Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 26 novembre 2022  | aggiornato alle 10:34 | 89789 articoli in archivio

La Lombardia contro la carne sintetica: “È una minaccia”

Regione Lombardia ha detto no alla produzione e commercializzazione della carne sintetica all'interno del territorio regionale: occorre difendere le filiere agricole e zootecniche lombarde

di Renato Andreolassi
 
14 novembre 2022 | 09:51

La Lombardia contro la carne sintetica: “È una minaccia”

Regione Lombardia ha detto no alla produzione e commercializzazione della carne sintetica all'interno del territorio regionale: occorre difendere le filiere agricole e zootecniche lombarde

di Renato Andreolassi
14 novembre 2022 | 09:51
 

Bistecca di plastica? No, grazie! È stata la risposta corale della Lombardia alla mozione sul cibo “non naturale” discussa e bocciata dal parlamentino regionale. «Il no del Consiglio regionale al cibo sintetico è un atto istituzionale e politico di grande rilevanza. La Regione Lombardia - ha detto in aula l'assessore All'agricoltura Fabio Rolfi - lavorerà in forte sinergia con il Governo per promuovere le eccellenze del nostro territorio e contrastare le fake news che circolano contro il settore agroalimentare. La sovranità alimentare è un tema cardine dei prossimi anni per aumentare la produzione di materie prime e tutelare il nostro sistema produttivo».

Il cibo italiano garantisce una sicurezza alimentare senza pari

«La categoria del cibo modificato - è stato ricordato al Pirellone - tra cui la carne sintetica, ha già un mercato di 500 miliardi di dollari nel mondo e secondo alcuni studi può raggiungere i 750 miliardi di dollari nel 2027. Ci sono grandi interessi economici che intendono dipingere il cibo tradizionale come inquinante e poco salutare. È esattamente il contrario: l'agricoltura italiana è la più sostenibile al mondo sotto il profilo ambientale, ha già raggiunto alcuni obiettivi indicati dalla Farm to fork e il cibo italiano garantisce una sicurezza alimentare senza pari. In Lombardia si alleva oltre il 50% dei suini italiani, il 25% dei bovini da carne e si produce il 45% del latte italiano. Per le filiere tradizionali il cibo sintetico è un pericolo, sia sotto il profilo economico che della sicurezza alimentare».

Occorre difendere le filiere agricole e zootecniche

Occorre difendere le filiere agricole e zootecniche altrimenti si apre il mercato agli alimenti creati in laboratorio e finanziati da grandi fondi di investimento. «Per questo motivo - ha concluso Rolfi - la Lombardia ha già aderito alla petizione mondiale per fermare lo sbarco a tavola del cibo sintetico, promossa al villaggio Coldiretti di Milano da World Farmers Markets Coalition, World Farmers Organization, Farm Europe, e Filiera Italia. Non mancherà il nostro presidio attivo in tutti i tavoli decisionali, a Roma come a Bruxelles, per impedire politiche contrarie agli interessi del mondo rurale». 

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali