Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 16 luglio 2019 | aggiornato alle 02:43| 59990 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
HOME     SALUTE     STILE DI VITA

Dormire poco fa male al cervello

Dormire poco fa male al cervello
Dormire poco fa male al cervello
Pubblicato il 13 luglio 2019 | 15:38

Secondo una recente ricerca sono sufficienti cinque giorni di carenza di riposo per lasciare veri e propri danni strutturali a carico delle fibre nervose.

Dormire poco fa male al cervello. A dirlo è uno studio sui topi condotto da Chiara Cirelli della University of Winsconsin-Madison e Michele Bellesi dell'Università Politecnica delle Marche (Ancona). I loro risultati mostrano che la guaina protettita che isola i nervi, la mielina, si assottiglia in soli 5 giorni di carenza di sonno. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Sleep.

(Dormire poco fa male al cervello)

Nell'esperimento «abbiamo tenuto svegli i topi per 4 giorni e mezzo - ha spiegato Bellesi all'Ansa - quindi la riduzione di sonno è stata circa del 70% (cioè i topi dormivano solo un terzo del normale). Se volessimo translare questa limitazione del sonno a un uomo che dorma in media 7 ore a notte significherebbe farlo dormire circa due ore per notte per 4 giorni e mezzo».

Dopo questa limitazione del sonno sui topi, gli effetti non si sono fatti attendere, e, anzi, sono stati notevoli ed immediati: si è potuto notare una rapida riduzione della mielina, struttura fondamentale per la salute del cervello. Lo stesso danno potrebbe verificarsi anche con una deprivazione di sonno meno intensa ma più duratura nel tempo (ad esempio dormendo solo 5 ore per notte per diverse settimane).

«Non sappiamo se il deficit di mielina permanga a lungo termine - ha detto Chiara Cirelli - ma lo studio, il primo di questo tipo, suggerisce che ci possano essere danni strutturali dovuti alla perdita di sonno anche in una struttura come la mielina, considerata di per sé molto "stabile"».

Bisogna anche dimostrare che la stessa cosa accada nell'uomo, ha ricordato Bellesi. Una possibile direzione di questa ricerca, conclude, potrebbe essere proprio quella di utilizzare la tomografia ad emissione di positroni (Pet) con traccianti radioattivi per scoprire se la carenza di sonno determini una riduzione del contenuto di mielina anche nell'uomo.

Chiara Cirelli Michele Bellesi salute dormire sonno riposare mielina cervello danno

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato a tutti i mezzi del network: la rivista mensile per la ristorazione Italia a Tavola, la rivista in versione digitale per un pubblico più vasto, le diverse newsletter Italia a Tavola settimanale rivolte ad un pubblico di esperti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza su tutti i principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch)
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato a tutti i mezzi del network: la rivista mensile per la ristorazione Italia a Tavola, la rivista in versione digitale per un pubblico più vasto, le diverse newsletter Italia a Tavola settimanale rivolte ad un pubblico di esperti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza su tutti i principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch)