Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 18 settembre 2021 | aggiornato alle 23:52 | 77941 articoli in archivio

La Borsa della Spesa del 2 aprile. Per Pasquetta, fave fresche a volontà

La rilevazione settimanale di Bmti (Borsa merci telematica italiana) segnala prezzi in aumento a causa del picco di domanda per le festività pasquali. Ottimo rapporto qualità-prezzo per l'abbinata limoni e fragole

02 aprile 2021 | 16:04

La Borsa della Spesa del 2 aprile. Per Pasquetta, fave fresche a volontà

La rilevazione settimanale di Bmti (Borsa merci telematica italiana) segnala prezzi in aumento a causa del picco di domanda per le festività pasquali. Ottimo rapporto qualità-prezzo per l'abbinata limoni e fragole

02 aprile 2021 | 16:04

<span class="first-letter">Frutta e ortaggi protagonisti della rilevazione effettuata da Bmti (Borsa merci telematica italiana) relativa alla settimana del 2 aprile. La "Borsa della spesa" è il servizio offerto ai consumatori dalla società del Sistema camerale italiano per la regolazione, lo sviluppo e la trasparenza del mercato e per la diffusione dei prezzi e dell’informazione economica. Obiettivo, favorire un acquisto consapevole.

La Borsa della Spesa del 2 aprile La Borsa della Spesa del 2 aprile A Pasquetta, fave fresche a volontà

La Borsa della Spesa del 2 aprile

I dati della settimana

Nella settimana di Pasqua, i prezzi del mercato ortofrutticolo all'ingrosso sono influenzati dal picco di domanda dovuta ai tradizionali consumi della festività. Ecco allora che aumentano i prezzi delle fave fresche, da consumare a Pasquetta. Stessa cosa vale per gli asparagi, le cui attuali quotazioni elevate dovrebbero smorzarsi dopo le festività. Infine, per quanto riguarda il comparto verdura, i carciofi (sopratutto quello toscano) mostrano un buon rapporto qualità-prezzo. Passando alla frutta, il focus della settimana è l'abbinata limone-fragola (ingredienti base per un classico dessert primaverile). Nel primo caso, si registrano prezzi stabili mentre nel secondo è la qualità a fare la differenza con particolare enfasi sul prodotto ad alto contenuto zuccherino.

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali