Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 29 gennaio 2023  | aggiornato alle 01:19 | 91412 articoli in archivio

L’Italia del vino: Naturalmente frizzanti

I vini “Pét-Nat” vengono imbottigliati durante la fermentazione. Si tratta di una versione meno elaborata di uno spumante metodo Classico o di uno Champagne. Sono sempre più apprezzati, soprattutto dai giovani

di Eros Teboni
Miglior sommelier del mondo Wsa 2018
 
19 settembre 2022 | 08:30

L’Italia del vino: Naturalmente frizzanti

I vini “Pét-Nat” vengono imbottigliati durante la fermentazione. Si tratta di una versione meno elaborata di uno spumante metodo Classico o di uno Champagne. Sono sempre più apprezzati, soprattutto dai giovani

di Eros Teboni
Miglior sommelier del mondo Wsa 2018
19 settembre 2022 | 08:30
 

Il “Pét-Nat”, abbreviazione di Pétillant Naturel (frizzante naturale), è una versione meno elaborata e più semplice del metodo Classico tradizionale. I francesi lo chiamano “méthode ancestrale”. Si tratta semplicemente di un rifermentato in bottiglia, spesso imbottigliato quando ancora si trova in fermentazione, fase molto spesso a sfavore del vino, poiché non si ha un controllo molto efficace rischiando di dare al vino delle note aromatiche alquanto particolari e non sempre piacevoli. La differenza tra una bottiglia e l’altra spesso è evidente, mostrando cambi qualitativi anche importanti, i quali possono naturalmente peggiorare o migliorare a seconda della bottiglia che si assaggia.

Negli ultimi decenni il mondo del Pét-Nat è in continua crescita grazie alla maggiore richiesta da parte dei nuovi consumatori, i giovani, che a mio parere, sia per semplicità di beva che per un posizionamento molto “funky” nel mercato, si divertono e cominciano ad entrare in contatto con il mondo del vino anche grazie a questa tipologia di prodotti. Muovendomi per lavoro in diverse città tra Italia ed Europa, ho notato un netto aumento della richiesta e del consumo di questi vini.

£$L’Italia del vino:$£ Naturalmente frizzanti

Di seguito vi racconto di 3 Pét-Nat che nell’ultimo periodo mi hanno sorpreso per la facilità di beva e la complessità del prodotto.

 

Pet Nat di Tenuta Röck

Vitigno: Müller-Thurgau 100%
Età delle viti: 36 anni
Consumo: 2022-2023
Produzione: 1.500 bottiglie
Prezzo medio: 22 euro

£$L’Italia del vino:$£ Naturalmente frizzanti

Pet Nat di Tenuta Röck in abbinamento a “Burro, alici e pane” di Rosanna Marziale del ristorante Le Colonne Marziale a Caserta e membro Euro-Toques Italia

Fresco, croccante e agrumato, ricorda molto la pesca e il lime. Naso leggermente di lievito e fiori di pesco. Ottimo perlage, poco invadente e di ottima piacevolezza. Perfetto per aperitivo o come abbinamento a dei primi piatti leggeri. Ottima acidità dovuta alla scelta del vitigno e al metodo di lavorazione, un prodotto di nicchia proveniente dalla Valle Isarco, nota per le sue grandi escursioni termiche e i terreni morenici, che domano al vino un’ottima aromaticità e un’acidità vibrante.

 

Lambrusco “Radice” di Paltrinieri

Vitigno: Lambrusco di Sorbara 100%
Età delle viti: 25 anni
Consumo: 2022-2024
Produzione: 60mila bottiglie
Prezzo medio: 12 euro

£$L’Italia del vino:$£ Naturalmente frizzanti

Lambrusco “Radice” di Paltrinieri in abbinamento a “Mezze penne risottate con ragù di coniglio, fave e limone” di Andrea Levratto del Ristorante Terminus a Riva San Vitale (Svizzera) e membro Euro-Toques Italia

Uno dei Pét-Nat che mi ha fatto interessare e approfondire questo mondo. Oltre ad essere un catalizzatore di frutta, tra il melograno e il pompelmo rosa, la parte sorprendente e una delle caratteristiche che più mi ha sorpreso è la sapidità. Non solo all’inizio della degustazione ma anche sul finale, “Radice” riesce veramente a neutralizzare perfettamente il palato lasciando un ricordo salato, sicuramente incrementato dalla grande freschezza del vino, che permane in bocca sino al sorso successivo. Finale medio lungo, buona complessità con un evidente alternarsi di note di frutta e di spezie, sia al naso che al palato. Accompagnamento azzeccatissimo con i crostacei o la classica cucina regionale, dallo gnocco fritto agli affettati tipici.

 

Vedova Nera di Cantina il Poggio

Vitigno: Barbera 80%, Merlot 20%
Età delle viti: 15 anni
Consumo: 2022-2023
Produzione: 5mila bottiglie
Prezzo medio: 10 euro

£$L’Italia del vino:$£ Naturalmente frizzanti

Vedova Nera di Cantina il Poggio in abbinamento a “Noodles all’aglio nero, cozze e guanciale” di Giuseppe Biuso, membro Euro-Toques Italia e chef una stella Michelin de Il Cappero, presso Therasia Resort Sea & Spa di Vulcanello (Me)

Un Pét-Nat che riempie il bicchiere di frutta rossa, fragola, lampone, mora e mirtillo. Una leggera nota vegetale ne aumenta la complessità e incuriosisce l’assaggio. Semplice e godurioso, perlage delicato e ottima freschezza. Chiude con una leggera nota agrumata che ricorda il pompelmo rosa e la frutta candita. Un prodotto che trova spazio nei momenti di sete, quando si vuole bere qualcosa di dissetante e gradevole. Trova spazio nel menu accompagnando crudità di mare e primi piatti di pesce.

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       



Alaska Sea Food
Bindi
Tirreno CT