Ros Forniture Alberghiere
Feudo Arancio
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 23 ottobre 2019 | aggiornato alle 10:23| 61597 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
HOME     VINO     TENDENZE e MERCATO

Uk, Johnson eletto Premier
Ora il Prosecco inizia a tremare

Uk, Johnson eletto Premier
Ora il Prosecco inizia a tremare
Uk, Johnson eletto Premier Ora il Prosecco inizia a tremare
Primo Piano del 23 luglio 2019 | 15:24

Conosciuto come il “nemico” del vino più apprezzato dagli inglesi, la sua elezione mette a rischio l’export delle bollicine italiane Oltremanica anche alla luce della questione Brexit. Le prime schermaglie risalgono a novembre 2016 con la stampa britannica che aveva difeso il nostro marchio.

La Gran Bretagna ha scelto il suo Premier: sarà Boris Johnson, leader Tory che sostituirà la dimissionaria Theresa May. Boris Johnson gestirà l’uscita della Gran Bretagna dalla Ue. L’ostilità di Johnson alle popolari bollicine tricolori (le cui colline sono state riconosciute Patrimonio Unesco poco più di due settimane fa) risale alle prime trattative per la Brexit nel novembre 2016 quando l’allora ministro degli Esteri inglese cercò di imporre la libera circolazione delle merci, ma non quella dei lavoratori minacciando di bloccare le importazioni di Prosecco in Gran Bretagna se l’Europa non si fosse piegata alle sue richieste.

Boris Johnson, nemico del Prosecco (Uk, Johnson eletto PremierOra il Prosecco inizia a tremare)
Boris Johnson, nemico del Prosecco (foto: www.theshimmeringostrich.com)

Ora le minacce potrebbero trasformarsi in realtà dopo che il nuovo leader nel discorso della vittoria dopo l’elezione a leader Tory ha ripetutamente assicurato che Londra uscirà dall'Ue il 31 ottobre, con o senza accordo. Una ipotesi quest’ultima che rischia di colpire il Prosecco e gli altri prodotti Made in Italy esportati in Gran Bretagna da barriere tariffarie e dalle difficoltà di sdoganamento. Ma il No deal comporterebbe anche un grave problema di tutela giuridica dei prodotti a denominazione di origine come il Prosecco Dop che senza protezione europea rischia di subire la concorrenza sleale dei prodotti di imitazione anche da paesi extracomunitari. Non vanno infatti dimenticati i casi, smascherati in passato, della vendita in Gran Bretagna di falso prosecco alla spina, in lattina o in polvere nei wine kit.

Il rischio reale è che la Gran Bretagna diventi un porto franco del falso Made in Italy con il Prosecco che guida la classifica dei vini italiani più taroccati nel mondo con le imitazioni diffuse in tutti i continenti dal Meer-secco al Kressecco, dal Semisecco e al Consecco, ma è stata smascherata le vendita anche del Whitesecco e del Crisecco.

Ma la minaccia del neopremier inglese non è il solo caso di atteggiamento ostile alle popolari bollicine italiane Oltremanica. Basti ricordare la fake new diffusa dal quotidiano The Guardian secondo la quale il Prosecco provoca buchi nei denti, lacera lo smalto e li fa uscire dalle gengive.

Nonostante allarmismi e fake news il Prosecco resta però il vino più amato dagli inglesi oltre che il simbolo del Made in Italy a tavola sul territorio britannico. Lo dimostra il fatto che la paura della stessa Brexit fa volare gli acquisti in valore del Prosecco Dop, che nei primi quattro mesi del 2019 ha visto un incremento del 5% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Una bottiglia di prosecco su tre esportate all’estero viene stappata proprio in Gran Bretagna.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


vino wine uk gran bretagna boris johnson prosecco made in italy cibo enogastronomia brexit theresa may

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).