Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 18 giugno 2024  | aggiornato alle 10:23 | 105931 articoli pubblicati

Elle & Vire
Siad
Siad

Mai un vino del sud Italia così in alto nella classifica di “Wine Spectator”

Come ogni anno la celebre rivista specializzata in enologia pubblica una classifica inerente i migliori vini degli ultimi 12 mesi. In quinta posizione un vino campano: è un record per l'Italia

 
10 novembre 2023 | 15:36

Mai un vino del sud Italia così in alto nella classifica di “Wine Spectator”

Come ogni anno la celebre rivista specializzata in enologia pubblica una classifica inerente i migliori vini degli ultimi 12 mesi. In quinta posizione un vino campano: è un record per l'Italia

10 novembre 2023 | 15:36
 

Due vini italiani nella classifica che va dalla decima alla seconda posizione. Ed una prima volta per un vino del Sud. L'autorevole rivista statunitense Wine Spectator, come ogni anno da 35 a questa parte, pubblica la graduatoria delle migliori etichette degli ultimi 12 mesi. Per il 2023 la presenza del bel Paese è rappresentata da Antinori con il suo Chianti Classico Marchese Antinori Riserva 2020 (posizione numero 7) e dalla cantina Mastroberardino e il Taurasi Radici Riserva 2016, due posizioni più in alto. Mai un vino del Sud Italia si era piazzato così in alto.

Mai un vino del sud Italia così in alto nella classifica di “Wine Spectator”

Due vini italiani nella classifica 10-2 di Wine Spectator

C'è attesa per scoprire quale sarà il vino migliore del 2023 secondo il Wine Spectator (lo scorso anno fu un californiano), che intanto ha reso noti i nomi dal decimo posto fino al secondo. 

Wine Spectator, la classifica dei best wines 2023 dalla 10 alla 2

Importante la presenza di etichette californiane nelle 9 posizioni svelate dal magazine (ben 3), mentre Francia e Italia sono rappresentate dallo stesso numero di vini, con due rappresentanti a testa. Un po' a sorpresa a piazzarsi più in alto tra i nostrani (in attesa della prima posizione) non è un piemontese o un toscano, bensì un vino campano, a dimostrazione di come nella Regione stiano facendo un grande lavoro sotto l'aspetto vinicolo. Ci aspetterà qualche sorpresa anche per il vincitore? 

Mai un vino del sud Italia così in alto nella classifica di “Wine Spectator”

Le vigne di Antinori

  • 10 Greywacke - Sauvignon Blanc Marlborough 2022 (Nuova Zelanda)
  • Résonance - Pinot Noir Willamette Valley 2021 (Oregon, Stati Uniti)
  • Château Pichon Baron - Pauillac 2020 (Francia)
  • 7 Antinori - Chianti Classico Marchese Antinori Riserva 2020 (Italia)
  • Dunn - Cabernet Sauvignon Howell Mountain 2019 (California)
  • 5 Mastroberardino - Taurasi Radici Riserva 2016 (Italia)
  • RAEN - Pinot Noir Sonoma Coast Royal St. Robert Cuvée 2021 (California)
  • Château Lynch Bages - Pauillac 2020 (Francia)
  • Occidental - Pinot Noir West Sonoma Coast Freestone-Occidental 2021 (California)

Mai un vino del sud Italia così in alto nella classifica di “Wine Spectator”

La tenuta di Mastroberardino

Vino, la produzione globale ai minimi da 63 anni

Una classifica, quella che il Wine Spectator ha stilato per il 2023, che a suo modo chiude un anno non proprio positivo per l'intero comparto vinicolo (recentemente, almeno in Europa, "salvato" dalla Commissione Parlamentare). A livello globale, infatti, la produzione è ai minimi da oltre 6 decenni.

Mai un vino del sud Italia così in alto nella classifica di “Wine Spectator”

2023. Produzione di vino ai minimi da 63 anni

Per l'Italia si tratta di dati già confermati, ma a livErano infatti 63 anni che non si otteneva una quantità così bassa di prodotto, come fa anche sapere Federvini in una nota. «Dalla relazione dell'Oiv sulla produzione di vino 2023 - si legge - pubblicata il 7 novembre 2023, si evince che, dalla base delle informazioni raccolte su ventinove Paesi, che rappresentano il 94% della produzione globale nel 2022, la produzione mondiale di vino (esclusi succhi e mosti) nel 2023 è stimata tra 241,7 e 246,6 mhl, con una stima intermedia di 244,1 mhl. Ciò rappresenta un calo del 7% rispetto al volume già inferiore alla media del 2022». Si tratterebbe della produzione più bassa dal 1961 (214 mhl).

Le cause principali di questo calo così drastico? Questo scenario negativo può essere attribuito a cali significativi nei principali Paesi produttori di vino in entrambi gli emisferi, dovuto principalmente a fenomeni atmosferici estremi «... come gelate precoci, forti piogge e siccità hanno avuto un impatto significativo sulla produzione del vigneto mondiale. Tuttavia, in un contesto in cui il consumo globale è in calo e le scorte sono elevate in molte regioni del mondo, la bassa produzione prevista potrebbe portare equilibrio sul mercato mondiale».

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Vini Alto Adige
Elle & Vire
Icam Professionale
Senna
Siad

Vini Alto Adige
Elle & Vire
Icam Professionale

Senna
Martini Frozen
Consorzio Barbera Asti