Sofidel Papernet
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 04 luglio 2020 | aggiornato alle 16:55| 66550 articoli in archivio
HOME     TURISMO     TENDENZE e SERVIZI

In tempo di crisi ristoranti al tappeto
Il 49% degli italiani sceglie le sagre

In tempo di crisi ristoranti al tappeto 
Il 49% degli italiani sceglie le sagre
In tempo di crisi ristoranti al tappeto Il 49% degli italiani sceglie le sagre
Primo Piano del 29 settembre 2014 | 16:03

Complice il bel tempo di queste settimane, quasi la metà degli italiani ha riscoperto le sagre come alternativa low cost rispetto ad altri svaghi (inclusi i ristoranti) che in molti sono stati costretti a tagliare. Senza una chiara regolamentazione, però, le sagre rappresentano una minaccia nei confronti dei ristoratori

L’estate 2014 è stata definitivamente archiviata, e ora che l’autunno sta regalando più soddisfazioni, almeno dal punto di vista meteorologico, prende il via una lunga serie di sagre, in tutta Italia, con l’unico scopo di promuovere i prodotti del territorio e celebrarne le qualità e i sapori. Da questo punto di vista non si può rimproverare nulla a queste manifestazioni popolari, dove il cibo fa da protagonista; la questione però si complica quando ad entrare in gioco sono le cosiddette sagre tarocche, contro le quali Italia a Tavola si sta battendo da anni, auspicando in una regolamentazione del settore, che tutti sembrano volere, ma evidentemente solo in teoria.



Le sagre tarocche da anni stanno causando danni incalcolabili all’immagine del nostro turismo ed alla filiera agroalimentare. Queste feste di paese che si susseguono dal nord al sud della Penisola, sono sempre meno “autentiche”, e per i ristoratori e gli imprenditori del settore somigliano ad una vera e propria giungla senza alcuna regola in fatto di scontrini e ricevute, che provoca una concorrenza sleale che sottrarrebbe ai ristoratori, ancor più in tempi di crisi, incassi da capogiro.

La crisi è però tra le principali motivazioni che spingono gli italiani a preferire una sagra piuttosto che un ristorante. Quasi la metà degli italiani (49%) partecipa a sagre e feste di Paese che si concentrano con l’inizio dell’autunno con appuntamenti che vanno dall’uva ai funghi, dalle castagne alle mele fino ai tartufi. È quanto emerge da una analisi della Coldiretti/Ixè in occasione del primo weekend di autunno che complice il bel tempo evidenzia la riscoperta degli italiani per le sagre come alternativa low cost rispetto ad altri svaghi che in molti sono stati costretti a tagliare.
 
Il ritorno delle sagre è infatti all’insegna del risparmio con un visitatore su cinque che non spende nemmeno un euro mentre per gli altri la spesa rimane sempre sotto i 30 euro, secondo l’indagine Coldiretti/Ixè. Si tratta di una nuova tendenza che è il frutto dell’esigenza di contenere le spese, ma anche di ristabilire un rapporto più diretto con il cibo, la cultura e le tradizioni territoriali.
 
Dal pesce al cinghiale, dalla frutta alla verdura, ma anche le tante specialità autunnali del territorio come il vino, i funghi sono protagoniste degli appuntamenti di settembre che vedono la partecipazione entusiasta di tanti cittadini. Un fenomeno che va però accompagnato da una maggiore qualificazione dell’offerta che accanto a proposte di alta qualità mostra spesso anche tante improvvisazioni.

Tra i consigli da seguire nella scelta ci sono infatti l’opportunità di verificare la congruità del “cibo festeggiato” con la realtà produttiva del territorio anche con un occhio alla stagionalità, le garanzie offerte dalla partecipazione delle Istituzioni, dai Comuni alle Parrocchie fino alle organizzazioni di rappresentanza, il coinvolgimento nell’iniziativa di operatori economici locali, dai ristoratori agli agricoltori.
 
La necessaria qualificazione dell’offerta delle sagre in Italia può essere sostenuta, infatti, da una più forte presenza delle realtà economiche espressione del territorio come ad esempio la vendita diretta dei prodotti agricoli e alimentari delle aziende agricole locali, che garantiscono identità e qualità al giusto prezzo. Una opportunità resa possibile anche dal moltiplicarsi dei mercati, delle botteghe, dei frantoi, malghe, cantine e spacci aziendali degli agricoltori di “Campagna Amica”, che possono contare su quasi 10mila punti vendita in tutta Italia dove e possibile acquistare i prodotti agricoli e alimentari del territorio a chilometri zero.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


sagre crisi low cost ristorante regolamentazione

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

01/10/2014 10:54:19
1) ANCHE I BAR E I BENZINAI FANNO RISTORAZIONE
Buon giorno, volevo portare a conoscenza una situazione anomala che si sta verificando a Sannazzaro de Burgondi, un paese che lavora in prevalenza con la Raffineria ENI, da un po' di tempo a questa parte anche i bar e i benzinai si sono cimentati nella ristorazione, preparando pasti a mezzogiorno, mi domando che controlli hanno a livello sanitario, il nostro ristorante è stato visitato dall'ASL a maggio, fortunatamente era tutto in ordine perché cerchiamo di rispettare la sicurezza alimentare e la salubrità dei locali, ci hanno solo consigliato di imbiancare la cucina che comunque avremmo provveduto nella chiusura per ferie, un collega qui nel comune addirittura gli hanno verbalizzato di sostituire le piastrelle del pavimento e delle pareti. Questi bar e benzinai che controllo hanno, a volte hanno un retro bar molto piccolo per fare la preparazione dei panini. Noi ristoranti siamo sotto controllo e loro?
RITA ZANDONA'
RISTORATRICE
ALBERGO RISTORANTE GIARDINO

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Sofidel Papernet
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®