Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 14 novembre 2019 | aggiornato alle 17:53| 62019 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
HOME     TURISMO     TENDENZE e SERVIZI

Thomas Cook, 300 milioni di danni
Federalberghi scuote il Governo

Thomas Cook, 300 milioni di danni 
Federalberghi scuote il Governo
Thomas Cook, 300 milioni di danni Federalberghi scuote il Governo
Primo Piano del 18 ottobre 2019 | 09:59

Il fallimento del tour operator ha lasciato un buco in centinaia di strutture di accoglienza anche nel nostro Paese, ma dallo Stato non è ancora arrivato alcun provvedimento per sostenere attività e lavoratori coinvolti. Il presidente Bernabò Bocca: «Ci erano stati promessi dei fondi, invece l’Italia sembra disinteressarsene».

Sono centinaia, anche in Italia, gli alberghi che avanzato soldi dal fallimento di Thomas Cook (di cui abbiamo dato notizia nelle scorse settimane). Si parla (ma il calcolo è ancora provvisorio) di un danno complessivo di bene 300 milioni di euro di fatture impagate solo nel nostro Paese. Da tempo Federalberghi sta denunciando una situazione di difficoltà, che però è rimasta finora inascoltata. Da qui la dura presa di posizione del presidente dell’associazione, Bernabò Bocca, che è tornato a chiedere un sostegno al Governo, dopo il parere negativo espresso dalla V commissione del Senato.

Il danno del crack del tour operator è calcolato in Italia in 300 milioni di euro (Thomas Cook, 300 milioni di danni Federalberghi scuote il Governo)
Il danno del crack del tour operator è calcolato in Italia in 300 milioni di euro

«Molti sono i Paesi colpiti duramente dal crack di Thomas Cook, ma solo l’Italia sembra disinteressarsene – ha detto – La Spagna ha varato un pacchetto da 800 milioni di euro per sostenere le imprese e i lavoratori. Nel piccolo Portogallo, lo stanziamento è di 150 milioni. Anche la Grecia ha adottato misure, che spaziano dalla cosiddetta Iva per cassa a forme di sostegno al reddito dei lavoratori».

Bernabò Bocca (Thomas Cook, 300 milioni di danni Federalberghi scuote il Governo)
Bernabò Bocca

«Ci era stato assicurato che sarebbero stati utilizzati tutti gli strumenti necessari - prosegue Bocca - invece non è stato ancora fatto nulla. Siamo molto preoccupati per la sorte delle imprese e dei lavoratori italiani travolti dal fallimento di Thomas Cook. Il parere negativo riguarda infatti anche misure in favore dei lavoratori, che non costerebbero un centesimo alle casse dello Stato, in quanto sono state già pagate con i contributi dei datori di lavoro, e misure dal costo irrisorio, volte a evitare una beffa clamorosa, che le imprese subiranno se saranno costrette apagare Ires e Iva su crediti che non saranno mai incassati».

Bocca si rivolge poi al ministro del Turismo, Dario Franceschini, nella speranza di una sua «presa di posizione urgente, volta a far sì che anche le imprese e i lavoratori italiani ricevano un concreto segnale di attenzione e non si ritrovino, ancora una volta, orfane, mentre i nostri competitor dimostrano di avere realmente a cuore le sorti dell’economia turistica».

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


turismo tourism tour operator federalberghi alberghi crack fallimento thomas cook risarcimento buco milioni di euro Bernabo Bocca dario franceschini

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).