Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 18 gennaio 2022 | aggiornato alle 21:01 | 81102 articoli in archivio

Giorgetti valuta le aperture serali e promette ristori mirati

Positivo incontro tra la Fipe (Federazione italiana pubblici esercizi) e il ministro dello Sviluppo economico. Sul tavolo la richiesta di una distribuzione dei ristori proporzionale alle perdite. Il presidente Fipe, Lino Stoppani: «Contenti che abbia riconosciuto il valore sociale del nostro settore, troppo spesso dimenticato»

di Federico Biffignandi
24 febbraio 2021 | 15:57

Giorgetti valuta le aperture serali e promette ristori mirati

Positivo incontro tra la Fipe (Federazione italiana pubblici esercizi) e il ministro dello Sviluppo economico. Sul tavolo la richiesta di una distribuzione dei ristori proporzionale alle perdite. Il presidente Fipe, Lino Stoppani: «Contenti che abbia riconosciuto il valore sociale del nostro settore, troppo spesso dimenticato»

di Federico Biffignandi
24 febbraio 2021 | 15:57

Dopo aver incassato il sostegno di quello che in quel momento era il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli la Fipe ha dovuto ripartire da zero visto il ribaltone al Governo incontrando il suo successore, Giancarlo Giorgetti. È cambiato l’interlocutore, ma non il sentimento di positività e fiducia con i quali la delegazione della Federazione italiana pubblici esercizi è uscita dall’incontro che si è tenuto nel pomeriggio di martedì.

Sul tavolo, naturalmente, richieste di maggiori sostegni a bar e ristoranti da parte del Governo e una disponibilità a concedere deroghe sulle riaperture dei locali, anche la sera in zona gialla e a pranzo in arancione.

I ristoranti sperano nell'apertura serale - I ristoratori possono sorridere Giorgetti valuta le aperture serali

I ristoranti sperano nell'apertura serale

Stoppani (Fipe): Incontro positivo
Giorgetti, come Patuanelli, su questo ultimo punto ha abbozzato un primo parere favorevole anche perché le richieste di Fipe - come di consueto - sono state avvalorate e rafforzate dalle considerazioni espresse nei giorni scorsi dal Cts e dal fatto che nessuno studio scientifico ha mai dimostrato la pericolosità di bar e ristoranti ai fini di una maggiore diffusione del contagio. La disponibilità a riaprire c'è considerando, va da sè, tutte le misure precauzionali in vigore dal primo giorno in cui i ristoranti hanno potuto riaprire dopo il primissimo lockdown; inoltre la riapertura sarà consentita solo nelle zone dove la situazione sanitaria rassicura e in quei locali che potranno garantire il necessario distanziamento. Taciuto, ma comunque valido e “pesante” ai fini della trattativa, l’accordo politico trasversale tra Salvini, Patuanelli e Bonaccini su maggiori aperture dei locali emerso poche ore prima dell’incontro Fipe-Giorgetti.

Tre criticità individuate dal Ministro
«Si è trattato di un incontro positivo - ha detto il presidente di Fipe, Lino Stoppani - che serviva per dare seguito a quello avuto con Patuanelli e anche per segnare un cambio di passo importante considerato l’alto profilo del nuovo Premier e la campagna vaccinale in evoluzione. In particolare ci hanno soddisfatto tre criticità individuate dal Ministro: da una parte ha voluto ribadire l’importanza di dare dignità ad ogni lavoratore, dipendente o autonomo e senza prospettive questa la si lede; dall’altra ha accolto la nostra idea di intervenire sul Ristori 5 per distribuire in modo selettivo e progressivo gli aiuti, ovvero destinandoli alle imprese davvero in difficoltà e in misura pari alle dimensioni del singolo bisogno perchè un conto è denunciare una perdita di fatturato del 20% e un altro è di denunciarne una dell'80%. Inoltre si è parlato dell’integrazione, all’interno del Pnrr (Piano nazionale di ripartenza e resilienza), di un progetto dedicato al rilancio dei pubblici esercizi, attore fondamentale per le filiere turistica e agroalimentare; infine ha citato il valore sociale dei pubblici esercizi in un tempo in cui si parla tanto di transizione ecologica e digitale rischiando di dimenticarsi dell’impatto che le nostre attività hanno sul tessuto sociale italiano».

Lino Stoppani - I ristoratori possono sperare Giorgetti valuta le aperture serali
Lino Stoppani

In chiusura di incontro, Stoppani ha anche voluto raccomandare al Ministro «tempi stretti su ogni decisione». Un'urgenza più che mai necessaria sia perchè i buchi di bilancio sono sempre più profondi, sia perchè la sensazione è che si possa battere sul ferro dell'avvicendamento governativo finchè è caldo e sembra dare buone prospettive.

Dal Ristori 5, 32 miliardi di euro
Per quanto riguarda il Ristori 5 va ricordato che il Governo aveva stanziato 32 miliardi di euro (+5,3 derivanti dal Ristori 4), garantendo priorità alle categorie più colpite dalla crisi e quindi turismo (con parentesi dedicata allo sci), bar e ristoranti. Alle partite Iva si era deciso di riservare circa 10 miliardi di euro. La bozza del nuovo decreto Ristori prevedeva anche altri 5 miliardi per la Cig in deroga anche se il ministro del Lavoro dell’epoca, Nunzia Catalfo già aveva chiesti più fondi anche per l'anno bianco per gli autonomi. Ora, dopo un mese abbondante di silenzio, tocca al Governo Draghi mettere mano al Decreto ed emanarlo. Darà ossigeno alle casse di ristorazione e turismo?

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali