Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 07 ottobre 2022 | aggiornato alle 10:51| 88442 articoli in archivio

Siccità, la Lombardia in stato di emergenza idrica

Attilio Fontana ha firmato il decreto che dichiara: “Lo stato di emergenza regionale” che resterà in vigore fino al 30 settembre 2022. Chiesta la massima collaborazione con i cittadini

di Renato Andreolassi
 
25 giugno 2022 | 10:38

Siccità, la Lombardia in stato di emergenza idrica

Attilio Fontana ha firmato il decreto che dichiara: “Lo stato di emergenza regionale” che resterà in vigore fino al 30 settembre 2022. Chiesta la massima collaborazione con i cittadini

di Renato Andreolassi
25 giugno 2022 | 10:38
 

Lombardia in stato di emergenza idrica. Nonostante le poche gocce d'acqua cadute nel pomeriggio di ieri, venerdì 24 giugno, il presidente Attilio Fontana ha firmato il decreto che dichiara: “Lo stato di emergenza regionale” che resterà in vigore fino al 30 settembre 2022. Un provvedimento atteso a causa della grave situazione di deficit idrico che sta interessando tutto il territorio e a sostegno della popolazione, dell'ambiente e delle attività produttive coinvolte.

Siccità, la Lombardia in stato di emergenza idrica


Situazione difficile in tutta Italia

Non sta meglio il resto d'Italia. Il ministro dell’Agricoltura Stefano Patuanelli ha dichiarato che: «C'è una situazione drammatica in molte Regioni. Probabilmente nel corso delle prossime settimane, quasi tutto il Paese entrerà in zona rossa».

 


Sulla stessa linea il sottosegretario Gian Marco Centinaio per il quale: «Non c'è più tempo da perdere, bisogna intervenire subito per tentare di limitare i danni nei campi, e salvare i raccolti e la produzione alimentare, già in gran parte compromessi. Sono necessarie misure straordinarie».

DolceVita


La collaborazione dei cittadini

Per tornare in Lombardia, il decreto firmato da Fontana raccomanda a tutti i cittadini di utilizzare la risorsa acqua in modo estremamente parsimonioso, sostenibile ed efficace, limitandone il consumo al minimo indispensabile. Si auspica anche l’attivazione, ove possibile, di fonti alternative di approvvigionamento idrico e si chiede di non utilizzare l'acqua potabile per il lavaggio delle strade, l'irrigazione dei parchi pubblici e degli impianti sportivi quali campi di calcio, tennis e golf. Insomma, bisogna risparmiare l'oro blu, perché scarseggia sempre di più.

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Hotel - Fiera Bolzano 2022
Algida

Nomacorc Vinventions