Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 08 dicembre 2019 | aggiornato alle 20:36| 62459 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
HOME     ALIMENTI     TENDENZE e MERCATO

Feste popolari, l’appello di Slow Food
«Controlli sull’utilizzo di prodotti locali»

Feste popolari, l’appello di Slow Food 
«Controlli sull’utilizzo di prodotti locali»
Feste popolari, l’appello di Slow Food «Controlli sull’utilizzo di prodotti locali»
Pubblicato il 04 maggio 2018 | 12:54

Estate, tempo di sagre. Gettonatissime ma capaci di far discutere quando alcune forme di gestione possono costituire una forma di concorrenza sleale nei confronti delle realtà di ristorazione presenti sul territorio.

A farsi sentire, prima che sia troppo tardi, è Slow Food Valli Orobiche che, nel corso di una conferenza stampa tenutasi oggi a Bergamo a cui hanno preso parte il vice presidente nazionale Lorenzo Berlendis e il fiduciario Silvio Magni, ha espresso tutte le proprie perplessità su questo tipo di tendenza. Uno degli aspetti più preoccupanti - hanno sottolineato - sta nel fatto che i turisti s’illudono che in una festa di paese si degustino prodotti del territorio in coerenza alla cultura gastronomica tipica del luogo, lontano dalla logica del mercato globale. Non sempre è così. Spesso chi gestisce la somministrazione nelle feste popolari chiede preventivi a ditte di distribuzione alimentare e sceglie l’offerta più bassa, in barba alla qualità ed alla provenienza dei prodotti.

Lorenzo Berlendis e Silvio Magni (Feste popolari, l’appello di Slow Food «Controlli sull’utilizzo di prodotti locali»)
Lorenzo Berlendis e Silvio Magni

Le feste, gestite spesso da volontari, generano però un business sul territorio bergamasco che Slow Food ha stimato in 4 milioni di euro. Si può solo immaginare quale ricaduta economica ci potrebbe essere per i produttori agroalimentari della valle se gli organizzatori decidessero di acquistare ed utilizzare i prodotti locali.

L’appello è stato rivolto soprattutto alle amministrazioni locali che, secondo Slow Food, dovrebbero avere l’obbligo morale di imporre e di controllare che nel corso di queste manifestazioni vengano usati esclusivamente prodotti del territorio. Spesso invece le aziende agricole del territorio sono solo comparse a margine della manifestazione mentre nel vicino punto di ristorazione vengono somministrate enormi quantità di prodotti senza identità.

Le sagre di paese del resto dovrebbero essere una delle migliori occasioni per far conoscere e promuovere i prodotti del territorio. I promotori dei prodotti e delle tradizioni locali sono i cittadini stessi, le associazioni, gli amministratori locali che hanno scelto di lavorare per il territorio e per la sua società.

Le stesse Comunità Montana finanziano e sostengono marchi di qualità e territoriali come ad es. “Prodotti della Valle Brembana”: compete ai propri amministratori ed ai cittadini tutti renderlo vivo, percorribile ed efficace sollecitando anche coloro a cui si concede patrocinio e sostegno.

L’ultimo appello è per l’intera comunità delle Valli bergamasche affinché si rendano interpreti della necessità di salvaguardare il lavoro delle nostre imprese agricole tramite l’acquisto e l’utilizzo dei prodotti agroalimentari del territorio, anche e soprattutto nelle varie manifestazioni pubbliche che si organizzano o si organizzeranno nei prossimi mesi.

Per informazioni: www.slowfoodvalliorobiche.it

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


Slow Food Valli Orobiche Bergamo festa popolare sagra prodotto tipico

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).