Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 18 aprile 2024  | aggiornato alle 21:18 | 104685 articoli pubblicati

Ginepraio Amphora Navy Strength, il gin toscano invecchiato in anfora

Un distillato 100% biologico e tracciabile in tutti i suoi ingredienti, che rivolge lo sguardo al passato, alle leggende di gin trasportati oltremare, in stiva, a contatto con la polvere da sparo

 
17 marzo 2021 | 10:01

Ginepraio Amphora Navy Strength, il gin toscano invecchiato in anfora

Un distillato 100% biologico e tracciabile in tutti i suoi ingredienti, che rivolge lo sguardo al passato, alle leggende di gin trasportati oltremare, in stiva, a contatto con la polvere da sparo

17 marzo 2021 | 10:01
 

Prodotto in Toscana, Ginepraio, il primo gin al mondo 100% biologico e tracciabile in ogni suo ingrediente, torna sulla scena con un'importante novità. Fedeli a una storia che viene dalle prime distillerie inglesi, che parla di marine e porti, i ragazzi di Levante Spirits hanno fatto nascere il primo gin navy strength italiano, con un volume alcolico di almeno 57 gradi, utilizzando successivamente anfore di cocciopesto per il suo invecchiamento.

Il gin di 57 gradi, ma morbido e rotondo, made in Tuscany

Il gin di 57 gradi, ma morbido e rotondo, made in Tuscany


Le leggende attorno al Navy Strength
Una storia lunga secoli, tramandata di porto in porto, di marinaio in marinaio, quella del Navy Strength, il gin che veniva trasportato sulle navi britanniche. C’è chi dice che nelle stive delle navi solitamente gin e polvere da sparo viaggiassero insieme, e che qualora la polvere fosse venuta accidentalmente in contatto solo con un gin a 57 gradi, non avrebbe perso la propria utilità. L'altro fronte, non meno poetico, nasceva dalla necessità di verificare la qualità del prodotto a bordo. I marinai, per evitare truffe (come l’inserimento dell’acqua nelle botti) bagnavano il gin con la polvere da sparo, dando poi fuoco al tutto. Se s'appiccava un incendio, significava che il gin era "a grado".

Biologico e tracciabile
Ginepraio - distribuito in Italia da Rinaldi 1957 - racconta questa storia creando un gin dalla sostenuta gradazione alcolica, che mantiene però la rotondità e la morbidezza caratteristiche. Un gin che mantiene anche le proprie botaniche originali - ginepro del Chianti, della Maremma e Aretino, rosa canina, coriandolo, angelica, buccia di arancia, limone ed elicriso - tutte rigorosamente certificate toscane e biologiche.

A differenza del primogenito, Ginepraio Amphora Navy Strenght – recentemente insignito della Medaglia d'Oro allo Spirit Selection 2020 del Concours Mondial de Bruxelles 2020 e già Medaglia d'Oro al China Wine & Spirits Awards 2019 - viene tagliato a 57% contro i 45% del primo e viene lasciato riposare circa 6 mesi all'interno di anfore di cocciopesto da 370 litri circa.

La particolarità dell'anfora usata per l'invecchiamento
L’anfora usata per l’invecchiamento del navy strength è un'anfora di cocciopesto, antico materiale scoperto per caso dai Fenici prima e dai Romani poi, fatto di inerti vari, oggi riportato in auge dall'azienda Drunk Turtle. Ha certificazione alimentare ed è usata ai giorni nostri soprattutto per l’invecchiamento di vini. In questi sei mesi di invecchiamento, la micro-ossigenazione permessa dall’anfora dona al distillato una qualità organolettica superiore, un’importante struttura e un ottimo bilanciamento delle botaniche, sprigionando così i profumi primari e secondari tipici di ogni componente. Ne consegue un assaggio di lunga persistenza e molto gradevole.

In etichetta è riportato l’anno di distillazione, a voler sottolineare la ricercatezza del prodotto, quasi fosse un millesimato. I 6 mesi dell'invecchiamento non sono casuali: vogliono ricordare la tempistica del periodo medio di navigazione delle Navi della Marina Militare Inglese, tempo in cui il gin imbarcato veniva stipato all'interno di contenitori (come le anfore o le botti) e stipato vicino alla polvere da sparo. La bottiglia di Ginepraio ricorda una flebo ospedaliera, poiché in passato il gin era usato nella cura delle malattie renali e gastrointestinali.

Scheda tecnica e note di degustazione
  • Colore: limpido, trasparente
  • Profumo: note di ginepro prevalgono nel bouquet, secco come ogni London Dry Gin che si rispetti
  • Palato: ginepro preponderante, note balsamiche dell’elicriso ammorbidite dalla sinuosità e rotondità della rosa canina (petali e cinòrrodo) e dalla freschezza degli agrumi
  • Finale: agrumato, lunghissimo per via dei 6 mesi di invecchiamento in anfora di cocciopesto, che ingentilisce i 57 gradi di volume alcolico
  • Volume: 57%
  • Formato: 50 cl
  • Prezzo medio al pubblico: 46 euro

Per informazioni: ginepraiogin.com

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       



Prugne della California
Brita
Siggi

Nomacorc Vinventions
Torresella