Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 25 settembre 2021 | aggiornato alle 17:13 | 78144 articoli in archivio

Cucina Italiana patrimonio Unesco, nominato il comitato scientifico per la candidatura ufficiale sostenuta da Bottura

Si concretizza l'iniziativa, nata la scorsa estate, per conquistare la tutela dell'arte culinaria italiana come bene immateriale. A sostenerla, tra gli altri, lo chef Massimo Bottura e un comitato di 11 esperti.

18 gennaio 2021 | 11:40

Cucina Italiana patrimonio Unesco, nominato il comitato scientifico per la candidatura ufficiale sostenuta da Bottura

Si concretizza l'iniziativa, nata la scorsa estate, per conquistare la tutela dell'arte culinaria italiana come bene immateriale. A sostenerla, tra gli altri, lo chef Massimo Bottura e un comitato di 11 esperti.

18 gennaio 2021 | 11:40

Parte la richiesta per veder riconosciuta la cucina italiana come patrimonio dell’Unesco. In linea con quanto già avvenuto per la cucina francese, anche quella del Belpaese punta a raggiungere lo stesso obiettivo. Il progetto, che ha preso piede la scorsa estate (da un’idea de La cucina italiana) e ha da subito coinvolto lo chef Massimo Bottura, si è ora concretizzato con la nomina di un comitato scientifico - composto da 11 membri - che avrà il compito di stilare un dossier da presentare a Parigi per sostenere la candidatura italiana.

Cucina italia, parte la richiesta di tutela all'Unesco - Cucina Italiana patrimonio Unesco Parte la candidatura ufficiale

Cucina italia, parte la richiesta di tutela all'Unesco

A spiegare la necessità di tale iniziativa, ci ha pensato lo stesso Bottura in un’intervista al Resto del Carlino in cui lo chef non usa mezzi termini: «La Dieta mediterranea è già patrimonio Unesco, ma non basta: l’Italia è molto di più». In termini culinari, «la nostra è una cucina semplice, basata su una grande materia prima, in cui si toccano solo gli ingredienti, senza stravolgerli».  

Circa la possibilità che la candidatura vada in porto, il tristellato si dice «molto fiducioso. La nostra Cucina è lassù in cima e continuerà a crescere. Dobbiamo pensare sempre al futuro, nel mio futuro io sempre futuro».

Gli 11 membri del comitato
A comporre il comitato tecnico scientifico che dovrà convincere l'Unesco sono: Alberto Capatti (storico dell'alimentazione e della gastronomia italiana), Giovanna Frosini (Accademia della Crusca), Massimo Montanari (docente di Storia dell'alimentazione all'Università di Bologna), Laila Tentoni (Presidente di Casa Artusi), Luisa Bocchietto (designer), Roberta Garibaldi (Associazione italiana turismo enogastronomico), Paolo Petroni (Accademia italiana della cucina), Vincenzo Santoro (Dipartimento cultura e turismo dell'Anci), Luca Serianni (Museo della lingua italiana di Firenze), Vito Teti (antropologo), Leandro Ventura (Istituto centrale per il patrimonio immateriale).

I precedenti
L’idea è quella di chiedere il riconoscimento della tutela Unesco a un patrimonio immateriale come la cucina italiana sulla falsariga di quanto già avvenuto per l’arte lituaria di Cremona, il canto a tenore sardo e l’Opera dei Pupi siciliani. Il precedente più prossimo su cui fa leva il comitato italiano è quello della cucina francese che, nel 2006, aveva avviato un percorso simile culminato, quattro anni più tardi, nel riconoscimento da parte dell’Unesco.

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali