Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 19 ottobre 2021 | aggiornato alle 07:33 | 78755 articoli in archivio

Luce e gas alle stelle: dal Governo 3 miliardi di aiuti a famiglie e piccole imprese

Le bollette energetiche rischiano di aumentare del 40% dall'1 ottobre. Dopo settimane di trepidazione, una buona notizia giunta direttamente dal presidente del Consiglio, Mario Draghi:Previsto infatti un fondo da 3 miliardi di euro che servirà per sostenere le spese anche di bar e ristoranti intervenendo, tra le altre cose, sul taglio dell'Iva

23 settembre 2021 | 18:47
Bollette spauracchio per i ristoratori Luce e gas alle stelle: per bar e ristoranti rincari da 12mila euro all'anno
Bollette spauracchio per i ristoratori Luce e gas alle stelle: per bar e ristoranti rincari da 12mila euro all'anno

Luce e gas alle stelle: dal Governo 3 miliardi di aiuti a famiglie e piccole imprese

Le bollette energetiche rischiano di aumentare del 40% dall'1 ottobre. Dopo settimane di trepidazione, una buona notizia giunta direttamente dal presidente del Consiglio, Mario Draghi:Previsto infatti un fondo da 3 miliardi di euro che servirà per sostenere le spese anche di bar e ristoranti intervenendo, tra le altre cose, sul taglio dell'Iva

23 settembre 2021 | 18:47

Da inizio ottobre le bollette di luce e gas potrebbero presentare conti salatissimi. Dal 1° ottobre infatti i rincari potrebbero salire al 45% in più per il gas e al 35% per la luce. Per bar e ristoranti è allarme rosso perché proprio mentre si sta lavorando per un autunno-inverno di quasi normalità, e quindi senza chiusure grazie alle norme sul green pass, ecco che la stangata potrebbe arrivare proprio dai consumi energetici. Il timore però si è ridimensionato nella giornata di giovedì quando il premier, Mario Draghi ha annunciato il taglio di alcuni oneri di sistema e l’ampliamento della platea della famiglie beneficiarie di bonus. 

Cosa prevede il decreto

Il Consiglio dei ministri ha approvato un decreto che vale oltre 3 miliardi e che prevede il taglio (momentaneo) di alcuni oneri di sistema e l’ampliamento della platea della famiglie beneficiarie di bonus.

Le misure sono così divise: due miliardi sono destinati a tagliare gli oneri generali di sistema, 450 milioni sono le risorse per il bonus alle famiglie più deboli. L’Iva sulle forniture di gas per "usi civili e industriali" sarà abbassata dal 10 al 5% come si auspicavano le associazioni di categoria, Fipe su tutte. Il mancato introito degli oneri di sistema è parzialmente compensato con l’utilizzo di una quota parte, pari a 700 milioni, provenienti dalle aste delle quote di emissione di CO2. L’intervento fa seguito a quello da 1,2 miliardi avvenuto a fine giugno per limitare anche in quell’occasione un aumento doppio delle bollette per il terzo trimestre, ma allora il governo era sceso in campo negli ultimi giorni possibili, mentre stavolta ha agito con una settimana di anticipo rispetto alla deadline del 30 settembre, giorno in cui l’Autorità Arera deve stabilire le nuove tariffe che entrano vigore il primo ottobre e sono valide fino al 31 dicembre.

Le parole di Draghi

«In assenza di un intervento del governo - ha affermato il presidente del Consiglio, Mario Draghi durante i lavori dell’assemblea nazionale di Confindustria - nel prossimo trimestre il prezzo dell’elettricità potrebbe salire del 40% e quello del gas del 30%», confermando quanto aveva detto già dieci giorni fa il ministro per la Transizione ecologica Roberto Cingolani dando per la prima volta la misura di quanto avrebbe potuto significare per le tasche degli italiani l’aumento del prezzo dei beni energetici e in particolare del gas. «Per questo - ha aggiunto Dragji -abbiamo deciso di eliminare per l’ultimo trimestre dell’anno gli oneri di sistema del gas per tutti, e quelli dell’elettricità per le famiglie e le piccole imprese». Il governo è impegnato «a disegnare strategie di lungo periodo per ridurre le nostre vulnerabilità».

Rincari da oltre 240 euro al mese

La preoccupazione era già scattata ad agosto quando il rincaro delle bollette era aumentato tra il 22 e il 24% rispetto all’agosto 2020. Ma, come detto, la curva è destinata a impennarsi ancora di più. Facendo due calcoli - per chiarire meglio la situazione di emergenza - significa che un locale che consuma 100mila kwatt l’anno potrebbe trovarsi a dover spendere 36mila euro ogni dodici mesi, rispetto ai 28mila che paga fino ad ora. Vuol dire un appesantimento di circa 800 euro al mese per ogni mese. Questa cifra di riferimento l’abbiamo utilizzata a titolo esemplificativo, è sopra la media nazionale, ma i rincari si noteranno comunque.

