Allegrini
Ros Forniture Alberghiere
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 11 luglio 2020 | aggiornato alle 10:34| 66665 articoli in archivio
Sofidel Papernet
Ros Forniture Alberghiere
HOME     TURISMO     TENDENZE e SERVIZI
di Sabino Cirulli
Sabino Cirulli
Sabino Cirulli
di Sabino Cirulli

Roma e il paradosso del turismo
Su le presenze, giù il fatturato (-25%)

Roma e il paradosso del turismo 
Su le presenze, giù il fatturato (-25%)
Roma e il paradosso del turismo Su le presenze, giù il fatturato (-25%)
Primo Piano del 31 gennaio 2019 | 12:03

Duro contrasto alla shadow economy, maggior tutela nei sistemi di pagamento telematici ed estrema attenzione al food&beverage. Questi gli asset su cui puntano gli imprenditori romani della ricettività. Ne hanno discusso al 16° Albergatore Day, evento di Federalberghi Roma.

La giornata è stata divisa in due momenti, la mattina riservata a tavole rotonde dove si sono confrontate le istituzioni e il pomeriggio ad incontri di carattere più tecnico.

(Roma e il paradosso del turismo Su le presenze, giù il fatturato (-25%))

Dal palco, Giuseppe Roscioli, presidente di Federalberghi Roma ha denunciato una situazione ormai insostenibile: «Il turismo nella Capitale è esploso a livello di presenze ma paradossalmente il comparto non decolla, anzi ha una flessione del 25% del fatturato in un anno. Questo a causa della cosiddetta shadow economy, quella economia sommersa che si traduce in 33mila affitti brevi privati che nella maggior parte dei casi sono attività illegali con tutti i crismi della imprenditorialità. Non vi è nulla in regola, dalla tassa di soggiorno, all'autorizzazione del Comune, fino ad arrivare alla mancata denuncia della presenza degli ospiti in questura. A Roma il turismo deve continuare a svilupparsi senza che la città perda la sua anima e la sua atmosfera, sulla base di regole certe e rispettate da tutti. Questo è l'unico modo per restare competitivi e assicurare la qualità e gli standard che il mercato mondiale richiede».

Giuseppe Roscioli (Roma e il paradosso del turismo Su le presenze, giù il fatturato (-25%))
Giuseppe Roscioli

Sul tema è intervenuto Carlo Cafarotti, assessore allo Sviluppo Economico, Turismo e Lavoro di Roma Capitale: «Siamo consci del valore di questo comparto che traina l'economia del nostro territorio. A Roma non c’è spazio per l'illegalità per questo stiamo pensando a un nucleo di polizia turistica deputata ai controlli per proteggere gli operatori dalla concorrenza sleale, dal mancato versamento di contributi della tassa di soggiorno. Pratiche disoneste che riducono sia gli introiti che i posti di lavoro. Oggi chi mette a disposizione affitti brevi non rientra più nella logica di un privato cittadino ma in quella dell'imprenditore e quindi deve rispettare le regole del mercato».

Carlo Cafarotti (Roma e il paradosso del turismo Su le presenze, giù il fatturato (-25%))
Carlo Cafarotti

Una situazione di cui Roma è solo la punta dell'iceberg come spiega Bernabo Bocca, presidente nazionale di Federalberghi: «Si prova davvero vergogna a lavorare in un Paese dove i furbi rimangono assolutamente impuniti. Le leggi ci sono, basta farle rispettare ma purtroppo noi siamo la terra dei mille ricorsi, così in attesa che venga presa una decisione, tutto rimane in stand by. Il vero problema è che siamo perennemente in campagna elettorale e sono certo che un provvedimento che regolarizzi questo settore degli affitti brevi faccia sicuramente perdere voti. Noi chiediamo alla politica nazionale che lascino perdere i sondaggi che fanno perdere consenso tra i disonesti e si applichino regole e multe dure per far finalmente decollare un settore. All'estero, da Parigi a New York, si è molto più rigorosi e le sanzioni per chi sbaglia sono durissime. Se qui continuo ad applicare multe irrisorie chi perpetra comportamenti fraudolenti, continuerà a farlo. A chi mi domanda cosa vorrei, rispondo che un modello virtuoso c’è già: la legge della Regione Lombardia. Quella andrebbe benissimo per tutto il territorio nazionale».

