Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 18 novembre 2019 | aggiornato alle 15:16| 62065 articoli in archivio
Rational
Pentole Agnelli
HOME     VINO     TENDENZE e MERCATO
di Alberto Lupini
direttore
Alberto Lupini
Alberto Lupini
di Alberto Lupini

Wine Cup Alta Badia, 3ª edizione
Vini, cucina e sport invernali

Wine Cup Alta Badia, 3ª edizione 
Vini, cucina e sport invernali
Wine Cup Alta Badia, 3ª edizione Vini, cucina e sport invernali
Pubblicato il 23 gennaio 2019 | 16:08

L'idea è di Michael Costamoling, albergatore di Corvara (Bz), che ispirandosi al format già collaudato della Chef's Cup ha trovato il modo di legare lo sci, fiore all'occhiello dell'Alta Badia, al mondo del vino.

La manifestazione, durata 10 giorni, dall'8 al 18 gennaio, e che avrà una coda a marzo, ha visto alternarsi ciaspolate e skisafari con assaggi di bollicine, vini autoctoni altoatesini ed eccellenze tutte italiane (Super tuscan per citarne solo alcune), birre artigianali e piatti della tradizione regionale.

«Tutto è nato qualche anno fa - ha spiegato Michael Costamoling, titolare dello Sporthotel Panorama a Corvara (Bz) - io e lo chef Alexander Egger ci siamo seduti ad un tavolo con un bicchiere di vino discutendo riguardo la Chef's Cup, un evento che avrebbe avuto bisogno di un po' di novità». Da lì, dopo che gli organizzatori avevano fatto morire la Chef's Cup, l'idea: «Ho detto a me stesso "Perché non provare la Wine Cup?" e così, mettendo assieme un po' di idee, abbiamo realizzato un evento che oggi è giunto alla terza edizione».

(Wine Cup Alta Badia, 3ª edizione Vini abbinati agli sport invernali)

E questo evento è cresciuto non solo in consapevolezza ma anche per numero di location. «All'inizio ero solo io», ha ricordato Costamoling, memore dell'evento cominciato nel suo Sporthotel Panorama, che dal nome evoca una delle posizioni più belle della valle. «Quest'anno ho chiesto ad amici e cugini di partecipare, anche con nuove idee. E loro mi hanno aiutato tantissimo»: ecco allora che, coinvolti nell'evento, sono stati anche il ristorante Stüa Ladina, il Rifugio Punta Trieste (2028 m), quello del Piz Arlara (2040 m), il Cherz e il Rifugio Lagazuoi (2752 m). Location dove si è degustato e discusso con produttori ed esperti.

Ma non di solo vino si è parlato in questi contesti in alta quota: «Abbiamo organizzato ad esempio degustazioni di birra al Punta Trieste, abbiamo dato grande importanza anche alla gastronomia, organizzando la giornata del dolce altoatesino e un assaggio del tipico canederlo dell'Alto Adige al rifugio Piz Arlara; infine, ancora al Punta Trieste, abbiamo proposto una degustazione di pietanze un po' particolari, non tipiche dell'Alto Adige».

Non quindi uno sguardo esclusivo all'Alto Adige, non una manifestazione che si limita a qualche assaggio autoctono senza guardare oltre, ma un evento che edizione dopo edizione continua a crescere, ad evolversi, comprendendo vini che escono dai confini regionali e coinvolgono l'Italia tutta portandola ai piedi dei promontori dell'Alto Adige. «Perché per me il vino ha un significato importante. Stare bene a tavola e mangiare bene non può prescindere da un buon calice in abbinamento. Abbiamo una delle montagne più belle del mondo: un buon pasto e un buon bicchiere di vino aiutano ad apprezzarla e a goderla di più». E in questo Michael, albergatore dopo esperienze di cuoco, ci mette competenza, oltre che passione e amore, guidando i suoi commensali nelle degustazioni come lungo le piste di sci di tutto il comprensorio, dalla Badia alla Val Gardena, dalla Marmolada a Cortina.



L'entusiasmo di Costamoling si è quest'anno concretizzato in una serie di avvincenti appuntamenti. A cominciare dalla serata organizzata alla Stüa Ladina dello Sporthotel Panorama, angolo gourmet dove i piatti del capace Alexander Egger sono stati accostanti ai vini di due importanti produttori come Damijan Podversic (Collio) e Speri (Valpolicella). Per l'occasione Egger, chef di formazione tedesca ma con un forte spirito montano, ha realizzato un menu ad hoc, cominciando dalla Terrina di zucca, tartufo e formaggio di capra, Granny Smith, confit di radicchio; primo piatto i Fagottini di crauti e pane di segale, ragù di Kaminwurz, espuma di patata, cavoletti di Bruxelles; a seguire Duetto di cervo con purea di sedano, insalata di cappuccio rosso, confit di carote e polenta bianca; a chiudere il dessert, Mascarpone e philadelphia, salblè di semi di zucca, sorbetto d'uva fragolina e crema di fragolino.



Dopo il Collio e Valpolicella la "scelta enologica" di Costamoling si è rivolta alla grande Toscana, precisamente al Castello di Ama, cantina simbolo del Chianti Classico. Tra le sue etichette sono state degustate prima L'Apparita 100% Merlot nella cornice del rifugio Piz Arlara: qui, in compagnia di Marco Pallanti, sono state degustate le annate 2011, 2009, 1992, 1988 e 1987. A seguire spazio al Chianti Classico Gran Selezione San Lorenzo al Punta Trieste, forse la vinoteca più alta d'Italia e frequentata d'inverno da sciatori gourmand.



Un'altra esperienza assolutamente inusuale è stata quella di degustare grandi vini a diverse altitudini per scoprire ogni volta sensazioni olfattivo-gustative differenti. Protagonisti tre Super tuscan: Ornellaia, Sassicaia e Solaia, tutti e tre annata 2013. Le stesse tre etichette, come detto, sono state degustate in tre diverse location: prima ai 2752 metri del rifugio Lagazuoi (forse in assoluto la più bella terrazza sulle Dolomiti), per poi raggiungere i 2028 del rifugio di Punta Trieste e finire a Corvara, allo Sporthotel Panorama. Sensazioni olfattive e gustative che si sono modificate man mano che si scendeva, con un'alternarsi di gradimento per questa o quell'etichetta. Alla fine, giusto per cronaca, ai punti ha vinto Ornellaia.

Fra gli altri eventi da segnalare, una degustazione di birre artigianali sempre allo Sport Hotel Panorama guidata da Carmelo Li Pomi della birreria Monpiër.

(Wine Cup Alta Badia, 3ª edizione Vini abbinati agli sport invernali)

Tutto questo grazie, come detto, all'amore per il vino del titolare dello Sporthotel Panorama, un amore «nato da diverso tempo. Per me il vino è passione, è un amore da condividere con gli amici e con i clienti dell'hotel. Sono questi ultimi a chiedermi spesso dei consigli sulle etichette da scegliere, non solo altoatesine». Ed è questo forse l'obiettivo più interessante di un evento che ha tanto spazio e opportunità per crescere ancora.

Per informazioni: www.sporthotel-panorama.com/it/hotel-corvara

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


Wine Cup Alta Badia Sporthotel Panorama Michael Costamoling Corvara sci vino wine degustazione annata Alto Adige gastronomia birra artigianale Castello di Ama Super tuscan Ornellaia Solaia Sassicaia Speri Valpolicella Collio Damijan Podversic

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).