ABBONAMENTI
 
Rational
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 13 maggio 2021 | aggiornato alle 08:21| 74821 articoli in archivio
Rational
Molino Quaglia
di Emanuele Bottiroli
Emanuele Bottiroli
Emanuele Bottiroli
di Emanuele Bottiroli

Enoturismo, c'è chi ha vinto la crisi. Ecco gli esempi nel mondo da seguire

Enoturismo, c'è chi ha vinto la crisi. Ecco gli esempi nel mondo da seguire
Enoturismo, c'è chi ha vinto la crisi. Ecco gli esempi nel mondo da seguire
Primo Piano del 03 gennaio 2021 | 08:30

Dal Global Report of Covid-19 Impact on Wine Tourism i casi delle cantine nel mondo che tra variazioni di fatturato e visitatoriù hanno resistito alla pandemia, incrementando i loro fatturati. Un'analisi di queste realtà fornisce linee guida per risollevarsi dalla crisi economica da oggi ai prossimi anni.

Winetourism.com ha presentato il "Global Report of Covid-19 Impact on Wine Tourism". Il rapporto si basa su un'indagine condotta nel periodo dal 16 al 23 novembre 2020. L'indagine è stata svolta scrivendo a 10.080 aziende vinicole in tutto il mondo e le risposte sono state raccolte da 1.203 aziende vinicole.

Consapevolezza delle reazioni al covid-19 aiuta le aziende vitivinicole alla scelta degli strumenti di ripresa - Enoturismo, siano un modello le aziende che hanno retto alla crisi
Consapevolezza delle reazioni al covid-19 aiuta le aziende vitivinicole alla scelta degli strumenti di ripresa

La panoramica del sondaggio: valutare l'impatto del Covid-19
L'obiettivo principale dell'indagine è stato quello di valutare l'impatto della pandemia mondiale Covid-19 sul lato dell'offerta dell'enoturismo (impatto sulle cantine). Un questionario online è stato distribuito alle aziende vinicole per analizzare l'impatto finanziario che la pandemia ha avuto, nonché la prospettiva futura delle aziende vinicole, sul turismo del vino.

Ulteriori domande sono state poste a gruppi più piccoli di aziende vinicole per comprendere meglio il tipo di turismo del vino da cui traggono reddito, la motivazione per impegnarsi nel turismo del vino e il tipo di visitatore a cui l'azienda si rivolge.

Le 5 domande del sondaggio
Il sondaggio comprendeva 5 domande riguardanti due aspetti principali. La prima parte intendeva valutare l'impatto del covid-19 sulle attuali attività delle cantine. La seconda parte dell'indagine ha riguardato le prospettive future delle cantine.

Le domande del sondaggio
  1. Qual è il fatturato della tua azienda vinicola nel settore dell'enoturismo nel 2020 rispetto all'anno precedente?
  2. Qual è il livello di visitatori internazionali presso la tua azienda nel 2020 rispetto all'anno precedente?
  3. Quando la tua attività di enoturismo tornerà a livelli normali?
  4. Quale sarà l'investimento della cantina nel turismo del vino dopo il covid-19?
  5. Come vedi lo sviluppo dell'enoturismo nella tua regione nei prossimi 10 anni?

Dalle risposte date si evincono diversi punti significativi circa l'enoturismo oggi. Il Covid-19 ha avuto un impatto estremamente grande sul business del turismo del vino per le cantine. La maggior parte delle cantine si aspetta che il turismo del vino torni ai livelli pre-Covid non prima del 2022. Oltre l'80% delle aziende vinicole prevede che l'enoturismo crescerà nella propria regione nei prossimi 10 anni.

Le variazioni del fatturato rispetto agli effetti della pandemia
Alle cantine è stato chiesto di valutare com’è cambiato il loro fatturato dall'enoturismo e il livello di visitatori internazionali ricevuti nel 2020 rispetto al 2019. La stragrande maggioranza delle aziende vinicole ha registrato una perdita significativa sia del fatturato che del livello di visitatori internazionali ricevuti.

Rispetto al 2019, le cantine intervistate hanno stimato il seguente effetto di fatturato sull'enoturismo 2020:
  • Il 31% delle aziende vinicole ha perso il 10-50% del proprio reddito.
  • Il 53% delle aziende vinicole ha perso il 50% o più del proprio reddito.
  • Il 10% delle cantine non prevede una variazione significativa del reddito.
  • Il 6% delle cantine vede un aumento del proprio reddito.

