Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 21 settembre 2019 | aggiornato alle 02:53| 61009 articoli in archivio
HOME     SALUTE     ALIMENTAZIONE
di Matteo Scibilia
Responsabile scientifico
Matteo Scibilia
Matteo Scibilia
di Matteo Scibilia

Il cibo esiste per nutrire la salute

Il cibo esiste per nutrire la salute
Il cibo esiste per nutrire la salute
Pubblicato il 11 settembre 2019 | 17:10

Salute e alimentazione, il grande dibattito del momento, un tema che coinvolge ed anima la comunità scientifica, le istituzioni sanitarie, gli organi di informazione e la categoria dei cuochi.

Le malattie legate all’alimentazione costituiscono una seria minaccia per la salute pubblica ed incidono in maniera sempre più elevata sul costo del welfare, basti pensare a malattie come il diabete, o a nuove sintomatologie come allergie e intolleranze sempre più diffuse. Il filosofo tedesco Ludwig Feuerbach già nel 1862, nel suo saggio Il mistero del Sacrificio più noto come “L’uomo è ciò che mangia”, sosteneva che la nostra salute fisica, spirituale e mentale deriva dalla qualità del cibo che ingeriamo e soprattutto che assimiliamo. Certamente un tempo tutto ciò era basato su osservazioni empiriche che oggi sono avvalorate da studi e ricerche scientifiche.

Mangiare bene aiuta a restare in salute (Il cibo esiste per nutrire la salute)
Mangiare bene aiuta a restare in salute

L’uomo oggi ha aspettative di vita superiore agli 80 anni, e nel corso della sua esistenza può ingerire oltre 30 tonnellate di alimenti, compreso chili di additivi alimentari, pesticidi, antibiotici, sostanze tossiche e se oggi diamo per certo della plastica diffusa nella catena alimentare, sicuramente qualche problema in più sorgerà, insomma una quantità enorme di sostanze e ingredienti che esercitano  sulla nostra salute e sul nostro organismo effetti molto più complessi che in un passato relativamente recente si poteva solo immaginare.

Il cibo viene visto come energia per il nostro corpo, calorie, gusto e piacere, ma soprattutto molecole che esercitano azioni chimiche e fisiche sulle nostre cellule arrivando a modificarne e sovvertire il normale funzionamento. Molte sono le nuove discipline che fanno sempre più spesso apparizione nel linguaggio scientifico/nutrizionale: l’epigenetica, la nutraceutica, la nutrigenomica, ma anche termini come alimurgia e foraging.

Certo una buona dieta alimentare, sana, come gli specialisti amerebbero dire, dovrebbe essere comunque discretamente povera di proteine animali e privilegiare proteine magre come il pesce o carni bianche, anche latte e albume d’uovo, la famosa Dieta mediterranea in fondo prevede che le proteine totali giornaliere, non dovrebbero superare il 15% delle calorie totali, e di queste proteine non più dell’8% di quelle animali, certo a fare i conti normali, tanto per capire facilmente, un consumo medio di 2.000 calorie al giorno prevedono 37 g di proteine, ma se 100 g di pollo contengono circa 23 g. di proteine è chiaro che forse non è possibile quel giorno mangiare anche formaggi o yogurt, invece bisogna aumentare le proteine vegetali, e soprattutto i cereali.

Ma la comunicazione è dalla parte del cittadino? La comunicazione di massa, sia televisiva che cartacea, ci propone una quantità ed una varietà di integratori alimentari, sia sotto forma di parafarmaceutici, ma sempre più spesso in sinergia con altri ingredienti alimentari: yogurt, biscotti, acque minerali, latte e tanti altri in cui l’aggiunta o almeno con la presenza di componenti salutistici, tutto questo sembra ci porti come Paese ai primi posti in Europa nel consumo di tali prodotti, ma come stanno effettivamente le cose? In un Paese come il nostro famoso per la dieta mediterranea, con una ricchezza di biodiversità territoriale, di frutta, verdure, pesce, carni, formaggi, olio d’oliva, vini, appunto con un mix che nessun altro paese al mondo ha, ma come mai questo mescolamento tra cibo e salute non viene valorizzato dalla classe medica? Forse fa comodo all’industria farmaceutica? Meglio vendere gli integratori?

Alcune acque minerali sono talmente ricche di sali minerali, per esempio magnesio e potassio, che sarebbe superfluo acquistare alcuni prodotti parafarmaceutici che hanno come base proprio queste due sostanze con costo medio di 15 euro a confezione, mentre l’acqua minerale costa un euro al litro. Ma questo chi lo racconta?

E allora: cosa bisogna mangiare per stare bene? Il regime alimentare migliore è quello che entra nella nostra dieta per rendere bello, piacevole e possibile quello che per la nutrizione è possibile. La dieta perfetta è quella che la persona riesce a far meglio, con gli ingredienti che piacciono, ed è soprattutto quella che prevede una giusta alimentazione con poche proibizioni e con le giuste quantità.

Bisogna sempre più spesso, e forse in maniera migliore, sottolineare che mangiare bene è una forma di medicamento naturale, il cibo buono possiamo definirlo un vero e proprio farmaco naturale, anche se sottolineo che ad ognuno il suo mestiere, il cuoco non è un medico o un farmacista, ma può sicuramente aiutare il medico scegliendo e cucinando bene quello che la natura mette a disposizione.

salute health benessere alimentazione cibo nutrire proteine carboidrati additivi alimentari pesticidi antibiotici calorie dieta mediterranea dieta medicine

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato a tutti i mezzi del network: la rivista mensile per la ristorazione Italia a Tavola, la rivista in versione digitale per un pubblico più vasto, le diverse newsletter Italia a Tavola settimanale rivolte ad un pubblico di esperti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza su tutti i principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch)
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato a tutti i mezzi del network: la rivista mensile per la ristorazione Italia a Tavola, la rivista in versione digitale per un pubblico più vasto, le diverse newsletter Italia a Tavola settimanale rivolte ad un pubblico di esperti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza su tutti i principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch)