Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 07 ottobre 2022 | aggiornato alle 20:47| 88474 articoli in archivio

Sostenibilità ad ampio raggio. Gli scenari della filiera alimentare

Diminuito lo spreco d’acqua e l’emissione di CO2. Il mercato dell’arte bianca è attivo. Un’evoluzione che dai campi raggiunge il consumatore, che rivaluta il negozio di vicinato

di Gabriele Ancona
vicedirettore
 
26 marzo 2021 | 18:11

Sostenibilità ad ampio raggio. Gli scenari della filiera alimentare

Diminuito lo spreco d’acqua e l’emissione di CO2. Il mercato dell’arte bianca è attivo. Un’evoluzione che dai campi raggiunge il consumatore, che rivaluta il negozio di vicinato

di Gabriele Ancona
vicedirettore
26 marzo 2021 | 18:11
 

Termine abusato, ma di sostanza quando argomentato e non sparato per riempirsi la bocca. La sostenibilità è un tema fondamentale e urgente. Accomuna tutte le filiere, quella alimentare in primis. L’industria alimentare è un patrimonio nazionale che negli ultimi 9 anni ha diminuito lo spreco d’acqua e l’emissione di CO2. I rifiuti sono più che contenuti, gli imballaggi sono stati ridotti del 35%, l’alluminio del 30%, il vetro del 60%. Il nostro Paese è in prima linea per dare un contributo alla strategia “Farm to Fork”, il piano decennale messo a punto dalla Commissione europea per guidare la transizione verso un sistema alimentare equo, sano e rispettoso dell’ambiente. Tocca molti aspetti della filiera, dall’agricoltura fino al modo in cui vengono etichettati gli alimenti.

Il futuro della filiera Sostenibilità ad ampio raggio Gli scenari della filiera alimentare

Il futuro della filiera


Il tutto con buon senso. L’etichettatura, per esempio, non deve essere regolamentata da politiche punitive così come l’utilizzo della plastica, di cui c’è un minimo bisogno. Vanno ridotti quantità e raggio d’azione, ma pugno di ferro nei confronti degli abusi.

In questo contesto da “green deal”, il comparto molitorio sviluppa un processo produttivo estremamente “semplice” e pulito, nel quale l’impatto ambientale è limitato al solo consumo di energia elettrica e all'utilizzo di acqua nella fase di condizionamento del frumento prima della sua macinazione. Una filiera che si può definire ad alto tasso di sostenibilità, impegnata da tempo nella difesa dell’ambiente. Tra le case histories da segnalare, quelle che vedono protagonisti Barilla e Agugiaro&Figna Molini.

Favorire la biodiversità dell’agroecosistema
Con l’obiettivo di arrivare al 100% della sostenibilità, con i partner fornitori si fa leva su un minor utilizzo di chimica e più biodiversità. Così è nata la “Carta del Mulino” per la filiera dei fornitori di Barilla, che coinvolge 3mila agricoltori,15 mulini e centinaia di centri di stoccaggio. Un disciplinare che scandisce ben 10 regole. Tra queste, l’adozione per le colture principali di un piano di rotazione per preservare la struttura del suolo, incrementando la fertilità e riducendo la presenza di parassiti ed erbe infestanti. Inoltre, per favorire la biodiversità dell’agroecosistema il 3% dell’area di coltivazione del grano tenero deve essere destinato alla coltivazione di fiori. Un’estensione importante: 1.800 ettari.

Il comparto molitorio sviluppa un processo produttivo pulito Sostenibilità ad ampio raggio Gli scenari della filiera alimentare
Il comparto molitorio sviluppa un processo produttivo pulito


Dare respiro al territorio
Su questa linea anche Agugiaro&Figna Molini, che con il progetto “Bosco del Mulino” ha deciso di destinare 13 ettari a bosco, 15mila tra alberi, arbusti ed essenze officinali per dare respiro al territorio e sostenere la sua biodiversità. Un’area a pioppeto nel parco fluviale del Taro per abbattere fino a 220mila kg di CO2 all’anno, creando un ecosistema che compensi le emissioni totali dell’attività molitoria.

Dalla farina al pane, alla sua commercializzazione. Con la pandemia il concetto di vicinanza ha riacquistato il suo valore d’origine. Il negozio del panettiere si è rivelato un luogo rassicurante per il suo accesso controllato e il rapporto umano, affettivo, di quartiere. Un esercizio che per certi versi si è dovuto reinventare e adattare ai nuovi stili di vita. I fornai sono diventati digitali ampliando il proprio raggio d’azione sul territorio con la vendita online. Una modalità inedita per intercettare la clientela.  Anzi, in futuro, i negozi di prossimità potranno prevedere di allestire spazi per offrire anche postazioni di lavoro. Lo smart working è entrato nei nostri costumi e ci sarà anche quando il virus sarà sconfitto. Si lavorerà in modo più agile e un po’ ovunque.

Per informazioni: ilboscodelmolino.it - www.mulinobianco.it

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Hotel - Fiera Bolzano 2022
Algida