Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 29 giugno 2022 | aggiornato alle 21:21 | 85829 articoli in archivio

Timorasso, poco conosciuto ma di qualità Protagonista nei calici degli wine lovers

Si tratta di un vitigno a bacca bianca della provincia di Alessandria. È stato presentato a Bergamo Alta in occasione del lancio del format #vinoumano. Tra i produttori, protagonista l'azienda agricola Cascina I Carpini

di Roberto Vitali
 
04 agosto 2016 | 11:52

Timorasso, poco conosciuto ma di qualità Protagonista nei calici degli wine lovers

Si tratta di un vitigno a bacca bianca della provincia di Alessandria. È stato presentato a Bergamo Alta in occasione del lancio del format #vinoumano. Tra i produttori, protagonista l'azienda agricola Cascina I Carpini

di Roberto Vitali
04 agosto 2016 | 11:52
 

Il Timorasso è un vitigno autoctono della provincia di Alessandria, a bacca bianca di qualità, coltivato essenzialmente nelle Valli Curone, Grue, Ossona e in Val Borbera, in un'area dove la vite trova un valido habitat grazie al terreno, al lungo soleggiamento e alla posizione al riparo dei venti. La sua produzione è assai limitata, ma di alta qualità. Il vino che se ne ricava, di buona struttura, è assai rinomato tra i buongustai; nonostante le sue origini antiche, appartiene all'ultima generazione dei “bianchi” della provincia di Alessandria.



Il Timorasso è un vino che gli agricoltori di queste zone hanno prodotto fin da tempi remoti, ma che solo in tempi recenti, verso la fine degli anni Ottanta, hanno ripreso ad impiantare. Il grappolo si presenta mediogrande; è abbastanza compatto, allungato, i suoi acini sono di media grandezza, sferici, con buccia di colore verde-giallo spessa e resistente; la polpa è carnosa e di sapore neutro. Il picciolo è lungo, di colore verde e venature rosso-violaceo. La produttività del Timorasso è decisamente incostante, in compenso è abbastanza resistente alle malattie e agli eventi atmosferici. Il vino che viene prodotto è bianco asciutto, corposo e più alcolico del Cortese. Si presta bene anche all’invecchiamento. Insomma, un vino che sta destando molto interesse.

Ottima l’affluenza e la partecipazione del pubblico interessato ed eterogeneo, instancabile e disponibile il vignaiolo che ha parlato per ore, fantastica la location nel parco. La serata di lancio del format #vinoumano e presentazione del Timorasso, tenuta all’interno del Parco di Sant’Agostino a Bergamo Alta, ha confermato l’interesse per la divulgazione e l’approfondimento delle tematiche del vino artigianale con l’opportunità di farlo con leggerezza. Si dicono soddisfatti a Vinomediatica (agenzia bergamasca che fa capo a Patrizia Capoferri (nella foto), specializzata in comunicazione e marketing del vino) gli ideatori del gioco-degustazione.

Patrizia Capoferri e Paolo Carlo Ghislandi

Patrizia Capoferri e Paolo Carlo Ghislandi

Amanti del vino, competenti o per nulla, giovani e meno giovani, turisti stranieri, produttori locali e avventori casuali, si sono succeduti nello spazio della terrazza, hanno partecipato al gioco e degustato il Timorasso dei Colli Tortonesi prodotto da Paolo Carlo Ghislandi (nella foto) dell’azienda agricola Cascina I Carpini di Pozzol Groppo (Al). Il Timorasso «è un vino dalla struttura importante e forte, muscoloso e robusto che - spiega Ghislandi - ha saputo sopravvivere ad un'estinzione quasi certa per la sua capacità di rimodellare la tradizione in una chiave innovativa e moderna". Non era dunque un vino facile da affrontare per un pubblico di non esperti ma, forse proprio per questo motivo, ha fatto centro e ha stimolato i partecipanti ad esprimersi nel gioco.

Incastonata nel profondo silenzio di una natura vergine ed incontaminata, la Cascina I Carpini si distingue per aver fatto della migliore tradizione vitivinicola di qualità il cardine per ottenere una inedita e moderna interpretazione del vino ottenuto naturalmente dalle varietà autoctone locali coltivate nel pieno rispetto dell'ecosistema. Oltre al Timorasso (di cui Ghislandi è uno dei maggiori produttori e che propone anche nella versione spumantizzata con Metodo Martinotti) nella azienda si producono le varie Doc Colli Tortonesi, il tutto in piccole curatissime quantità. La produzione dell’azienda non supera in totale le 60mila bottiglie.


Cascina I Carpini
strada provinciale 105 1 - 15050 San Lorenzo, Pozzol Groppo (Al)
Tel 0131 800117
www.cascinacarpini.it
info@cascinacarpini.it

Vinomediatica
Tel 035 0792727 / 320 1832220
www.vinomediatica.it
info@vinomediatica.it

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Algida Dolce Vita