Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 15 agosto 2022 | aggiornato alle 23:12 | 86946 articoli in archivio

Ripartiamo dal vino: Vermentino di Gallura Docg Superiore Maìa 2019 Siddura

Maìa presenta un colore giallo paglierino carico e luminoso. Il naso è complesso e fine, la frutta a polpa gialla e i fiori bianchi dominano la scena. Al palato è fresco e sapido, con un buon equilibrio gustativo

 
04 marzo 2021 | 09:32

Ripartiamo dal vino: Vermentino di Gallura Docg Superiore Maìa 2019 Siddura

Maìa presenta un colore giallo paglierino carico e luminoso. Il naso è complesso e fine, la frutta a polpa gialla e i fiori bianchi dominano la scena. Al palato è fresco e sapido, con un buon equilibrio gustativo

04 marzo 2021 | 09:32
 

A Siddùra, nelle vallate vicino al paesino medioevale di Luogosanto (Ss), nel cuore della Gallura, c’è uno spicchio di Sardegna che seduce il mondo con un’arma infallibile: la qualità del suo vino. Un sogno diventato realtà quando Siddùra, azienda vitivinicola nata dalla passione per la Sardegna dell’impresario tedesco Nathan Gottesdiener e dell’imprenditore sardo Massimo Ruggero, ha conquistato un posto nella classifica mondiale dei vini migliori. Complici il sole, il vento e il terroir di quest’isola meravigliosa. Il microclima, così diverso e così perfetto, si ritrova nei vini. Un connubio incantevole di aromi e di profumi che a Siddùra si sviluppano su 37 ettari di vigneto che danno vita ad una collezione di nove vini: i vermentini di Gallura Docg Spèra, Maìa e Bèru, il cannonau rosato Nudo, i cannonau (Doc e Riserva) Èrema e Fòla, il Cagnulari Bàcco, l’internazionale Tìros e il passito Nùali. La filosofia di produzione di tutti i vini è basata sulla convinzione che la produzione inizia nel vigneto, essendo il vino un vero riflesso del suo terroir.

Vino degustato: Vermentino di Gallura Docg Superiore Maìa 2019 Siddura

Il “Maìa” (magia in gallurese) di Siddùra è selezionato a partire dai migliori grappoli cresciuti su terreni granitici e sabbiosi, dove la raccolta avviene in piccole cassette. Segue la diraspatura, pressatura soffice e fermentazione per qualche giorno. L’affinamento avviene in acciaio, lasciando spazio così ai tipici aromi fruttati del Vermentino di Gallura che creano un piacevole e attraente profilo olfattivo. Maìa presenta un colore giallo paglierino carico e luminoso, che sembra brillare di luce propria. Il naso è complesso e fine, la frutta a polpa gialla e i fiori bianchi dominano la scena. Ananas, frutta tropicale, susina e frutta bianca matura aprono le porte ad echi speziati e retrogusti mandorlati. Al palato è fresco e sapido, con un buon equilibrio gustativo e un finale di mandorla amara tipico del vitigno.

Ripartiamo dal vino Vermentino Maìa 2019 Siddura
Vermentino di Gallura Docg Superiore Maìa 2019 Siddura

Per informazioni: www.siddura.com


Paolo Porfidio è laureato in enologia e lavora come head sommelier al ristorante Terrazza Gallia, al settimo piano dell’Excelsior Hotel Gallia di Milano. Si è classificato primo nel sondaggio “Personaggio dell’anno 2019 - Premio Italia a Tavola” nella categoria Sala e Hotel. Grande è la sua popolarità nel mondo professionale e sui social network, tanto che nel sondaggio è risultato il candidato più votato in assoluto tra tutte le categorie. Di recente è stato nominato coordinatore di Aspi (Associazione sommellerie professionale italiana) Milano.

Paolo Porfidio al Terrazza Gallia - Porfidio, da enologo a sommelier «Nel sondaggio vittoria inaspettata»
Paolo Porfidio al Terrazza Gallia

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali