Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 27 ottobre 2021 | aggiornato alle 16:22 | 78995 articoli in archivio

Venezia, stop definitivo alle grandi navi. Per il turismo si aprono nuove possibilità

La Camera ha votato a favore della legge che devia il traffico croceristico sul porto di Marghera. Che effetti sull'accoglienza? Claudio Scarpa (Albergatori veneziani): «Pronti a promuovere l'entroterra»

di Nicola Grolla
12 maggio 2021 | 18:56

Venezia, stop definitivo alle grandi navi. Per il turismo si aprono nuove possibilità

La Camera ha votato a favore della legge che devia il traffico croceristico sul porto di Marghera. Che effetti sull'accoglienza? Claudio Scarpa (Albergatori veneziani): «Pronti a promuovere l'entroterra»

di Nicola Grolla
12 maggio 2021 | 18:56

Dopo 1.600 anni di storia, Venezia è giunta a una soluzione sulla questione Grandi Navi. Con il sì espresso dalla Camera al decreto legge in materia di trasporti e disciplina del traffico croceristico nella Laguna (370 voti a favore dopo il voto positivo al Senato), i vascelli delle compagnie croceristiche non potranno più entrare nella città veneta passando per San Marco. Ma cosa significa tutto ciò per il turismo? «Le crociere sono molto importanti per Venezia, ma molto spesso la discussione è stata preda di radicalismi opposti. Una soluzione alternativa c'è sempre stata. Ora bisogna farla diventare operativa», è il commento di Claudio Scarpa, presidente di Ava - Associazione veneziana albergatori.

Venezia, con lo stop alle grandi navi il Canal Grande torna libero Venezia, stop alle grandi navi Per il turismo, nuove possibilità

Venezia, con lo stop alle grandi navi il Canal Grande torna libero


Cosa prevede la nuova legge? Approdo a Marghera

La nuova legge prevede da subito il divieto per le navi da crociera di arrivare alla stazione marittima di Venezia passando per il bacino di San Marco e dal canale della Giudecca per sfilare davanti al centro storico della città. Il nuovo percorso prevede l'attracco al porto industriale di Marghera. Per raggiungere la destinazione le navi dovranno percorrere il canale dei Petroli come suggerito dal sindaco della città lagunare, Luigi Brugnaro. «Là si potrebbe poi costruire un terminal croceristico che potrebbe ospitare tre, quattro grandi navi lasciando libero accesso alla città alla piccola croceristica. D'altronde, bisogna sempre ricordare che questo settore coinvolge 5mila lavoratori e relative famiglie e sostiene un traffico turistico consistente. Tanto è vero che, al di là dello stato attuale delle cose fortemente impattato dalla pandemia, il problema di Venezia semmai era l'overtourism», sottolinea Scarpa.


Scarpa: «Si aprono nuove possibilità per i territori circostanti»

Problema che lo spostamento dell'attracco a Marghera potrebbe riuscire a smorzare. «Quando arrivavano cinque, sei navi in un giorno potevano riversarsi sulla città 20-25mila turisti al giorno. Con questa soluzione c'è la possibilità di distribuire maggiormente i flussi al contempo promuovendo e rilanciando altre mete; a partire dall'entroterra. Penso alle ville venete, all'itinerario palladiano e molto altro», racconta Scarpa. Cosa più difficile, invece, se le grandi navi fossero state deviate a Trieste o Ravenna.

Dall'entroterra agli eventi, Venezia punta anche sul turismo enogastronomico per ripartire Venezia, stop alle grandi navi Per il turismo, nuove possibilità
Dall'entroterra agli eventi, Venezia punta anche sul turismo enogastronomico per ripartire


Biennale e Salone nautico primi appuntamenti, poi spazio all'enoturismo

Insomma, la decisione certificata dal voto alla Camera, oltre a mettere fine a uno dei temi più dibattuti degli ultimi anni ha il merito di aprire nuove possibilità. Magari non subito, visto che Venezia in quanto città d'arte "soffre" la concorrenza delle vicine spiagge, sebbene qualcosa si stia già muovendo: «La scelta di tenere in presenza la Biennale di Architettura e il Salone nautico ci daranno la possibilità di rodare i motori e presentarci pronti ai clienti che arriveranno per prendere parte a questi eventi. Leve da sfruttare per far ripartire le prenotazioni. Oltretutto, a partire da metà giugno, se tutto va bene saremo in grado di vaccinare tutti i nostri dipendenti per offrire agli ospiti esperienze in strutture Covid-free», afferma Scarpa. L'idea è quella di affinare l'offerta per farsi trovare pronti in autunno e la prossima primavera. Magari puntando sulla ristorazione: «Su sei stelle Michelin a Venezia, quattro sono detenute da ristoranti d'hotel. Questo per dire che è ora di smetterla con la tiritera che in albergo si mangia male. L'obiettivo, semmai, è quello di spingere ancor di più su questo aspetto agganciando le possibilità offerte dal turismo enogastronomico», conclude Scarpa.


© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali