Molino Quaglia
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 02 giugno 2020 | aggiornato alle 23:01| 65918 articoli in archivio
HOME     VINO     AZIENDE e CANTINE
di Marco Di Giovanni
Marco Di Giovanni
Marco Di Giovanni
di Marco Di Giovanni

Il nuovo volto vinicolo di Artimino
dà linfa alla Docg del Carmignano

Il nuovo volto vinicolo di Artimino 
dà linfa alla Docg del Carmignano
Il nuovo volto vinicolo di Artimino dà linfa alla Docg del Carmignano
Pubblicato il 08 febbraio 2020 | 11:32

Realtà Patrimonio Unesco a pochi km da Firenze che oggi fa del Carmignano il proprio vino bandiera. Punta di diamante della gamma il Grumarello: 30 mesi in botte, affinamento in bottiglia.

Dal cuore verde della Toscana a Milano. Un viaggio andata e ritorno, che ha portato la Tenuta di Artimino nel capoluogo meneghino per la presentazione dei suoi vini e della filosofia che ci sta dietro. Il ritrovo è stato ToscaNino, una scelta ponderata, sia per la quiete della saletta privata, sia per quella full immersion nel made in Tuscany che per il ristorante è portabandiera.

La nuova gamma di vini Tenuta di Artimino, presentata a Milano (Il nuovo volto vinicolo di Artimino dà linfa alla Docg del Carmignano)
La nuova gamma di vini Tenuta di Artimino, presentata a Milano

La tenuta, di per sé, non ha certo bisogno di presentazioni: oltre a essere stata location scelta per la trascorsa edizione del Premio Personaggio dell'anno di Italia a Tavola, grazie alla sua struttura tanto estesa quanto polifunzionale e alla sua posizione privilegiata, in un verde incontaminato a 20 km appena da Firenze, è meta caldamente considerata per ricevimenti, matrimoni (specialmente indiani, ci viene detto) ed eventi.

Un breve accenno alla sua storia è doveroso: (temporalmente) ultima villa Medicea, è stata acquistata nei primi decenni del '900 da Giuseppe Olmo, noto ciclista degli anni '30 (meno noto di chi l'ha seguito, causa la mancanza dei riflettori mediatici in quegli anni - suo il record dell'Ora al Vigorelli di Milano nel '35), capostipite, se vogliamo, della famiglia che oggi, la Tenuta di Artimino l'ha trasformata in un resort di alto livello, un'oasi del "bien vivre".

Villa medicea La Ferdinanda (Il nuovo volto vinicolo di Artimino dà linfa alla Docg del Carmignano)
Villa medicea La Ferdinanda

Passano gli anni, passa il testimone: oggi volto e cuore, mente e timoniere dell'azienda è Annabella Pascale. Lei è Donna del Vino, diplomata Onav, ma anche donna di mondo, che si divide tra la Toscana, dove mette l'anima, e Milano, dove trova - in controtendenza rispetto all'immaginario comune - pace e ristoro. Ma è anche donna di marketing: suo infatti il progetto Artimino 1596, ragione prima della nostra trasferta a Milano. Un progetto vinicolo che racchiude e valorizza la storia della Tenuta, l'identità di un territorio, in questo caso rappresentata dalla Docg del Carmignano.

La Tenuta di Artimino si trova nell'area di produzione del Carmignano Docg (Il nuovo volto vinicolo di Artimino dà linfa alla Docg del Carmignano)
La Tenuta di Artimino si trova nell'area di produzione del Carmignano Docg

La Tenuta di Artimino infatti si trova nell'area di produzione del Carmignano Docg, denominazione antichissima già celebrata dai Medici stessi: «Il Carmignano Docg è un po' il nostro vino bandiera, il vino che più ci rappresenta. È una Docg piccolissima che è stata proprio inventata dai Medici. Da circa 300 anni è stato creato questo editto firmato Cosimo III, che ha unito il Sangiovese, il vitigno toscano per eccellenza, con il Cabernet, nel nostro caso Cabernet Sauvignon. Oggi a produrlo siamo circa in 11-12 produttori, davvero pochi», un numero tale per cui il Carmignano può definirsi «una vera chicca toscana».

I vini di Artimino, nati tra i filari in Toscana e giunti al ToscaNino di Milano (Il nuovo volto vinicolo di Artimino dà linfa alla Docg del Carmignano)
I vini di Artimino, nati tra i filari in Toscana e giunti al ToscaNino di Milano

Nate dai filari di Artimino, racchiusi come in un territorio delimitato, tra la collina e la Tenuta, e arrivate a Milano, le etichette prescelte dall'azienda sono state degustate in un felice abbinamento ai piatti della tradizione toscana reinterpretati dalla cucina del locale milanese.

