in vigore del 1984, redatto e registrato dall’Avpn.

Il nuovo manifesto firmato dai pizzaioli (Verace Pizza Napoletana Innovazione nel nuovo manifesto)
Il nuovo manifesto firmato dai pizzaioli

«Un adeguamento - ha annotato Massimo Di Porzio, vicepresidente Avpn - che si è focalizzato su dogmi come l'impasto di tipo diretto, la cottura, che deve essere sostanzialmente molto veloce e in forno a legna, e la manualità, fondamentale, perché la pizza napoletana è ancora un prodotto artigianale, fortunatamente. Abbiamo lavorato molto sui lieviti modificando la percentuale di lievito di birra da utilizzare, permettendo l'utilizzo del lievito di birra secco e inserendo il lievito madre, il lievito naturale che fa parte della tradizione della pizza napoletana».

Un lavoro nei dettagli che ha analizzato tematiche come la maturazione, che rappresenta una serie di processi biochimici ed enzimatici che rendono il prodotto più morbido, più digeribile, in linea con il dna della pizza napoletana. Sotto la lente anche il concetto di idratazione, l'assorbimento dell'acqua da parte delle farine; ne è stato determinato il range ottimale, spesso comunque fornito dai produttori.

Di grande attualità anche il focus sugli ingredienti, in particolare ampliando le tipologie di pomodori da utilizzare. Oltre al San Marzano e al pomodoro del Piennolo, la gamma prevede il Cannellino flegreo, il Corbarino, il Datterino, prodotti che vanno ad arricchire di sapore la pizza napoletana.

Al passo con i tempi anche l’apertura all'olio extravergine di oliva, «un tempo aggiunto a crudo solo ai clienti di riguardo», ha ricordato Di Porzio. Oggi un elemento fondamentale della Vera Pizza Napoletana, perché oltre a essere una tipicità nazionale va in emulsione con gli altri ingredienti e dona sapore, aroma, profumo e digeribilità, migliorando il potere antiossidante della pizza. «L’olio di semi sulla pizza punge, l’olio evo condisce», ha annotato Antonio Pace.

«Tante piccole varianti che si sono innestate sul solido corpus del disciplinare che rappresenta le nostre radici e hanno portato alla stesura del Manifesto della Vera Pizza Napoletana», ha aggiunto Massimo Di Porzio. Il Manifesto, firmato da tutti i pizzaioli presenti alla giornata inaugurale delle Olimpiadi, è un documento ufficiale che vuole fornire una perfetta sintesi dei punti nevralgici del disciplinare e allo stesso tempo sensibilizzare i maestri napoletani sulla necessità di collaborare e agire insieme per evitare che le imitazioni modifichino quest’antica arte.

La carta ha una struttura tematica che si articola in otto elementi: farina, impasto, manipolazione, farcitura, cottura, colore, profumo, innovazione.

Farina: sempre di grano tenero, anche con un po’ di crusca, ma non troppa. Il sale non va lasciato troppo tempo a contatto con il lievito.

Impasto: deve fermentare e maturare al massimo per un giorno. Forma a cupola per i panetti.

Manipolazione: l’impasto va accarezzato in modo da lasciarvi all’interno l’aria per farlo respirare.

Farcitura: al massimo con quattro ingredienti, oltre i condimenti. Devono essere semplici, stagionali e rappresentativi del territorio.

Cottura: in forno a legna. Il pizzaiolo inforna e fa roteare la pizza conoscendo le diverse temperature, da punto a punto, della platea. Circa un minuto il passaggio “a bocca di forno” per farla asciugare.

Colore: disco dorato. Cornicione leggero e ben alveolato, alto uno o due centimetri.

Profumo: non quello dei singoli ingredienti, né del pane, ma una magica emulsione.

Innovazione: ben accetta se contribuisce a migliorare il prodotto (non a modificarlo) e a semplificare i processi. L’innovazione di una tradizione deve garantire risultati o benefici maggiori, apportando quindi un progresso sociale.

Per informazioni: www.pizzanapoletana.org

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


pizza pizzeria pizzaiolo Associazione Verace Pizza Napoletana Napoli Olimpiadi disciplinare Manifesto Antonio Pace Massimo Di Porzio

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).