Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 25 luglio 2024  | aggiornato alle 05:40 | 106677 articoli pubblicati

Bufala Campana
Bufala Campana

Ma esistono davvero i formaggi magri?

Accostare la parola magro a formaggio può essere fuorviante, inducendo a un consumo eccessivo. I formaggi light poi hanno spesso minor contenuto di grassi o calorie, ma anche additivi e/o composti chimici

 
26 giugno 2024 | 07:30

Ma esistono davvero i formaggi magri?

Accostare la parola magro a formaggio può essere fuorviante, inducendo a un consumo eccessivo. I formaggi light poi hanno spesso minor contenuto di grassi o calorie, ma anche additivi e/o composti chimici

26 giugno 2024 | 07:30
 

Il formaggio, alimento radicato nella nostra cultura gastronomica, offre una varietà infinita di sapori e consistenze. Tuttavia, il suo consumo eccessivo, soprattutto di formaggi stagionati, può risultare dannoso per la salute a causa dell'alto contenuto di grassi saturi e sale. Questo fenomeno può verificarsi anche perché molti formaggi, specialmente quelli freschi, vengono considerati magri e quindi consumati senza le dovute attenzioni. Ci sono formaggi che possono essere considerati magri? Quanto formaggio si può mangiare a settimana? Risponde Matteo Cozzi, biologo nutrizionista nei centri medici Humanitas Medical Care.

Ma esistono davvero i formaggi magri?

Ci sono formaggi che possono essere considerati magri?

Esistono i formaggi magri?

Attenzione, diciamolo subito, ad accostare la parola "magro" a "formaggio": può essere fuorviante, inducendo a un consumo eccessivo.

Classificazione dei formaggi:

  • Magri (meno del 20% di grassi sulla sostanza secca): pochissimi, tendenzialmente solo quelli scremati.
  • Leggeri (20-39% di grassi): ricotta, fiocchi di latte, mozzarella, stracchino, crescenza.
  • Semigrassi (40-49% di grassi): fontina, groviera, emmental.
  • Grassi (50-62% di grassi): provolone, scamorza, provola.
  • Molto grassi (oltre il 62% di grassi): gorgonzola, taleggio, parmigiano reggiano.

Stagionatura:

  • Freschi (fino a 15 giorni): maggiore contenuto di acqua, porzioni leggermente più abbondanti.
  • Stagionati (oltre 15 giorni): minor contenuto di acqua, porzioni più ridotte.

Formaggi da preferire:

  • Freschi: ricotta (10-20% di grassi), stracchino (10-15% di grassi), mozzarella (17-20% di grassi).
  • Stagionati: parmigiano reggiano (32% di grassi), grana padano (32% di grassi).

Ora è bene ricordare che: 

  • Formaggi freschi: ricotta, stracchino, mozzarella. Contengono meno grassi e sale rispetto ai stagionati grazie alla maggiore percentuale di acqua.
  • Ricotta: tra i latticini con minor contenuto di grassi e sale (10-20% a seconda del latte utilizzato).
  • Feta: spesso considerata più salutare, in realtà ha valori nutrizionali simili ai formaggi freschi, con un contenuto di sale più elevato.
  • Mozzarella, crescenza, scamorza, stracchino: circa 20-25% di grassi.
  • Robiola: contrariamente al pensiero comune, ha un contenuto di grassi che può arrivare al 30%.

Formaggio: sì, ma con moderazione! Quanto mangiarne a settimana?

Il formaggio, elemento irrinunciabile della nostra dieta, è una ricca fonte di proteine, calcio e vitamina D. Tuttavia, l'eccesso di grassi saturi, sale e colesterolo contenuti in alcuni tipi di formaggio può rappresentare un rischio per la salute cardiovascolare.

Come consumare il formaggio in modo consapevole?

  • Non come aggiunta ai pasti o spuntino, ma come alternativa alle proteine.
  • Limitare il consumo a non più di 2 volte a settimana.
  • Dosare le porzioni: 50-100 grammi.
  • Inserire il formaggio in piatti unici come condimento per pasta, riso o cereali.
  • Scegliere formaggi freschi o light con attenzione.
  • Leggere l'etichetta nutrizionale e prediligere prodotti di qualità.

Formaggi light: attenzione alle insidie

I prodotti light, seppur con minor contenuto di calorie o nutrienti, possono indurre a un consumo eccessivo e spesso contengono additivi o composti chimici che ne peggiorano la qualità nutrizionale.

Chi dovrebbe limitare il consumo di formaggio?

  • Intolleranti al lattosio: evitare formaggi freschi a pasta molle.
  • Ipercolesterolemici e dislipidemici: prestare attenzione ai grassi saturi.
  • Ipertensi: limitare il consumo per l'alto contenuto di sale.

In generale, il formaggio è un alimento da consumare con moderazione all'interno di una dieta sana ed equilibrata.

Ricordate:

  • Scegliere formaggi freschi o light con moderazione.
  • Limitare la porzione a 50-100 grammi.
  • Consumare il formaggio come parte di un pasto completo e non come spuntino.
  • Prestare attenzione all'etichetta nutrizionale e scegliere prodotti di qualità.

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Comavicola
Brita
Senna
Molino Pivetti

Comavicola
Brita
Senna

Molino Pivetti
Di Marco
Mulino Caputo