Allegrini
Ros Forniture Alberghiere
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 07 agosto 2020 | aggiornato alle 03:15| 67117 articoli in archivio
Sofidel Papernet
Ros Forniture Alberghiere

Più regole per le sagre
Vittoria di Fipe e Italia a Tavola

Più regole per le sagre Vittoria di Fipe e Italia a Tavola
Più regole per le sagre Vittoria di Fipe e Italia a Tavola
Primo Piano del 07 marzo 2012 | 12:10

La Camera ha deciso di ripristinare i requisiti morali per chi organizza sagre, feste religiose, di partito. Soddisfatta la Fipe, che con Italia a Tavola da anni lotta per le sagre autentiche. Ora la battaglia continua per porre fine alle libertà pericolose e sleali concesse ai circoli privati

Fipe-Confcommercio (Federazione italiana pubblici esercizi), che con Italia a Tavola da anni lotta contro le sagre tarocche, plaude alla decisione presa in 1ª e 10ª Commissione di Montecitorio di ripristinare i requisiti morali per chi organizza sagre, feste religiose, di partito e altro con somministrazione di alimenti e bevande, come richiesto dalla stessa federazione.



Il provvedimento che fa parte del decreto legge semplificazioni in discussione in Parlamento per la conversione in legge dovrà passare l'esame dell'Aula dove Fipe conta di recuperare anche la stortura nei confronti dei circoli privati. E su questo argomento si prepara a dare nuova battaglia. Aver tolto, in un'ottica di semplificazione, l'autorizzazione di pubblica sicurezza ai circoli privati che somministrano alimenti e bevande impedisce nei fatti l'intervento preventivo da parte delle forze dell'ordine in caso venisse ravvisata una situazione di pericolo per i cittadini.

Ciò significa che polizia e carabinieri non potrebbero accedere immediatamente al luogo dove si somministrano cibi e bevande, ma dovrebbero attendere il mandato del magistrato. In questo caso la semplificazione per i circoli privati mette a rischio la sicurezza dei cittadini.

Le situazioni di pericolo vanno da quelle più gravi (dalla rissa al riciclaggio di denaro sporco passando per lo spaccio di sostanze tossiche) a quelle apparentemente meno gravi, come per esempio il consumo di alcolici a persone di qualsiasi età e a qualsiasi ora. I circoli continuerebbero infatti ad essere soggetti al divieto di somministrazione di alcolici oltre le 3 del mattino, ma senza l'autorizzazione di pubblica sicurezza diventano luoghi esenti dai blitz.

Tutto ciò aggrava la situazione di concorrenza sleale creata dai circoli a danno delle attività commerciali propriamente inquadrate e soggette a obblighi di legge più complessi e articolati. Non è un caso che alcuni circoli nascano proprio con l'obiettivo di effettuare in maniera impropria, ma paradossalmente consentita dalla legge, un'attività da esercente. Infatti i circoli privati non rilasciano scontrini 'a norma di legge” e non pagano imposte e Iva sulla somministrazione se non (ben che vada) in regime di tassazione forfettaria. Tutto ciò avviene a dispetto del pronunciamento della Commissione europea che ha definito da tempo queste agevolazioni veri e propri 'aiuti di Stato”.

Alfredo Zini«è una vittoria importante – ha commento a Italia a Tavola Afredo Zini (nella foto a destra), vicepresidente nazionale Fipe - soprattutto perché tutela la sicurezza alimentare. Ora bisogna andare avanti e regolarizzare la situazione anche sotto l'aspetto fiscale con l'obbligo ad esempio di emettere scontrini esteso anche a sagre, circoli e feste di partito. Ma è comunque stata una vittoria importante!».

Aldo Cursano«è da tempo – ha dichiarato a Italia a Tavola Aldo Cursano (nella foto a sinistra), presidente di Fipe Toscana e vicepresidente vicario della Fipe nazionale - che ci occupiamo di questa distorsione del mercato, di questa concorrenza sleale: le sagre usano questo sistema per aggirare le norme. La Fipe con Italia a Tavola conduce da tempo una lotta di valore per le sagre autentiche. è importante per un governo, soprattutto tecnico, tutelare le sagre vere costatando il fatto che accanto a una sagra autentica ce ne sono 5 tarocche. Quindi con la mozione sembra che il governa abbia operato con buon senso. Non siamo invece soddisfatti riguardo alla questione dei circoli privati e ci si aspetta che anche su questo punto il Senato intervenga con ragionevolezza. Altrimenti si rischia di perdere gli operatori seri, che opterebbero per scappatoie come quelle dei circoli dove, al momento, sembra che tutto sia permesso. Occorre invece valorizzare chi agisce correttamente. Stesso mercato, stesse regole».


Articoli correlati:
A Montecitorio si vota sulle sagre Fipe: No alla concorrenza sleale
Circoli e liberalizzazioni pelose: anche i ministri tecnici sbagliano
Troppa libertà ai circoli? Fipe: Pericolosa concorrenza
Semplificazioni e concorrenza sleale L'Appe di Padova lancia l'allarme
Aiuti di Stato a Chiesa, circoli e sagre Il no della Federazione pubblici esercizi
Le sagre tarocche in Toscana Spina nel fianco della ristorazione
Fipe: 'Semplificando” troppo si rischia l'anarchia nei locali notturni
Basta sagre tarocche Ora in Toscana si fa sul serio
Feste di piazza in Toscana Un danno da 43 milioni di euro
Col silenzio del Governo è sempre sagra tarocca
False sagre, gli esercenti toscani portano i sindaci in tribunale
Sagre, a processo i Comuni Ricorso dei ristoratori toscani
Filiera corta per le sagre Marchio di qualità ad Alessandria
Sagre, gli italiani chiedono l'applicazione del Manifesto
Basta sagre tarocche Sondaggio: l'opinione dei lettori 
Sondaggio su sagre farlocche Il quadro si fa preoccupante
Sondaggio sulle sagre tarocche Il 54% dei lettori critica la qualità
Basta con le sagre "tarocche" Ecco le regole per quelle vere
'Messico e wurstel” nel Vicentino? Mettiamo filtri contro le sagre inutili
Anche i media contro la sagra-mania Semaforo rosso per quelle tarocche
Un'altra estate di sagre tarocche Politici troppo indifferenti
Manifesto delle sagre in Toscana Censite quelle autentiche
Fiepet Brescia: Necessario distinguere tra sagre vere e feste a scopo di lucro
Sagre, in Toscana e Lombardia i ristoratori in prima linea
Festa della Bresaola a Chiuro Più che una sagra, solo uno spot
No alle feste in piazza a Brescia L'Arthob lancia una petizione
Confesercenti Lombardia vs sagreProposto un nuovo regolamento





© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


fipe sagre montecitorio camera Italia a Tavola aggiornamenti gestione normative norma

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

14/03/2012 09:45:00
1) Legge o non legge, i comuni faranno come pare a loro
Approveranno anche la legge contro le sagre, ma sicuramente i Comuni faranno sempre come hanno sempre fatto... come gli pare! E i banchetti e matrimoni selvaggi negli agriturismi fantasma? ...quelli chi li controlla?



ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®