ABBONAMENTI
 
Ros Forniture Alberghiere
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 21 ottobre 2020 | aggiornato alle 09:27| 68696 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Molino Quaglia

Vicenza dichiara guerra al kebab
Le minoranze: come le leggi razziali

Vicenza dichiara guerra al kebab 
Le minoranze: come le leggi razziali
Vicenza dichiara guerra al kebab Le minoranze: come le leggi razziali
Pubblicato il 07 settembre 2020 | 11:40

L’assessore comunale al Commercio sta studiando un regolamento che vuole promuovere solo attività italiane e ancor di più vicentine. “No” anche a bar e ristoranti delle grandi catene.

No al kebab, ma anche a bar e ristoranti legati a grandi catene e “no” anche a grande distribuzione, distributori automatici di cibo e bevande, macellerie non italiane e negozi di oggettistica di scarsa qualità. Questo è quanto contenuto nel nuovo regolamento proposto da Silvio Giovine (Fratelli d’Italia), assessore al Commercio di Vicenza, che ha destato non poche polemiche.

Il centro storico di Vicenza punta sulle attività locali - Vicenza, kebab al bando Le minoranze: Da leggi razziali
Il centro storico di Vicenza punta sulle attività locali

«È come se fossero state propugnate delle leggi razziali nel commercio», dice a Repubblica Sandro Pupillo, consigliere comunale di centrosinistra. La delibera non è ancora stata approvata in commissione e in consiglio. Ma Vicenza, amministrata dall'avvocato Francesco Rucco, ormai ha deciso.



«Vado fiero e orgoglioso di questo provvedimento - dice l’assessore Giovine - per tutelare l’inestimabile valore del nostro patrimonio Unesco alzeremo la qualità dell’offerta commerciale incidendo sulle nuove aperture, prevediamo sanzioni progressive per chi sgarra».

Al bando dunque anche chincaglieria e bigiotteria di bassa qualità, oggettistica etnica, macellerie e pollerie non italiane. Ma sarà no anche per i supermercati, bar e ristoranti affiliati a grandi catene, fast food e distributori automatici di cibo. Secondo l'assessore le restrizioni serviranno a tutelare il Made in Vicenza. Un no secco al commercio multiculturale, un’idea non certo nuova che ha già riguardato altri comuni come Genova e Verona. Nel 2016 l’allora sindaco di Padova Massimo Bitonci - lo fece anche nel 2009 a Cittadella - portò avanti una crociata contro i kebabbari e il Tar gli diede ragione respingendo il ricorso degli esercenti. Ma nel 2018 il divieto fu cancellato dal consiglio comunale.

Venezia nel 2017 imitò il modello Bitonci. In principio fu Covo, 4mila abitanti in provincia di Bergamo: nel 2014 la giunta disse no ai negozi che vendevano il tradizionale cibo arabo. Poi venne Capriate San Gervasio, sempre nella bergamasca. Dalla provincia del profondo nord alla Capitale: nel 2013 l’Assemblea capitolina è intervenuta per disciplinare le attività commerciali nella città storica. Ma nulla a che vedere con i veti di Vicenza.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


ECONOMIAISTITUZIONI kebab carne commercio vicenza comune leggi razziali assessore fratelli ditalia venezia genova Silvio Giovine

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Caricamento...
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®