Oltre l'83% delle cantine intervistate ha visto il proprio fatturato impattato negativamente e nella maggior parte dei casi questo effetto è stato drastico, tagliando i ricavi di oltre la metà rispetto all'anno precedente.
Il 10% delle aziende vinicole non ha subito variazioni nei ricavi dell'enoturismo nel 2020.

Alcune cantine nel mondo hanno basi solide sul turismo nazionale, un aiuto rispetto al blocco dei viaggi - Enoturismo, siano un modello le aziende che hanno retto alla crisi
Alcune cantine nel mondo hanno basi solide sul turismo nazionale, un aiuto rispetto al blocco dei viaggi

Il "caso" dell'aumento di reddito legato all'enoturismo nel 2020
È interessante notare che un ulteriore 6% ha persino registrato un aumento del reddito durante il 2020. Un'ulteriore analisi dei dati mostra che tra i Paesi con dimensioni di campionamento robuste (campione dell'indagine nazionale superiore a 50: Italia, Francia, Spagna, Germania, Australia) ha una variazione della quota di cantine che prevede
un aumento del reddito dell'enoturismo per il 2020:
  • Australia: il 22% delle aziende vinicole aumenterà il proprio reddito.
  • Germania: l'11% delle aziende vinicole aumenterà il proprio reddito.
  • Francia: il 7% delle aziende vinicole aumenterà il proprio reddito.
  • Italia: il 2% delle cantine aumenterà il proprio reddito.
  • Spagna: l'1% delle aziende vinicole aumenterà il proprio reddito.

In Australia, 1 cantina su 5 ha visto un miglioramento del proprio fatturato di enoturismo. Al contrario, meno dell'1% delle aziende vinicole spagnole segnala un aumento del fatturato nel 2020 rispetto al 2019. L'Italia mostra anche una percentuale molto bassa di aziende vinicole che sono riuscite a capitalizzare il loro turismo enologico nel 2020. Francia e Germania hanno ottenuto risultati leggermente migliori. La pandemia Covid-19 ha innegabilmente avuto un effetto sostanziale e negativo sulle entrate del turismo enologico globale.

Gli studi e i dati empirici come spunto per fornire linee guida al settore
Sebbene questo sia stato il consenso generale fornito da prove aneddotiche, questa affermazione può ora essere confermata dai dati empirici di oltre mille aziende vinicole intervistate. Allo stesso tempo, vediamo che una percentuale minore di aziende vinicole è risultata vincitrice quest'anno, aumentando le entrate dell’enoturismo. La raccomandazione è di guardare più da vicino a queste aziende vinicole e capire quali fattori hanno permesso loro non solo di sostenere ma anche di intensificare le loro attività di enoturismo.

Tali studi potrebbero essere utilizzati per compilare una serie di buone pratiche e linee guida per aiutare altre aziende vinicole sia a ricostruire il loro turismo enologico a breve termine, sia a rendere le aziende meno suscettibili agli shock esterni a lungo termine.

Le variazioni a livello di visitatori internazionali rispetto agli effetti della pandemia
Rispetto al 2019, le cantine intervistate hanno registrato i seguenti cambiamenti nel livello dei visitatori internazionali:
  • Il 47% delle aziende vinicole ha registrato un calo di oltre il 90% nei visitatori internazionali.
  • Il 33% delle aziende vinicole ha registrato un calo di oltre il 50% nei visitatori internazionali.
  • Il 12% delle cantine ha visto un calo di oltre il 20% nei visitatori internazionali.
  • Il 7% delle aziende vinicole non ha registrato cambiamenti evidenti nei visitatori internazionali.

Ovviamente, le limitazioni ai viaggi sono la principale spiegazione del drastico calo dei visitatori internazionali. Di conseguenza, quelle aziende vinicole che hanno costruito un modello di business del turismo del vino orientato agli enoturisti internazionali sono particolarmente vulnerabili dal punto di vista economico.

La raccomandazione è di esaminare più da vicino come le cantine in Paesi e regioni specifici tendono a soddisfare il turismo internazionale rispetto a quello nazionale. Una base preesistente orientata al turismo interno avrà fornito alle cantine robustezza contro la carenza di visitatori internazionali (e il mancato guadagno da essa).

