Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 07 dicembre 2022  | aggiornato alle 08:39 | 90071 articoli in archivio

Anche il bagnino ha perso il suo fascino: spiagge senza personale

L'allarme arriva dalla Versilia, ma riguarda molte località turistiche balneari italiane. Gli stabilimenti sono in difficoltà: qualcuno rischia addirittura di non aprire. E mancano anche le guide turistiche...

 
29 aprile 2022 | 12:29

Anche il bagnino ha perso il suo fascino: spiagge senza personale

L'allarme arriva dalla Versilia, ma riguarda molte località turistiche balneari italiane. Gli stabilimenti sono in difficoltà: qualcuno rischia addirittura di non aprire. E mancano anche le guide turistiche...

29 aprile 2022 | 12:29
 

Anche il bagnino ha perso il suo fascino. Persino uno dei mestieri simbolo della stagione estiva nelle località balneari deve fare i conti con l'ormai costante carenza di personale nel settore del turismo. L'allarme arriva dalla Versilia, dove alcuni stabilimenti potrebbero addirittura far fatica ad aprire, ma è un problema che coinvolge gran parte delle destinazioni turistiche italiane sul mare. 

E il ritorno del turismo ha fatto venire a galla un'altra criticità: mancano le guide turistiche. Molti professionisti infatti, a causa del Covid, hanno scelto altri lavori...

Anche il bagnino ha perso il suo fascino: spiagge senza personale

Mancano i bagnini: allarme in Versilia 

La stagione estiva è ormai alle porte ed entrano così in servizio anche i bagnini. Dal 1° maggio, nei lidi, dovrà essere garantita la sorveglianza nei festivi e pre-festivi dalle 9.30 alle 18.30. Poi, dal 15 giugno al 15 settembre, l'obbligo entrerà in vigore per tutta la settimana, dalle 9 alle 19. Nulla di straordinario o inusuale, peccato però che i bagnini non ci siano. 

A raccontarlo al quotidiano La Nazione è Marco Daddio, presidente dei balneari di Lido di Camaiore. «Ci sono problemi perché è in corso un ricambio generazionale tra i bagnini e purtroppo il periodo dei due anni di Covìd ha rallentato anche le frequenze dei corsi per attribuire i brevetti - ha sottolineato - Mancano le sostituzioni sui giorni liberi e le coperture dei periodi di pausa pranzo». 

Più drastico Luca Lippi, presidente dei balneari di Viareggio, sempre sulle colonne de La Nazione. «Abbiamo dei bagni che potrebbero avere delle difficoltà ad aprire - ha spiegato - Negli ultimi anni il numero dei bagnini era sempre diminuito, in più con il Covid i corsi sono rallentati e ora mancano le nuove leve. Oltre tutto, i ragazzi non li possiamo gettare subito nella mischia: vanno formati, ci vuole calma, è un mestiere di responsabilità». 

Anche il bagnino ha perso il suo fascino: spiagge senza personale

Nemmeno la Romagna ride 

Se la Versilia piange, la Romagna non ride. «Non troviamo personale - ha confessato al Resto del Carlino Diego Casadei, presidente della Cooperativa bagnini di Riccione - Agli annunci non risponde nessuno». I lidi si trovano così costretti ad arrangiarsi, magari trovando la soluzione interna, arruolando vale a dire figli e nipoti

La colpa? Per qualcuno è del reddito di cittadinanza. «Con un reddito garantito c’è chi se ne sta a casa e magari pensa a qualche lavoretto in nero per arrotondare», ha evidenziato Mauro Vanni, della Cooperativa Rimini Sud

Va così un po' dappertutto

Una situazione, quella emersa in Versilia ed Emilia Romagna, che si ripete un po' dappertutto. A Ostia, per esempio, mancano bagnini per le spiagge libere. E bagnini mancano anche all'Elba, a Jesolo e in Puglia. 

 

 

C'è anche il problema delle guide turistiche 

Detto dei bagnini, che si aggiungono a camerieri, cuochi ed altri professionisti della ristorazione e dell'accoglienza, le località turistiche devono fare i conti con un'altra carenza, quella delle guide. In questi due anni di Covid molte persone hanno deciso di intraprendere altri percorsi professionali e ora che il turismo è tornato è rimasto il vuoto. 

In questo caso l'allarme arriva da Ravenna, raccontato dal Corriere di Romagna, ma non si tratta di certo di un caso isolato. Nella città romagnola la quantità di guide ha subito un drastico calo e adesso, complice anche la forte ripartenza registrata a partire da Pasqua, i professionisti ravennati hanno bisogno di supporto dalla guide di tutta la regione. «Con le nostre forze non potevamo soddisfare tutte le prenotazioni giunte - ha confermato Federica Mazzotti di Confguide - Non è affatto semplice trovare rimpiazzi. La legge di riforma della nostra professione è ancora ferma e molti non si avvicinano per questo». 

Altri approfondimenti sul tema

 

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       



Perrier Jouet
Corman Elle Vire