Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 05 marzo 2024  | aggiornato alle 16:09 | 103635 articoli pubblicati

Sai quanto inquina un hamburger?

Se gli americani rinunciassero ad uno dei tre hamburger di carne che, in media, mangiano ogni settimana si potrebbero eliminare le emissioni di gas serra corrispondenti a 12 milioni di auto circolanti per un anno

 
05 maggio 2022 | 07:30

Sai quanto inquina un hamburger?

Se gli americani rinunciassero ad uno dei tre hamburger di carne che, in media, mangiano ogni settimana si potrebbero eliminare le emissioni di gas serra corrispondenti a 12 milioni di auto circolanti per un anno

05 maggio 2022 | 07:30
 

Linquinamento si può combattere anche a tavola, con le proprie scelte alimentari. Se gli americani infatti rinunciassero ad uno dei tre hamburger di carne che, in media, mangiano ogni settimana, scegliendone uno a base vegetale, si potrebbero eliminare le emissioni di gas serra corrispondenti a 12 milioni di auto circolanti per un anno. A dirlo sono due ricercatori che hanno lavorato a scomporre gli elementi di base della carne rossa in proteine, grassi, acqua e oligoelementi, per creare un sostituto abbastanza simile alla carne di manzo prodotto interamente dalle piante, con un costo ambientale molto più basso.

Ne ha parlato la dottoressa Silvia Goggi, dietologa di Humanitas San Pio X presso l’ambulatorio Babygreen, in un articolo di Humanitas Salute che riportiamo di seguito integralmente.

Sai quanto inquina un hamburger?

Combattere l’inquinamento a tavola

Produrre un hamburger a base esclusivamente vegetale ha richiesto ai ricercatori tra 75 e 99% in meno di acqua, circa il 95% in meno di terreno arabile e ha generato il 90% di emissioni di gas serra in meno di un hamburger di carne.

«Uno dei modi più distruttivi di lasciare la nostra impronta sul pianeta – sostiene James Lomax, responsabile del programma Sistemi alimentari sostenibili e agricoltura delle Nazioni Unite – è produrre carne da allevamenti intensivi. I dati indicano che se le mucche fossero una nazione sarebbero il terzo più importante emettitore di gas serra al mondo e che per produrre un hamburger di 150 grammi, sono necessari più di 1.600 litri d’acqua».

Il piatto a più alto impatto ambientale

Hamburger e patatine fritte, oltre a non essere un piatto sano nonostante sia il più consumato nel mondo, è anche quello a più alto impatto ambientale. Secondo la Fao inoltre, la domanda di carne è in costante aumento. Si tratta dunque di pensare a come produrre e consumare carne con minore impatto ambientale. Secondo gli esperti della gestione sistemi alimentari sostenibili delle Nazioni Unite, per il benessere dell’uomo e del pianeta, è necessario, innanzitutto ridurre il consumo di carne proveniente da allevamenti intensivi.

I benefici per la salute di una dieta a base vegetale

«Rinunciare a un hamburger di carne non ha che effetti positivi per la salute. Le medesime proteine possono essere ritrovate in legumi, cereali, frutta secca e semi oleosi, che non solo hanno un minor impatto ambientale rispetto alla carne rossa, ma anche un apporto nullo di colesterolo – ha detto la dottoressa Goggi -. In un paese, l’Italia, dove come negli Usa la prima causa di morte è la cardiopatia ischemica non può fare che bene rivedere le proprie priorità in merito a quali fonti proteiche mettere nel proprio piatto».

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Notte Rossa
Tipicità
Bonduelle

Notte Rossa
Tipicità

Bonduelle
Union Camere
Nomacorc Vinventions