ABBONAMENTI
Rotari
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 04 marzo 2021 | aggiornato alle 20:41| 72780 articoli in archivio
di Federico Biffignandi
Federico Biffignandi
Federico Biffignandi
di Federico Biffignandi

Usa, hot dog nelle scuole
«Ma in Italia non va tanto meglio»

Usa, hot dog nelle scuole 
«Ma in Italia non va tanto meglio»
Usa, hot dog nelle scuole «Ma in Italia non va tanto meglio»
Primo Piano del 20 gennaio 2020 | 12:00

Donald Trump ha rivisto le scelte alimentari destinate ai più giovani. Via frutta e verdura volute da Michelle Obama, dentro patatine fritte e pizza. Impensabile, ma prima è meglio guardare in casa nostra. Il nutrizionista Sacha Sorrentino si concentra sulla scarsa attività fisica e su menu poco equilibrati.

Gli studenti si fregheranno le mani, ma c’è poco da stare allegri. Negli Stati Uniti il ministero dell’Agricoltura ha varato un nuovo piano alimentare da attuare nelle mense scolastiche: stop a frutta e verdura inserite da Michelle Obama con il «The Healthy, Hunger-Free Kids Act» del 2010 e dentro patatine fritte, pizza, hot dog e hamburger.

Il sistema scolastico italiano deve migliorare per menu e attività fisica (Usa, hot dog nelle scuola Choc? In Italia non va tanto meglio)
Il sistema scolastico italiano deve migliorare per menu e attività fisica

Il sottosegretario Brandon Lipps ha spiegato che «le regole imposte dal governo Obama hanno avuto conseguenze non volute, impedendo alle scuole di adottare soluzioni innovative, come per esempio, la «colazione da asporto» («grab and go breakfast»). Assurdo, e dire che - stando alla comunicazione messa a disposizione dallo stesso Ministero - pare che la strategia sia stata condivisa da nutrizionisti, dirigenti scolastici, psicologi e così via. Ma la decisione finale è stata pesantemente condizionata dalla lobby del Big Food.

Senza bisogno di snocciolare troppi numeri è chiaro che la scelta sia stata presa per accontentare le varie aziende del settore, sia per motivi economici che politici. La scelta fa arricciare il naso soprattutto se rapportata al fatto che gli Stati Uniti, innovatori e precursori per antonomasia, non stiano mettendo tra le priorità la corretta alimentazione per i più giovani. Certo, da critica sferzante. Eppure, prima di guardare Oltreoceano, forse sarebbe il caso di sistemare la “politica interna”. Il caso delle mense scolastiche in Italia sta diventando annoso, sia per la qualità dei piatti proposti che per la richiesta delle famiglie di una dieta “fai da te”, ovvero il famoso panino portato da casa.

Ma c’è di più. Spesso i menu proposti nelle mense scolastiche sono tutto fuorché salutari e utili ad una crescita “educata” degli studenti (ad eccezione di qualche raro caso). Ne parla a questo proposito il nutrizionista Sacha Sorrentino: «Parlare di quello che accade negli States - chiarisce come premessa - è complicato perché è una cultura troppo diversa dalla nostra e subentrano dinamiche di difficile lettura. È chiaro che di primo acchito verrebbe da dire che sia una scelta fuori da ogni logica. Ma ritengo che anche il sistema italiano sia da rivedere. Spesso vediamo nei menu delle mense scolastiche che viene proposto primo-secondo-frutta e magari anche dolce. I ragazzi vengono sottoposti a sbazli glicemici non così salutari per la loro crescita, soprattutto alla luce del fatto che stanno molto tempo seduti».

Sacha Sorrentino (Usa, hot dog nelle scuole «Ma in Italia non va tanto meglio»)
Sacha Sorrentino

Le scelte alimentari scorrette però rientrano in una logica di cura del benessere dell’individuo generalmente poco corretta. «Al di là dell’alimentazione bisogna concentrarsi prima di tutto sull’attività fisica - prosegue Sacha Sorrentino - a costo di essere ripetitivi, va ribadito che il movimento è alla base di uno stile di vita corretto. Perché, ad esempio, la scuola punta così poco sull’attività fisica? Perché i ragazzi che fanno sport fuori dall’orario scolastico sono i più penalizzati a scuola? Non è un caso se poi i nostri atleti non sempre ottengono risultati eccelsi a livello internazionale (soprattutto a livello giovanile). Personalmente inserirei un’ora di attività fisica al giorno nelle scuole. Inoltre, sarebbe interessante rivedere il concetto di merenda a scuola: invece di fare 10 minuti di ricreazione dove i bambini mangiano di corsa e male, non ha più senso fare una merenda tutti insieme, con yogurt e frutta fresca; non ha senso dare più peso ad un’educazione alimentare più mirata e concreta?».

Il problema c’è ed è reale a livello nazionale: non bisogna infatti dimenticare che recenti dati sull’obesità infantile hanno messo l’Italia al primo posto in Europa con un bambino su tre nella fascia 6-9 anni che è obeso. «La tendenza - chiude Sorrentino - è preoccupante, non solo per lo scarso movimento, ma anche per una cultura del cibo che si sta sempre più perdendo a favore di un modo di alimentarsi internazionale e quindi meno sano. O facciamo passare il messaggio forte e chiaro che muoversi è determinante oppure diventa davvero difficile pensare di poter invertire la rotta».

© Riproduzione riservata


“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


salute health benessere obeso dieta alimentazione scuola mensa scolastica nutrizionista stati uniti sacha sorrentino donald trump michelle obama

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®