In assenza di tale base domestica, le aziende vinicole dovranno intervenire per aumentare il numero di visitatori nazionali che attraggono. Il successo nel farlo dipenderà dal tipo di esperienze che l'azienda intende offrire e da come queste vengono commercializzate, nonché da altri fattori al di fuori del controllo dell'azienda, come la vicinanza geografica, l'accessibilità, le dogane e le tariffe, ecc.

In sintesi: comprensione e innovazione per rialzarsi dalla crisi
In sintesi, insomma, la pandemia Covid-19 ha innegabilmente avuto un effetto sostanziale negativo sul turismo enologico globale. Le pandemie mondiali, la chiusura internazionale e nazionale delle frontiere hanno avuto un enorme impatto finanziario sulle cantine che operano nel turismo del vino. Tuttavia, come ha mostrato il sondaggio, c'è stato un piccolo gruppo di aziende vinicole che quest'anno sono risultate vincenti, aumentando i loro ricavi da enoturismo. Se esaminassimo più da vicino questo gruppo di aziende vinicole, potremmo capire i fattori che hanno permesso loro non solo di sostenere ma anche di intensificare le loro attività di enoturismo. Queste cantine potrebbero essere utilizzate come
esempi di buone pratiche per aiutare altre aziende vinicole sia a ricostruire il loro turismo enologico a breve termine, sia a renderle meno suscettibili agli shock esterni a lungo termine.

Consapevolezza, robustezza, investimenti e sostenibilità: alcune delle basi per la ripresa - Enoturismo, siano un modello le aziende che hanno retto alla crisi
Consapevolezza, robustezza, investimenti e sostenibilità: alcune delle basi per la ripresa

Innovazione è la parola chiave per le aziende vinicole per ricostruire la propria operatività, oltre che per far fronte alle future fluttuazioni del mercato. Essere innovativi ha aiutato le aziende vinicole ad adattare il loro lavoro all'enorme declino dei viaggi internazionali e a mantenere i ricavi. A giudicare dai commenti alle loro risposte al sondaggio, concludiamo quanto segue:
Progettare esperienze di enoturismo innovative attraverso l'implementazione di strumenti digitali li ha aiutati a mantenere i collegamenti con i propri clienti. Alcune aziende vinicole avevano aumentato il loro reddito attraverso un aumento delle vendite online, degustazioni di vini online e tour digitali alle cantine.

Covid-19 ha avuto un impatto senza precedenti sugli arrivi di turisti internazionali. Come afferma l'ONU-OMC, è diminuito in media del 70% nel periodo gennaio-agosto. Le aziende vinicole che avevano il loro modello di business dell'enoturismo basato sui visitatori internazionali si sono rivelate in una situazione di vulnerabilità.

Robustezza, consapevolezza e investimenti
Tuttavia, le aziende vinicole in alcuni Paesi e regioni tendono a soddisfare il turismo nazionale piuttosto che internazionale. Una base preesistente orientata al turismo interno avrà fornito alle cantine robustezza contro le mancate entrate dai visitatori internazionali.

Le aziende vinicole potrebbero voler intervenire per aumentare il numero di visitatori nazionali che attraggono o almeno essere consapevoli dei rischi associati alla dipendenza dai turisti internazionali. Il successo dipenderà dal tipo di esperienze che l'azienda intende offrire e da come queste vengono commercializzate, nonché da altri fattori al di fuori del controllo dell'azienda, come la vicinanza geografica, l'accessibilità, le dogane e le tariffe, ecc.

L'analisi delle prospettive future ha mostrato che la maggior parte delle cantine è positiva nei confronti del futuro dell'enoturismo sia nel lungo che nel breve periodo. Inoltre, il 32% degli intervistati prevede di aumentare gli investimenti nel periodo post-pandemia per sostenere una rapida ripresa.

La ripresa dell'enoturismo dalla pandemia Covid-19 è una buona opportunità per le aziende vinicole di concentrarsi maggiormente su modalità di produzione sostenibili e recuperare pratiche agricole tradizionali. Nel piano di ripresa potrebbe anche essere posto l'accento sulle comunità locali e il passaggio ai mercati interni.

© Riproduzione riservata


“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


vino beverage sondaggio consapevolezza robustezza investimento sostenibilita produzione ecommerce digital vendita enoturismo visitatori internazionali turismo crollo fatturato visita enoturismo cantine covid pandemia

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®