ABBONAMENTI
Rational
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 29 settembre 2020 | aggiornato alle 09:20 | 68032 articoli in archivio
HOME     ALIMENTI     CARNE e SALUMI
di Alberto Lupini
direttore
Alberto Lupini
Alberto Lupini
di Alberto Lupini

A Nizza taroccano il prosciutto
Un "Parma" di origine francese...

A Nizza taroccano il prosciutto 
Un
A Nizza taroccano il prosciutto Un "Parma" di origine francese...
Primo Piano del 27 giugno 2020 | 08:30

Al supermercato E.Leclerc un prosciutto di Parme a 29,9 euro il chilo. In Italia la Dop originale può arrivare a costare fino al doppio. Occorre dunque tutelare la nostra eccellenza. I francesi non perdono il vizio di mettere il loro marchio su tutto, anche a rischio di imbrogliare. Servirebbero controlli ad hoc nei supermercati oltre confine.

Il prosciutto di Parma è uno dei simboli dei prodotti alimentari italiani più famosi al mondo (col Parmigiano Reggiano, il grana padano e le mozzarelle). E non a caso è tutelato dalla Dop che è il sigillo di garanzia dell’Unione europea. Ed è ovviamente uno dei più taroccati al mondo. Ma finché lo si imita in Brasile o in Cina, si può capire. Che lo facciano in Francia, in una grande catena di supermercati come E.Leclerc, è però una cosa che lascia sbigottiti.

Eppure è proprio quello che avviene da E.Leclerc a Nizza (quello di pont Michel per la precisione) dove non curanti della presenza di tanti italiani (e dell’alleanza commerciale mantenuta in Italia fino al 2014 con Conad) si vende del farlocco “posciutto di Parme” (Parma in francese). Un prodotto a cui non è affiancato il marchio Dop, ma che ugualmente puzza di falso lontano un miglio. È vero che con uguali caratteri (vedi etichetta riprodotta nella foto) viene indicato “Origine France” (e questo escluderebbe che possa trattarsi del nostro Parma), ma va detto che in Francia non esiste una località che si chiama Parme o una qualità di prosciutto così appellata. Ne si può giustificare una parola 'posciutto' in cui mancherebbe una r, ma il contenuto é chiaro....

A Nizza taroccano il prosciutto Un Parma di origine francese...

Quello che portiamo, e a cui si riferisce l'etichetta nella foto, è soltanto un esempio, cui non escludiamo se ne possano aggiungere tanti altri di falsi prosciutti  di Parma Dop, dato che la catena E. Leclerc, molto nota in Francia, conta ben 721 supermercati sparsi in tutto il Paese, tra cui due proprio a Nizza.

È solo una furbata che passa magari attraverso qualche cavillo delle norme europee, e su questo ci piacerebbe sapere cosa hanno dire le istituzioni italiani. Anche perchè la cosa peggiore, e che fa capire quale possa essere il danno anche solo di immagine di queste operazioni da italian sound, è poi il prezzo di vendita che è di 29,9 € al chilo contro i prezzi praticati in Italia che, ad esempio da Esselunga, vanno da 44 a 60 euro al chilo in media. In Internet si possono anche trovare partite a meno ( dipende dalla stagionatura), ma qui appare come una vendita quasi sottocosto che poi sputtana l’eventuale prosciutto italiano autentico, ammesso che da E.Leclerc lo si possa trovare.

A Nizza taroccano il prosciutto Un Parma di origine francese...

La conclusione, a questo punto, è che, bravi a tutelare le loro denominazioni alimentari (per tutte lo Champagne), i francesi non perdono il vizio di mettere il loro marchio su tutto, anche a rischio di imbrogliare. E questo non va bene. Bisognerebbe che il Ministero delle Politiche agricole mandasse ispettori nei supermercati francesi a fare un po’ di controlli.

Per chiudere ci limitiamo a fare una sintetica presentazione della produzione dei prosciutti francesi che, anche se non ricercati come quelli italiani o spagnoli, sono in molti casi dei buoni prodotti. Come si noterà, non c’è un solo prosciutto d’oltralpe che nel nome o nella località possa evocare Parma…

E.Leclerc A Nizza taroccano il prosciutto Un Parma di origine francese...
E.Leclerc a Pont Michel di Nizza

3 Tipi di prosciutti crudi francesi
In Francia, i prosciutti sono classificati in tre gruppi principali: Jambon Sec Supérieur, Jambon sec e Jambon Cru. Nel primo gruppo ci sono quei prosciutti che pesano almeno 8,5 kg e la cui cura è superiore a 210 giorni. Il più noto di questo gruppo è Bigorra molto prezioso nel paese gallico e viene da una vecchia razza di maiale, guascone, cugino spagnola del maiale iberico data la sua somiglianza, anche se un po' più pelosi. Questo prosciutto è quello che più assomiglia a quelli che consumano le ghiande iberiche, anche se il suo sapore è un po 'più salato.

Nel gruppo Jambon Sec troviamo quei prosciutti il cui peso supera i 7,5 kg e il loro periodo di stagionatura è di 130 giorni. In questo gruppo spiccano quelli di Bayonne (zona die Pirenei baschi) e delle Ardenne, gli unici che godono di IGP. Il primo è il più consumato. Ha un storia che risale al 1400 ed è realizzato con maiale che hanno diete con almeno il 60% di cereali. Da ricordare anche quelli di Savoia, Auvergne, Laucaune e Najac.

Infine, il prosciutto Jambon Cru che può avere un peso inferiore e non ha una stagionatura obbligatoria. È il caso di quello della Vandea e di quello d'Alsazia, quest'ultimo affumicato e molto popolare.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


carne salumi meal iat italiaatavola prosciuttom proscitto crudo prosciutta di parma Francia E.Leclerc consorzio Francia

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

28/06/2020 14:04:55
1) Capisco la frustrazione

Egregio Direttore, capisco la frustrazione ma i francesi in quanto a difesa delle loro eccellenze hanno ancora molto da insegnarci. All'articolo a mio avviso manca una cosa. Un test di assaggio del prodotto. E due righe su un tanto. Per il resto basta una segnalazione a ICQRF. Ed al Consorzio di Tutela. E' materia loro. Saluti.

 

ICRRF sono già stati avvisati, vedremo che succede...

red

Dario Folla


ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®