Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 21 febbraio 2024  | aggiornato alle 03:37 | 103277 articoli pubblicati

La Fipe scende in campo: Ristoratori penalizzati dalle sagre

Raccogliendo le sollecitazioni dell'Arthob e del consorzio Cuochi di Lombardia sul problema delle troppe feste di piazza organizzate a discapito della ristorazione, ora scende in campo anche la Fipe, denunciando una riduzione dell’80% degli incassi per i ristoratori dovuta al dilagare delle sagre

27 luglio 2009 | 19:20
La Fipe scende in campo: Ristoratori penalizzati dalle sagre
La Fipe scende in campo: Ristoratori penalizzati dalle sagre

La Fipe scende in campo: Ristoratori penalizzati dalle sagre

Raccogliendo le sollecitazioni dell'Arthob e del consorzio Cuochi di Lombardia sul problema delle troppe feste di piazza organizzate a discapito della ristorazione, ora scende in campo anche la Fipe, denunciando una riduzione dell’80% degli incassi per i ristoratori dovuta al dilagare delle sagre

27 luglio 2009 | 19:20
 

 Raccogliendo le sollecitazioni di Arthob, l'associazione dei ristoratori bresciani, e del consorzio Cuochi di Lombardia sul problema delle troppe feste di piazza organizzate a discapito della ristorazione, ora scende in campo anche la Fipe (Federazione italiana pubblici esercizi), che sta raccogliendo dati sul fenomeno in un 'Libro bianco” da presentare alle varie amministrazioni comunali. Attraverso le parole del direttore generale Edi Sommariva, denuncia una riduzione dell'80% degli incassi per i ristoratori dovuta al dilagare di sagre e feste di piazza. Una posizione che "Italia a Tavola" è ben lieta di valorizzare dopo aver evidenziato il problema sollevato da Arthob e Cuochi di Lombardia.

«Le sagre stanno dilagando - commenta in particolare  Sommariva. Ognuno si inventa le cose più strane. Abbiamo cominciato a raccogliere dati sulla Toscana, da cui emerge che sono innanzitutto troppo frequenti, poi durano in media una settimana e penalizzano gli incassi dei ristoratori in media del 25% e fino a punte dell'80%. Inoltre, il tutto avviene senza nessun tipo di controllo igienico-sanitario. Il problema non sono le sagre in sé, perché quelle che hanno radici storiche o significato religioso sono anzi un valore aggiunto, ma ci vuole misura nel proliferare di eventi in piazza per raccogliere risorse».


Articoli correlati:
Anche i ristoratori italiani all'estero prendono posizione sulle feste di piazza
Ora i ristoratori alzano la testa. Anche da Bergamo 'no” alle sagre
Ristorazione vs sagre di piazza Da Brescia un primo spiraglio
Troppe sagre nelle piazze italiane Solo nel bresciano oltre 1500 nel 2008
Nella Leonessa d'Italia scoppia la battaglia della salamina
Feste popolari e di piazza I ristoratori bresciani dicono "no"

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       

08/09/2010 11:45:00
7) I ristoratori devono rivolgersi, uniti, agli organi competenti
Come tutti voi tengo a precisare che le sagre danneggiano l'economia del nostro settore e la cosa piu importante e che nemmeno l'Agenzia delle entrate si rende conto delle notevoli perdite che abbiamo ogni anno. Uniamoci e facciamoci sentire dagli organi competenti.


27/07/2009 19:20:00
6) Come fanno ad avere permessi per far da mangiare lungo le strade?
Pienamente d'accordo con il parere espresso dai miei colleghi; questo problema ormai sparso a macchia d'olio in tutto il Paese sta letteralmente rovinando tutto ciò che noi Ristoratori ci siamo creati con le nostre mani e la nostra professionalità in tanti anni di duro lavoro e pesanti sacrifici, anche e soprattutto economici!!!, cercando di metterci in regola costantemente con tutto l'evolversi degli aggiornamenti a livello igienico-sanitario come l'HACCP ci insegna... Ecco, a proposito di quest'ultimo, vista la rigidità di regole, sarei curioso di sapere come riescono ad avere permessi per fare e dare da mangiare lungo le strade.


27/07/2009 19:20:00
5) Organizziamo una raccolta delle nostre lettere
Cari ristoratori, dopo aver visto quanto fermento è stato creato, perché non lanciamo una sorta di raccolta delle lettere che avete scritto e le inviamo a chi di dovere, tramite Italia a Tavola? Sarebbe una sorta di documentazione veritiera.


27/07/2009 19:20:00
4) Grazie di aver sollevato il problema
Non posso che essere d'accordo. Solo nel nostro piccolo paese in Toscana, comune di Fucecchio, la festa paesana in luglio dura 15 giorni, si chiama Sagra della Zuppa, ma in realtà viene servito di tutto, persino pesce, con punte di 300 coperti a sera. La cucina è precaria, con nessun obbligo sanitario da rispettare. Durante tutto l'anno il sabato la stessa organizzazione organizza cene a base di pizza con antipasti e primi (il forno è all'aperto sotto un tendone) a costi bassissimi. Ditemi voi come è possibile competere con questo fenomeno. Grazie di aver sollevato il problema.


27/07/2009 19:20:00
3) Facciamo qualcosa...
Mi associo ai commenti dei colleghi e ringrazio di aver messo in evidenza un problema gravissimo, vi assicuro che in Toscana la situazione è penalizzante davvero, e concordo con la titolare del Il Poggetto.. ma vi prego non limitiamoci alla denuncia del problema, facciamo qualcosa tutti insieme!


27/07/2009 19:20:00
2) Italia a Tavola promuova una compagna contro la concorrenza sleale delle sagre
Cari colleghi, rappresento una società di servizi ristorativi in Umbria e condivido pienamente e fino in fondo ogni vostro singolo commento e preoccupazione. Anche qui in Umbria le cose stanno esattamente così, se non peggio, la durata media di una sagra è di 10gg, inizio del periodo dedicate a questi eventi in piazza da aprile a tutto settembre, oltre alla manica larga di qualsiasi ente garante, nel 90% dei casi non offrono alcuna tipicità. Spero solo che tutti avremo l'occasione di affrontare il problema nelle sedi opportune anche grazie a Italia a Tavola, che invito a rendersi promotore di una campagna a difesa di questa, passatemi il termine, concorrenza sleale!! Buon lavoro a tutti In fede


27/07/2009 19:20:00
1) Come fanno ad avere permessi per far da mangiare lungo le strade?
Pienamente d'accordo con il parere espresso dai miei colleghi; questo problema ormai sparso a macchia d'olio in tutto il Paese sta letteralmente rovinando tutto ciò che noi Ristoratori ci siamo creati con le nostre mani e la nostra professionalità in tanti anni di duro lavoro e pesanti sacrifici, anche e soprattutto economici!!!, cercando di metterci in regola costantemente con tutto l'evolversi degli aggiornamenti a livello igienico-sanitario come l'HACCP ci insegna... Ecco, a proposito di quest'ultimo, vista la rigidità di regole, sarei curioso di sapere come riescono ad avere permessi per fare e dare da mangiare lungo le strade.





Agugiaro e Figna Le 5 Stagioni
Siggi

Siad
Tirreno CT
Giordana Talamona