Bernabo Bocca (Roma e il paradosso del turismo Su le presenze, giù il fatturato (-25%))

Dal canto suo Lorenza Bonaccorsi, assessore al Turismo e alle pari opportunità della Regione Lazio puntualizza come «il codice identificativo, importante per tracciare un perimetro regolare di queste attività, è obbligatorio ma il vero problema resta l'assenza di sanzioni e per quello ci si appresta a modificare la legge regionale del turismo del 2007 e a progettare un piano strategico del settore. Per poter ottenere risultati però bisogna lavorare in modo unitario, tutti dalla stessa parte, altrimenti gli sforzi non servono a nulla».

Nel corso della giornata è stato presentato l'accordo tra Federalberghi Lazio e Bpm, l'occasione per discutere di un altro problema che determina la perdita di redditività degli operatori: la sicurezza debole relativa alle carte di credito attraverso i sistemi di pagamento telematici. Walter Pecoraro, presidente Federalberghi Lazio ha rilevato come «con garanzie oggi spiccatamente a favore del cliente e commissioni sulle carte di credito troppo alte è necessario stabilire regole certe per gli imprenditori dell'ospitalità e per gli stessi clienti. Bisogna necessariamente mettere ordine in merito ai rimborsi e alle cancellazioni. Queste sono operazioni dove spesso gli hotel non sono tutelati, anzi vittime di comportamenti fraudolenti. ormai siamo andando sempre più verso un futuro con pagamenti gestiti online e attraverso app. Ben venga tutta questa tecnologia ma é necessario alzare i livelli di sicurezza».

Tutti concordi infine sul food & beverage come elemento di valore aggiunto per la produttività delle strutture ricettive. Il concetto di ospitalità in albergo si allarga sempre più e la ristorazione fa ormai la parte del leone insieme alla proposta legata al bere. Gli chef sono star capaci di attrarre clienti e le scelte di soggiorno dipendono anche dalla proposta enogastronomica che va curata nei dettagli fin dalla prima colazione.

Teresa Cremona, responsabile Selezione ospitalità per Touring evidenzia: «Il breakfast manca spesso di personalità ed è omologato in ogni struttura, invece bisognerebbe caratterizzarlo mixando tradizione, territorio e fantasia. Ormai i clienti si portano via come ricordo del soggiorno la prima colazione e anche chi è abituato a consumarla in fretta a casa con un semplice caffè in piedi, quando è in hotel esige che questa sia un rito con i suoi tempi e prodotti di alta qualità non banali. Deve diventare una sorta di storytelling, deve raccontare qualcosa del posto dove si soggiorna. Lo stesso dicasi per la merenda, altro momento che sta diventando sempre più importante. Basti pensare agli alberghi del Trentino Alto Adige che vi dedicano grande attenzione. Per chi torna in hotel dopo una intera giornata sulle piste da sci, il ristoro pomeridiano è fondamentale».

Antonio Magliulo, chef del Ristorante The Cesar presso l'Hotel la Posta vecchia di Ladispoli ha spiegato come si vada sempre più verso la personalizzazione dei menu a misura degli ospiti. «Ormai l'esperienza enogastronomica è quella più richiesta dai clienti che dopo aver assaggiato le specialità culinarie vogliono anche apprendere i segreti della preparazione. Non a caso si moltiplica l'offerta di richiesta di corsi di cucina, una fonte di alto reddito con minima spesa per gli hotel che li organizzano. Più che il pacchetto spa i turisti vogliono scoprire i segreti per realizzare delle fettuccine con le proprie mani e naturalmente dopo mangiarle».

«Sono cambiati i tempi in cui andare a cena o a prendere un aperitivo in albergo non aveva appeal - evidenzia Dario Laurenzi, fondatore di Laurenzi consulting - sempre più numerosi sono gli chef stellati il cui ristorante è all'interno di hotel, così come aumentano gli ospiti che pur non soggiornando chiedono di consumare un pasto. Focalizzarsi solo sulla redditività delle camere è un residuo del passato. Sta cambiando il modo di gestore la ricettivitá».

Albergatore Day ha registrato ben oltre mille partecipanti e 50 aziende espositrici annunciando per il 2020 una edizione ancora più ricca, due giornate che si terranno al Roma Convention Center La Nuvola.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


turismo tourism albergo hotel albergatore airbnb colazione Roma Italia capitale accoglienza Federalberghi

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Sofidel Papernet
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®