Un aperitivo di benvenuto, invitanti tartellette un po' al pomodoro condito, un po' al patè di coniglio, e in accompagnamento il Vin Ruspo. Questo vino merita indubbiamente qualche parola spesa, per la curiosa storia che ha alle sue spalle: bisogna tornare indietro fino a quando in Italia i mezzadri lavoravano i campi e i signori godevano dei loro frutti... Il povero contadino, sfruttato all'inverosimile, in tempo di vendemmia ritardava il trasporto in fattoria dell'ultima tinella di uva ammostata; durante la notte, poi, tornava e ne "ruspava" un certo quantitativo di mosto, che finiva nella sua cantina. Spesso e volentieri i signori erano a conoscenza di questi "piccoli furtarelli", ma per non dar vita a malumori chiudevano un occhio. Oggi il Vin Ruspo non è più vino da tavola improvvisato in cantina, ma anzi è vino certificato, che proprio per questo, sottostando a un disciplinare, deve fregiarsi del titolo Barco Reale di Carmignano Doc (quello degustato con Artimino è del 2018). Un rosato con un elevato (ma poco percepito in bocca) grado alcolico, di un rosa cerasuolo che Annabella vuol "scaricare" quel tanto che serve a renderlo più simile alla cromatura tipicamente provenzale, quella che "va di moda".

Vin Ruspo, Barco Reale di Carmignano Rosato Doc (Il nuovo volto vinicolo di Artimino dà linfa alla Docg del Carmignano)
Vin Ruspo, Barco Reale di Carmignano Rosato Doc

Il Ser Biagio, anch'esso Barco Reale di Carmignano Doc 2018, è di un bel rosso rubino, con note di frutti rossi e una buona freschezza. Servito in abbinamento ai classici Taglieri toscani, tra salumi e formaggi della regione, una ciotola abbondante di Pappa al pomodoro e una di Ribollita.

Con il primo piatto, degli ottimi Paccheri di pasta fresca con cavolo nero e salsiccia chiantigiana, Annabella ha voluto mettere a confronto due annate diverse di una delle due Docg di Carmignano di Artimino: il Poggilarca 2016 e il Poggilarca 2015. Entrambe ottime espressioni di un vino i cui sentori di frutti rossi precedono una nota vanigliata, si distinguono per le due annate differenti: l'annata del 2015, contrassegnata da un'estate particolarmente calda, ha dato ai vini maggior finezza e profumi piuttosto che potenza e corpo; quella del 2016, più equilibrata, ha prodotto vini con una buona struttura, propensi a svelare profumi terziari nel tempo.

Il Guancialino di manzo stracotto al Carmignano Riserva con purè di patate è stato il "pretesto" per comparare due diverse annate di quello che Annabella vuole sia il vino simbolo di Artimino, il Grumarello. Anch'esso Carmignano Docg come il Poggilarca, non fa come quest'ultimo «solo un anno di invecchiamento in botte», ma «30 mesi di invecchiamento in botte e poi affinamento in bottiglia».


Le due annate degustate sono state 2013 e 2015. Non una casualità: da un'annata all'altra, la decisione aziendale è stata quella di prolungare il periodo di invecchiamento in botte. Se per la 2013 i mesi erano "solo" 24, con la 2015 si è deciso di passare ai 30, e i risultati si sentono. Il Grumarello (tipologia 2015) vuole essere il portabandiera di tutta la gamma produttiva dei Carmignano Tenuta di Artimino. Non per altro, il 2015 è stato un anno significativo per la cantina: è entrato a far parte della "grande famiglia Artimino" l'enologo Filippo Paoletti, che ha congiunto con la filosofia della Tenuta il suo credo: seguire la tradizione per valorizzare ogni uva, i suoi profumi, le sue caratteristiche e accompagnare così il vino verso la maturità, aiutandolo ad esprimersi e a raccontare la sua tipicità.

«La particolarità di questa serata - chiosa al termine della cena Annabella - è che finalmente siamo pronti per presentare tutta la nostra nuova gamma, una gamma che rappresenta il nostro nuovo enologo, Filippo Paoletti, ma soprattutto questa nuova filosofia produttiva del vino, che è fatta da noi, che siamo la terza generazione della famiglia Olmo, che vogliamo far conoscere a tutto il mondo questa antica Docg e rappresentare al meglio quello che è il terroir del Carmignano».

Occhio di Pernice Vin Santo di Carmignano Doc 2011 e i Cantucci di Prato (Il nuovo volto vinicolo di Artimino dà linfa alla Docg del Carmignano)
Occhio di Pernice Vin Santo di Carmignano Doc 2011 e i Cantucci di Prato

Una cena che, è giusto specificarlo, si è conclusa con un classico e dolce abbinamento tipicamente toscano: i Cantucci di Prato con il Vin Santo, in questo caso l'Occhio di Pernice, Vin Santo di Carmignano Doc 2011.

Per informazioni: www.artimino.com/it/vini-di-artimino

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


vino wine cantina Artimino Tenuta di Artimino Carmignano Carmignano Docg Vin Ruspo presentazione Toscana vino rosso Toscanino Milano Patrimonio Unesco Ferdinando de Medici Annabella Pascale Filippo Paoletti

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®