Ros Forniture Alberghiere
Rotari
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 11 dicembre 2019 | aggiornato alle 10:31| 62500 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Rotari
HOME     BEVANDE     TENDENZE e MERCATO

Abuso di alcol fra i giovani Allarme in Gran Bretagna

Abuso di alcol fra i giovani Allarme in Gran Bretagna
Abuso di alcol fra i giovani Allarme in Gran Bretagna
Pubblicato il 07 maggio 2009 | 10:43

I ricercatori della Joseph Rowntree Foundation hanno analizzato le statistiche britanniche sul consumo di alcol degli ultimi 20 anni: la percentuale di donne che alzano il gomito nel fine settimana è raddoppiata, stabile quella degli uomini. In Italia si vendono ancora troppi alcolici ai minorenni

Riportiamo da Corriere.it il seguente articolo.

'
 Il fenomeno preoccupa oltremanica, e basta uscire per le strade di una città inglese durante il weekend per rendersi conto che i dati raccolti dalla Joseph Rowntree Foundation non sono campati per aria, ma fotografano una realtà assai diffusa in Inghilterra: in giro, il venerdì e il sabato sera, ci sono molti ragazzi e ragazze ubriachi. I ricercatori, che hanno analizzato le statistiche nazionali di consumo d'alcol degli ultimi 20 anni, spiegano che sono soprattutto le donne ad aver cominciato a bere di più nel fine settimana: all'inizio degli anni '90 lo faceva solo il 7% delle donne, oggi la quota è raddoppiata e tocca il 15%. Negli uomini, invece, il fenomeno è rimasto quasi stabile (i 'bevitori del weekend” erano il 22% nel 1990, sono il 23% oggi). Questo succede nel Regno Unito, dove le abitudini sono diverse rispetto all'Italia a cominciare dal tipo di alcolici in voga: fra gli anglosassoni vanno per la maggiore birra e superalcolici, da noi è ancora il vino la bevanda più amata. Ma le differenze non si esauriscono qui: secondo il rapporto Istat 2008 sull'uso e abuso di alcol in Italia, nel nostro Paese gli uomini che cedono al binge drinking sono il 12,1%, le donne appena il 2,8%.

L'allarme non ci riguarda, quindi? «Meno di quanto si potrebbe temere», giudica Andrea Poli, direttore della Nutrition Foundation of Italy. «La nostra tradizione ci protegge: da noi è abituale ripartire il consumo di alcol in varie dosi, distribuite lungo l'arco della giornata e della settimana e non concentrate in una singola occasione. Anche una nostra ricerca ha dimostrato, su un campione rappresentativo di adulti fra 40 e 79 anni, che in media gli italiani consumano 10 grammi di alcol al giorno: più o meno un drink, di certo un utilizzo moderato. Tra l'altro bere molto soltanto in sporadiche occasioni è il peggior modo di consumare alcol, perché se ne perdono del tutto i vantaggi sul sistema cardiovascolare: il binge drinking è anzi associato a un maggior rischio di ictus, oltre naturalmente ai pericoli immediati derivanti ad esempio dalla perdita del controllo e dalle modifiche del comportamento».

Gli italiani, si sa, sono un po' esterofili. Aggiungiamoci che le cattive abitudini si prendono ben prima di quelle virtuose e la domanda è d'obbligo: non finiremo per accodarci anche noi agli inglesi, andando a ingrossare le file degli ubriachi del fine settimana? «Credo che le nostre tradizioni siano più forti: la maggioranza degli italiani ama ancora bere di qualità anziché in quantità», risponde Poli. A ben guardare però qualche altro dato che non lascia dormire sonni tranquilli c'è, di qua e di là dalla Manica. Secondo le stime inglesi, infatti, il consumo medio settimanale di alcol dei ragazzini fra 11 e 15 anni è raddoppiato negli ultimi 20 anni; i dati Istat rivelano che nel 2008 il 17% degli under 15 ha consumato almeno una bevanda alcolica (il 19,7 dei maschi e il 15,3% delle femmine). E basta diventar maggiorenni perché i dati di consumo degli alcolici siano in media col resto degli italiani adulti: a 19 anni bevono alcol il 75% dei maschi e il 58% delle femmine. Se i primi approcci alla bottiglia arrivano così presto, non c'è il pericolo che le prossime generazioni indulgano di più in sbronze e bevute? Poli chiama di nuovo in causa le nostre tradizioni: «Il dato italiano parla di ragazzini che hanno bevuto almeno un drink alcolico in un anno: molti di loro si saranno probabilmente limitati a una sola bevanda alcolica bevuta in una singola occasione, magari lo spumante al cenone di Natale o al compleanno della nonna. Fermo restando che fino a 18 anni si dovrebbe bere solo acqua o al massimo succhi di frutta, se il primo approccio all'alcol avviene in un contesto familiare ci sono i presupposti perché non sia pericoloso e non degeneri facilmente in un consumo smodato», dice Poli. è soprattutto il modello familiare di riferimento, quindi, che può educare a bere responsabilmente.

«Detto questo, la comunità giovanile è un mondo a parte in cui è senz'altro vero che la bevanda alcolica viene consumata anche nella ricerca dello sballo», avverte l'esperto. Se pure in Italia i contorni della faccenda non sono preoccupanti come nel Regno Unito, insomma, c'è una quota non indifferente di adolescenti che bevono spesso e volentieri, e che non si fanno mancare neppure le sbronze. Colpa della pubblicità ammiccante e accattivante degli alcolici, come accusano gli esperti inglesi? «Non credo che la pubblicità sia così determinante nei comportamenti dei giovanissimi: da noi la pubblicità al fumo è vietata, ma la percentuale di adolescenti fumatori non è molto diversa rispetto ai Paesi dove il divieto non esiste - prosegue Poli -. è anche vero che i ragazzi che bevono per sballare sono un fenomeno molto difficile da fronteggiare: possiamo dir loro qualunque cosa, non ascoltano. Inutile minacciarli con gli effetti a breve e lungo termine dell'alcol, non si impauriscono affatto. Sarebbe di sicuro più utile essere granitici nel rispetto delle norme che vietano di vendere alcolici ai minorenni: non transigere potrebbe aiutarci a contenere il fenomeno dello sballo nei giovanissimi», conclude Poli.

Elena Meli
Corriere.it


Articoli correlati:
Allarme alcol, 9 minorenni su 10 lo cercano per "sballare" la sera
Uso e abuso di alcol Italiani a rischio secondo l'Istat

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


talia a Tavola alimenti food bevande caffè birra distillati vino salute diete ristorazione aziende attrezzature ristoranti pizzerie bar enoteche hotel SPA agriturismi appuntamenti fiere turismo circoli libri stampa ricette oroscopo enogastronomia territorio ospitalità  horeca

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).