Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 15 aprile 2024  | aggiornato alle 14:13 | 104591 articoli pubblicati

McDonald’s, ora il tavolo si prenota Attesa zero per un pasto covid free

Il colosso del fast food ha investito per consentire ai clienti di assicurarsi un posto a sedere senza fare la fila. Anche per il take away, basterà passare per il ritiro diminuendo i contatti con altre persone.

 
11 giugno 2020 | 11:42

McDonald’s, ora il tavolo si prenota Attesa zero per un pasto covid free

Il colosso del fast food ha investito per consentire ai clienti di assicurarsi un posto a sedere senza fare la fila. Anche per il take away, basterà passare per il ritiro diminuendo i contatti con altre persone.

11 giugno 2020 | 11:42
 

La ristorazione tradizionale si sposta verso una nuova concezione potenziando il delivery e l’asporto e affidandosi alla tecnologia per ridurre al minimo gli assembramenti. La ristorazione più moderna invece guarda a modalità tradizionali affidandosi sempre alla tecnologia puntando sui posti a sedere e ad un consumo, anche take away, meno frenetico e consumistico e più ordinato.

Tavolo e take away si prenotano dall'app - McDonald’s, ora il tavolo si prenota Attesa zero per un pasto covid free

Tavolo e take away si prenotano dall'app

Che la nuova ristorazione nasca dalla fusione di vecchio e nuovo e si rilanci a braccetto? Speriamo. Un buon segnale arriva dal Re del cibo low cost fondato sul consumismo come McDonald’s che, per quanto riguarda il mercato italiano, ha deciso di introdurre la prenotazione del tavolo nei suoi ristoranti. Nuovo approccio organizzativo e attenzione alle risorse umane, sono queste le due linee guida della multinazionale del fast food.

«Evitare file, mantenere le distanze, essere sicuri di potersi sedere all’interno di un ristorante - osserva Mario Federico amministratore delegato di McDonald’s Italia - l’emergenza Covid e le misure di sicurezza che ne conseguono ci stanno abituando a vivere in modo differente anche la quotidianità. Ecco perché McDonald’s Italia, per assicurare il massimo della comodità e della sicurezza dei suoi clienti, ha deciso di mettere a disposizione tramite app la possibilità di prenotarsi, sia per l’asporto sia per mangiare in sala. Entro fine giugno sarà resa disponibile una app che darà la possibilità di prenotare un tavolo, mentre è già in test in 150 ristoranti la app per prenotare l’asporto».

Un investimento in tecnologia digitale che ha visto il gigante del food collaborare con un startup italiana. «Insieme a loro - spiega Federico - saremo in grado di offrire diverse nuove opzioni a cominciare dal take away: voglio fare asporto ma non voglio restare in fila ad aspettare? Tramite la app verifico quante persone sono in attesa presso un nostro ristorante e mi prenoto (prendo un posto in coda), vengo avvisato quanto è il mio turno e a quel punto mi reco al ristorante, entro e faccio l’ordine che mi verrà consegnato subito. E poi “Eat in”: ho finito le commissioni e voglio mangiare da McDonald’s ma non ho prenotato? Tramite la app verifico la disponibilità immediata di un tavolo nel ristorante prescelto. Infine, appunto la prenotazione tavolo: amo programmare le mie uscite e voglio essere certo di trovare un tavolo libero? Grazie alla app seleziono uno dei nostri ristoranti dove voglio recarmi e prenoto il tavolo nella data e orario prescelti».

Insomma, il concetto di fast food (pasto veloce, per capirci) passa in secondo piano e lascia spazio all’attesa zero. Poi, magari, si mangia anche con più calma grazie ad un maggior ordine in sala e ad un minor traffico di persone. La seconda “leva” del cambiamento riguarda la gestione delle risorse umane: la pandemia ha costretto quasi tutti a un lavoro da remoto e accelerato l’introduzione dello smart working in Italia. «Si tratta di un’esperienza che tornerà utile anche in futuro - precisa Federico - il lavoro da remoto non uscirà dalla nostra organizzazione nemmeno alla fine dell’emergenza sanitaria. L’opzione smart working rimarrà per tutti i nostri lavoratori “in office” alternata alla presenza in ufficio in modo da concedere la flessibilità senza rinunciare all’arricchimento dello scambio di idee ed esperienze in ufficio. A ciò si aggiunge, ogni cinque anni, la possibilità di aggiungere due settimane di ferie (regalate dall’azienda) alle canoniche quattro e con sei settimane usufruire di un mini sabbatico».

E per i lavoratori dei ristoranti esiste un progetto specifico? «Abbiamo messo a disposizione un budget di 500mila euro l’anno. Siamo una delle poche realtà italiane ad avere il 35% di lavoratori universitari, mettiamo ogni anno a disposizione le nostre borse di studio. Per chi non svolge studi universitari, invece, mettiamo in palio lezioni di italiano (per gli stranieri) o lezioni di inglese (per gli italiani)».

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Consorzio Barbera Asti
Pavoni
Di Marco
ROS

Consorzio Barbera Asti
Pavoni
Di Marco

ROS
Siad
Italmill