Mediamente si stima infatti che i consumi in bar e ristoranti si attestano attorno ai 30mila kwatt annui; ne consegue che la spesa sarebbe di circa 12mila euro e l’aumento mensile di oltre 240 euro. Cifre significative, soprattutto in un periodo di ripartenza, dove ogni minimo incasso e ogni minima spesa hanno un peso specifico superiore perché c’è da mettere una serie di pezze a buchi di bilancio che si sono generati tra il 2020 e il 2021.

 

Via l'Iva per aiutare le imprese?

Le associazioni di categoria - con la Federazione italiana pubblici esercizi in testa (Fipe) - si erano messe al lavoro per chiedere al Governo di intervenire con un sostegno alle aziende che gli consenta di limitare i danni e sono state accontentate. Le ipotesi erano: da una parte l’erogazione di incentivi o sostegni prettamente economici i quali però, l’abbiamo visto con il Covid, raramente sono in linea con le reali perdite denunciate; dall’altra parte l’ipotesi di sterilizzare l’Iva, ovvero “abbonarla”, aspetto che ridurrebbe notevolmente la somma che l’azienda dovrebbe erogare.

Gioca e Parti

 

Rincari di luce e gas da ottobre Luce e gas alle stelle: per bar e ristoranti rincari da 12mila euro all'anno

Rincari di luce e gas da ottobre

 

Quanto costano le offerte luce e gas del Mercato Libero

SOStariffe.it, sfruttando i dati raccolti con il comparatore di offerte energia elettrica e gas business, ha intanto analizzato i costi medi unitari di luce e gas andando anche ad evidenziare l’evoluzione registrata dai prezzi per i clienti business nel confronto tra il mese di febbraio 2021, poco dopo la partenza della procedura di “fine tutela”, e luglio 2021, in concomitanza con l’avvio del Servizio a Tutele Graduali.

Per quanto riguarda l’energia elettrica, dall’indagine emerge un costo medio dell’energia di 0,082 €/kWh per le tariffe monorarie a prezzo fisso e di 0,07 €/kWh per le tariffe monorarie a prezzo variabile. Nel primo caso, si registra una variazione del +18% rispetto a febbraio 2021 mentre nel secondo il rincaro è del +15% rispetto ai dati raccolti in precedenza. Rispetto al prezzo ARERA si registra un risparmio medio del 2,79% e del 17%.

Per le offerte multi-orarie, invece, in caso di tariffe a prezzo fisso i costi medi sono 0,0914 €/kWh (F1), 0,0912 €/kWh (F2) e 0,0768 €/kWh (F3). In base alla fascia oraria, l’incremento di prezzo registrato rispetto a febbraio 2021 è compreso tra il +26% ed il +28%. Il costo dell’energia è più basso rispetto al prezzo ARERA in F1 (del 4,8%) e più alto in F2 (del 9%) e F3 (-4,4%).


Le tariffe multi-orarie a prezzo variabile, invece, registrano i seguenti costi medi: 0,0743 €/kWh (F1), 0,0780 €/kWh (F2) e 0,0630 €/kWh (F3). Gli incrementi, rispetto al mese di febbraio 2021, sono pari, rispettivamente, al +3%, +12% e +20%. Il prezzo dell’energia risulta più basso rispetto ai prezzi ARERA in tutte le fasce: 22,6% in F1, 6,55% in F2 e 14% in F3.


Le offerte gas registrano, invece, un costo medio dell’energia di 0,2776 €/Smc per le tariffe a prezzo fisso (+10%) e di 0,1977 €/Smc per le tariffe a prezzo variabile (-17%).


I vantaggi del mercato libero per le imprese

Le offerte del Mercato Libero per le imprese garantiscono la possibilità di risparmiare, cifre considerevoli, sia sulle bollette dell’energia elettrica e del gas naturale. Rinviando la scelta di un nuovo fornitore, quindi, si rinuncia all’opportunità di risparmiare grazie alla possibilità di scegliere le condizioni contrattuali più vantaggiose ed in linea con le proprie esigenze.
Il passaggio al Mercato Libero può essere effettuato in qualsiasi momento, anche dopo la partenza del Servizio a Tutele Graduali per le piccole imprese e le microimprese coinvolte dalla procedura di “fine tutela”. Tale passaggio è gratuito e la scelta del nuovo fornitore può avvenire direttamente online, tramite il meccanismo di comparazione delle offerte luce e gas a disposizione www.sostariffe.it/energia-elettrica-gas/business/

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali