Rational
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 12 novembre 2019 | aggiornato alle 17:32| 61974 articoli in archivio
Rational
Pentole Agnelli
HOME     PROFESSIONI     CUOCHI

Sì di Vizzari alla nostra proposta Pronto al confronto coi ristoratori

Sì di Vizzari alla nostra proposta Pronto al confronto coi ristoratori
Sì di Vizzari alla nostra proposta Pronto al confronto coi ristoratori
Primo Piano del 27 giugno 2009 | 17:00

Tempo di confronti sulle Guide. Alla lettera aperta di Paolo Manfredi su Italia a Tavola, il direttore delle Guide de L'Espresso risponde con una disponibilità a discutere insieme sui criteri e intanto anticipa la notizia che i voti della prossima Guida saranno ridimensionati e più restrittivi

Dopo il polverone sollevato da Striscia la notizia sul sistema "Guide Ristoranti" in Italia, nelle scorse settimane abbiamo deciso di mettere a disposizione, anche su invito di Enzo Vizzari, direttore delle Guide de L'Espresso, i nostri mezzi per un confronto in quello che vorrebbe aspirare ad essere un campo neutro. Di lettere ne sono arrivate tante in redazione, soprattutto di ristoratori delusi per la cancellazione da questa o quell'altra guida. Poi Paolo Manfredi del ristorante "I Valtellina" di Milano ha lanciato una proposta-sfida: un pacato ragionamento sul sistema attuale di giudizio di questi strumenti chiamati "Guide", una lettera (che riportiamo in calce), aperta, rivolta direttamente ad Enzo Vizzari che, di rientro da Bordeaux, ha impugnato la penna e ha risposto.

'
Enzo VizzariUrbana e ricca di spunti la lettera del signor Manfredi. Merita un ragionamento molto articolato e anzi una discussione che, sinceramente, ho difficoltà a contenere in una risposta di lunghezza ragionevole. Accettando sin d'ora un confronto de visu e naturalmente pubblico, affermo sereno e convinto che  - per quanto concerne la nostra Guida dei Ristoranti (rifiuto da molto tempo di discutere genericamente "delle Guide", parlo per noi) - sia le modalità tecniche di realizzazione, sia la scala dei voti, sia soprattutto i CRITERI DI VALUTAZIONE ("diteci che cosa volete da noi") sono più che ESPLICITI per chi abbia la voglia di leggere nell'ordine:
1) l'editoriale a firma mia che ogni anno apre la Guida e che, appunto, ne sintetizza la "linea";
2) la "guida alla lettura" (...non ha senso leggere solo il voto, che riguarda esclusivamente la cucina... è indispensabile leggere anche il commento...ecc. ecc.);
3) quel "decalogo" (Per la "nuova cucina italiana") che da due anni pubblichiamo e che definisce ciò che per noi è "buono & sano" e quindi esprime con estrema chiarezza i fondamenti dei nostri giudizi. Che possono essere condivisi o respinti, ma che chi ci contesta ha il dovere di conoscere.

Mi creda il signor Manfredi: il nostro modo di lavorare e i nostri "valori" sono a portata di comprensione - ripeto, non di condivisione - di qualsiasi persona dotata di buonsenso e buonafede. Potrei dire io "spiegateci che cosa volete da noi"...

Approfitto dell'occasione per anticipare una notizia che riguarda i "voti" della prossima Guida: saranno in larga misura ridimensionati secondo criteri più restrittivi (il voto minimo, d'accesso, sarà 12/20 e non più 12,5/20, non ci saranno più i "senza voto") e quindi molti locali si troveranno un "voto" inferiore rispetto al passato. Il che non equivarrà a un giudizio peggiorato (e la lettura dei testi lo confermerà), ma sarà la conseguenza di un "restringimento dei pali della porta", di un intervento deflazionistico, voluto per meglio sottolineare le differenze di livello fra le cucine dei locali recensiti.
Grazie per l'ospitalità.
Enzo Vizzari

Riportiamo nuovamente la lettera del ristoratore Paolo Manfredi.
'
Gentile dottor Vizzari,
ho trovato gustosi i botta e risposta fra lei e qualche mio collega ristoratore che lamentava i torti subiti dalle guide e dalla sua in particolare, anche se il piacere è stato di breve durata e il retrogusto amaro.

La colpa non è sua, Dottore, che come un gatto ha rapidamente azzannato i tremebondi topolini che con argomentazioni fiacche e gossip riciclati volevano vendicare i torti subiti. Semmai è proprio l'inconsistenza delle argomentazioni dei colleghi a rendere alla lunga la tenzone poco appassionante per manifesta inferiorità dell'avversario e a dare al contempo il senso di una grande occasione sprecata.

Sprecata perché credo che un problema fra la ristorazione e il sistema mediatico che la rappresenta e giudica esista e sia grave, ma che risieda solo in minima parte negli scandali veri o presunti sollevato da Striscia la notizia e che sia invece innanzitutto un problema di ruolo e di autorevolezza in un settore fragile e in crisi e anche, seppur scompostamente, incazzato.

Ora, senza voler iscrivere d'ufficio tutti i colleghi che hanno manifestato disappunto verso le guide nella schiera dei "frustrati che, alimentando il qualunquismo e il disfattismo, giocano oggettivamente contro la vostra stessa categoria", penso che la partecipazione con la quale è stata accolta la sgangherata operazione verità di Striscia nasconda un'insoddisfazione profonda verso quello che il vostro strumento potrebbe essere per la ristorazione italiana ma non è: una bussola. Un sestante per capire dove si è e dove si dovrebbe andare in un settore in cui i riferimenti culturali sono pressoché nulli e la formazione di un'estetica e di una cultura professionale e la circolazione delle idee è quasi totalmente appannaggio di voi giornalisti.

Di qui l'insoddisfazione non solo quando il voto in pagella è brutto (non ci consideri tutti così piccini) ma anche quando lo strumento più potente che parla di noi anno dopo anno e che da la linea inizia a perdere i colpi e parla di un mondo alieno dalla nostra esperienza quotidiana.

Penso soprattutto allo star system che il sistema delle guide ha creato e corroborato come stelle fisse alle quali guardare per capire come si fa, ignorando sistematicamente la (difficile) rappresentazione di un sistema polverizzato e controverso, ma che da mangiare alla maggioranza di quelli (sempre meno) che vanno al ristorante. Un metodo semplice ed efficiente ma superficiale, che rinuncia totalmente a fare cultura e innovazione sul mondo che rappresenta, a partire dalla valutazione della basilare differenza fra grandi chef "artisti di corte" (senza cioè il problema di quadrare i conti) e ristoratori-imprenditori. Un metodo inattaccabile nella forma (i colleghi ai vertici sono davvero i più bravi) ma tremendamente ingiusto nella sostanza quando danneggia un collega come quello di Rovereto condannandolo all'oblio solo perché non ci stava nella pagina. Ritiene oggi questo approccio così perfetto da non poter sollevare obiezioni che non siano codarde e ciarlatane? "Troppa responsabilità ci attribuite, mio caro", potrebbe a questo punto rispondermi lei, "le vostre rogne andatevele a grattare altrove, magari alla FIPE. Noi siamo un prodotto editoriale e non il vostro sindacato". Sarebbe una risposta di nuovo ineccepibile nella forma, quanto deludente nella sostanza perché nessuno orienta quanto voi scelte e mode del mercato della ristorazione, determina fortune e rovesci e muove un mercato di pranzi e cene di formazione professionale tutt'altro che trascurabile. Tutte cose di cui voi guide delle Guide sembrate anche piuttosto consci sia quando rilasciate interviste su "dove va la ristorazione italiana" sia quando pubblicate i vostri tomi in edizione brossurata, scomoda da tenere in macchina ma molto evidente all'ingresso del locale...

Credo, caro Dottore, che anche la pubblicazione che lei così ben dirige sia parte organica del nostro mondo e che ci serva come il pane per capire cosa fare, confrontarci e migliorare. Per questo, se è vero che un sistema della ristorazione in declino sarebbe un problema per voi, è anche vero il contrario: guide professionali poco autorevoli non aiutano il nostro mondo a crescere.

Per questo, concludendo questa lunga e spero non troppo confusa lettera aperta, volevo farle una proposta: lasciamo da parte Guidopoli e tutte le altre balle scandalistiche e apriamo una riflessione comune sul ruolo delle guide nella cultura della ristorazione in Italia definendo a priori regole trasparenti di valutazione e soprattutto strumenti per migliorarci nel nostro lavoro. In soldoni: se voi ci fate capire prima cosa valutate e come del nostro lavoro noi sappiamo dove intervenire per migliorarci e non pensiamo che ci sia dietro chissà che.

Non è una proposta di inciucio, venite in forma anonima e trattateci male se ce lo meritiamo, ma almeno fateci capire perché.

Con i miei migliori saluti
Paolo Manfredi
Ristorante I Valtellina - Milano

Articoli correlati:
Servono nuove regole per le Guide Meglio se condivise dai ristoratori
Ristoranti eliminati dalle Guide Si sfoga la Vecchia Cucina di Milazzo
Tolto dalla Guida de L'Espresso Il San Colombano: «Perché?»

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


talia a Tavola alimenti food bevande caffè birra distillati vino salute diete ristorazione aziende attrezzature ristoranti pizzerie bar enoteche hotel SPA agriturismi appuntamenti fiere turismo circoli libri stampa ricette oroscopo enogastronomia territorio ospitalità  horeca

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).