Ros Forniture Alberghiere
Rotari
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 10 dicembre 2019 | aggiornato alle 18:15| 62494 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Rotari
HOME     BEVANDE     TENDENZE e MERCATO

Aranciate, +20% di frutta nelle bibite
Sì della Camera all'emendamento

Aranciate, +20% di frutta nelle bibite 
Sì della Camera all'emendamento
Aranciate, +20% di frutta nelle bibite Sì della Camera all'emendamento
Primo Piano del 11 giugno 2014 | 10:19

La Camera ha approvato l'emendamento del Pd alla legge comunitaria che alza il contenuto minimo di succo di frutta nelle bibite gassate dal 12 al 20%. L'aumento potrebbe salvare oltre 10mila ettari di agrumeti italiani. Si è messo un punto alla battaglia tra multinazionali e agricoltori, soprattutto di Sicilia e Calabria

La "battaglia" contro le famose quanto temute “aranciate senza arance” è sempre più vicina ad un epilogo positivo. L'aula della Camera ha infatti approvato un emendamento del Partito Democratico, con primo firmatario Nicodemo Oliverio, alla legge comunitaria che alza il contenuto minimo di succo di frutta nelle bibite gassate dal 12 al 20%.

Ora ci sono le condizioni per cambiare una norma che permette di vendere l’acqua come fosse succo, ma quando la legge sarà approvata 200 milioni di chili di arance all'anno in più saranno “bevute” dai 23 milioni di italiani che consumano bibite gassate, il che significa 50mila chili di vitamina C in più. Un percorso ancora lontano dall’essere pienamente operativo, dato che si attende il voto del Senato, ma già conforta aver intrapreso la strada giusta.

Italia Tavola per prima si era espressa con forza contro l'iniziativa che, cinque anni fa, aveva previsto l'arrivo in Italia delle aranciate senza arancia, a seguito di "un'aggiunta" tutta italiana al provvedimento con cui ogni anno i parlamenti nazionali di fatto ratificano le direttive comunitarie.

Ricordiamo infatti che già nel 2009 Italia a Tavola si è schierata in prima linea per bloccare un provvedimento che avrebbe penalizzato consumatori e produttori agrumicoli. Chiunque sia impegnato da anni a favore di una trasparenza nel settore e della salvaguardia della qualità agroalimentare made in Italy, può quindi tirare un sospiro di sollievo.



Fino a poche settimane fa il problema era riscontrabile nell'abuso di potere di alcune lobby industriali, incentrate al profitto, che andava di pari passo con la mancanza di una visione chiara delle istituzioni italiane in tema di tracciabilità e sicurezza alimentare. Ora la decisione presa da Governo concorre a migliorare concretamente la qualità dell'alimentazione e a ridurre le spese sanitarie dovute alle malattie connesse all'obesità in forte aumento.

Non va peraltro dimenticato l'impatto economico sulle imprese agricole poiché l'aumento della percentuale di frutta nelle bibite potrebbe salvare oltre 10mila ettari di agrumeti italiani con una estensione equivalente a circa 20mila campi da calcio, situati soprattutto in regioni come la Sicilia e la Calabria.

«L'approvazione dell'emendamento - sostiene Nicodemo Oliverio - mette la parola fine alla battaglia tra multinazionali e piccoli agricoltori meridionali. Non si impedisce la produzione di bibite a basso contenuto di frutta, ma a patto di non vendere acqua per succo di arancia».

Dalla parte di chi si dichiara contrario a questa normativa troviamo il Nuovo Centrodestra: «Parliamo di bibite - spiega Raffaello Vignali capogruppo dei Ncd - e non di succhi di frutta. Questo limite penalizza chi produce bibite in Italia, visto che in Europa la quantità media di succhi di frutta richiesta è del 5%. E premia le multinazionali che possono produrre all'estero ed importare in Italia a costi minori dei produttori italiani».

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


aranciata arancia succo di frutta made in Italy agroalimentare

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).