Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 20 maggio 2024  | aggiornato alle 16:48 | 105288 articoli pubblicati

Roero
Salomon FoodWorld
Roero

Consorzio del Lambrusco nel segno della continuità: Biondi resta presidente

Il cda del Consorzio ha riconfermato come presidente Claudio Biondi (Cantine Riunite & CIV). Ad affiancarlo in qualità di vicepresidente ci sarà Dante Chiletti (Cantina sociale Formigine Pedemontana)

 
16 maggio 2024 | 13:47

Consorzio del Lambrusco nel segno della continuità: Biondi resta presidente

Il cda del Consorzio ha riconfermato come presidente Claudio Biondi (Cantine Riunite & CIV). Ad affiancarlo in qualità di vicepresidente ci sarà Dante Chiletti (Cantina sociale Formigine Pedemontana)

16 maggio 2024 | 13:47
 

Claudio Biondi (Cantine Riunite & CIV) continuerà a guidare il Consorzio Tutela Lambrusco come presidente per il prossimo triennio. La rielezione è avvenuta nei giorni scorsi presso la sede del Consorzio Tutela Lambrusco a Modena. Il cda ha inoltre decretato l'elezione a vicepresidente di Dante Chiletti della Cantina sociale Formigine Pedemontana.

Consorzio del Lambrusco nel segno della continuità: Biondi resta presidente

Claudio Biondi, rinconfermato presidente del Consorzio Tutela Lambrusco

Consorzio Tutela Lambrusco, vince la continuità

«Sono onorato di poter portare avanti il percorso avviato negli scorsi anni in qualità di presidente del Consorzio Tutela Lambrusco», commenta Biondi che aggiunge: «Tra gli obiettivi per il prossimo triennio c'è senz'altro quello di continuare con le attività promozionali per far conoscere ed apprezzare i vini Lambrusco nelle loro peculiarità e sfaccettature in Italia e nel mondo».

Consorzio del Lambrusco nel segno della continuità: Biondi resta presidente

Sono più di 35 milioni le bottiglie di Lambrusco Doc prodotte nel 2023

«Non meno importante - conclude - è la tutela di un brand che, anche in virtù della sua popolarità all'estero, è spesso soggetto a tentativi di contraffazione o imitazione. Al consorzio spetta il compito di monitorare e intervenire qualora necessario, a supporto della qualità dei vini del territorio e a garanzia del pubblico che ogni giorno li sceglie e li apprezza».

Consorzio Tutela Lambrusco, la storia

Il Consorzio Tutela Lambrusco comprende circa 70 soci che, tra Modena e Reggio Emilia, coltivano uve Lambrusco su oltre 10mila ettari. Nato nel gennaio 2021 dalla fusione di tre realtà - Consorzio Tutela del Lambrusco di Modena, Consorzio Tutela e Promozione dei Vini Reggiani DOP e Consorzio Tutela Vini Reno - il Consorzio è incaricato della tutela e della promozione di sei Doc del Lambrusco: Lambrusco Grasparossa di Castelvetro Doc, Lambrusco di Sorbara Doc, Lambrusco Salamino di Santa Croce Doc, Modena Doc, Reggiano Doc, Colli di Scandiano e di Canossa Doc. A queste si aggiungono altre due denominazioni che comprendono vini differenti, Reno Doc e Castelfranco Emilia Igt. Sono più di 35 milioni le bottiglie di Lambrusco Doc prodotte nel 2023. A queste si aggiungono quasi 100 milioni di bottiglie di Lambrusco Emilia Igt. Nel loro complesso, i vini prendono per il 60% la strada dell'export

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Onesti Group
Sartori
Vini Alto Adige
Siad

Onesti Group
Sartori
Vini Alto Adige

Siad
Bergader
Torresella