Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 14 giugno 2024  | aggiornato alle 07:34 | 105852 articoli pubblicati

Elle & Vire
Siad
Elle & Vire

Cara una lasagna a 23 euro? Al ristoratore la libertà di decidere il prezzo

Il piatto proposto dalla trattoria Bernabò di Bergamo Alta, con tanto di grande cartello all'esterno, riaccende la questione dei “critici gastronomici della domenica” che giudicano “minacciando” il comparto

di Alberto Lupini
direttore
 
11 settembre 2023 | 16:41

Cara una lasagna a 23 euro? Al ristoratore la libertà di decidere il prezzo

Il piatto proposto dalla trattoria Bernabò di Bergamo Alta, con tanto di grande cartello all'esterno, riaccende la questione dei “critici gastronomici della domenica” che giudicano “minacciando” il comparto

di Alberto Lupini
direttore
11 settembre 2023 | 16:41
 

Adesso è forse il caso di porre un freno alle banalità e alla moda di fare le pulci, comunque e a prescindere, al lavoro di bar e ristoranti. Per carità, contestare chi fa pagare l’aggiunta di un piattino a tavola o il taglio di un toast è più che giusto. Al punto che è sceso in campo persino il sindacato dei pubblici esercizi (la Fipe) per invitare i gestori a essere seri ed evitare di gettare discredito su una categoria che già fa fatica a fare quadrare i bilanci fra rincari di ogni cosa, carenza di personale e minore propensione agli acquisti da parte dei consumatori. Arrivare a mettere all’indice il costo di un singolo piatto, senza alcuna motivazione, è però davvero inaccettabile. Soprattutto se il prezzo è esposto con un cartello enorme sulla vetrina del ristorante e nessuno può rischiare di trovarsi un conto inaspettato.

Cara una lasagna a 23 euro? Al ristoratore la libertà di decidere il prezzo

Lasagne a 23 euro al Bernabò in Città Alta con tanto di carello chiaro per i clienti

Lasagne a 23 euro: nessuno è obbligato ad assaggiarle…

Eppure, capita anche questo. Senza neanche una riga in cui mostrare di averle almeno annusate, c’è chi fa ironia su un piatto di lasagne, proposte nel centro storico di Bergamo, alla trattoria Bernabò, a 23 euro. Neanche fosse obbligatorio o inevitabile mangiare queste “lasagne di mamma Antonietta”.

Basta critici enogastronomici della domenica

Non sappiamo se questa sia una nuova tendenza di critici enogastronomici di strada - nel senso che basta leggere i prezzi di un menu per sparare un giudizio - ma certo scrivere 16 righe su una testa autorevole per ironizzare sulla promozione di un locale ci sembra francamente sopra le righe… Saremo della vecchia scuola, ma onestamente per valutare un rapporto di qualità prezzo di un piatto, ma lo stesso vale anche per una camicia o un frullatore, la prima regola sarebbe di provarlo. Ma di questo non c’è traccia, mentre ci si lancia in banali quanto sconvenienti confronti con nomi di chef tristellati (quasi che mamma Antonietta non potesse fare le migliori lasagne al mondo…).

Cara una lasagna a 23 euro? Al ristoratore la libertà di decidere il prezzo

Le famigerate lasagne di mamma Antonietta

Il prezzo di un piatto? Giusto che sia il cuoco a deciderlo

Noi non abbiamo il piacere di conoscere la cuoca bergamasca, e in attesa di poter magari provare (e giudicare) il piatto, ci permettiamo di esprimere un personale apprezzamento per la scelta coraggiosa di dare un prezzo, magari nella media più alto di quanto ci si potrebbe aspettare. E ciò perché è da rispettare un cuoco che non vuole svilire il suo lavoro e, sapendo bene di rischiare una drastica riduzione del numero dei clienti, accetta la sfida di mettersi alla prova sapendo che poi ci potrebbe essere qualche leone da tastiera che magari stronca il piatto proprio perché non a buon mercato. Anche perché le lasagne possono essere valutate un po’ da tutti, cosa che non si potrebbe dire di certi piatti che piacciono quasi per forza a certi grastrofighetti che non vogliono fare la figura di non avere capito un piatto “originale” in un fine dining.

• Iscriviti alla newsletter su WhatsApp

Alla fine, ci si potrebbe chiedere chi ha il diritto di fissare il costo di un piatto se non il gestore di un locale? E se poi queste fossero davvero lasagne più che buone, perché lasciare solo agli stellati il diritto di proporre prezzi alto? In fondo in un ristorante nessuno è obbligato ad entrare…

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       

12/09/2023 11:47:28
2)
Sono d'accordo con il Direttore Lupini,stiamo esagerando nei commenti,nei giudizi,nel mettere scontrini come forma denigratoria verso i gestori di locali,ma se non ti va non entrare, non entrare non sei obbligato,oppure leggi i menu' se non sono di tuo gradimento i prezzi esci.Vuoi pranzare da uno stellato e' giusto che i costi aumentino,ti offrono l'eleganza l'eccellenza dei prodotti, professionalita'altissima,se entri sei cosciente di dove ti trovi. E' come voler bere dei vini eccellenti e dire che sono cari,non e' cosi', tutto e' fatto a scale nella vita, così e' anche nella ristorazione.E'il mercato e, così sara' sempre,non posso adattare i prezzi in base alle mie tasche ovvio.
Giulio Ziletti

12/09/2023 11:46:53
1) Evitare di giustificare le esagerazioni
Il ristoratore può decidere il prezzo di un piatto o di un servizio come meglio crede. Un piatto di lasagne (piatto richiesto soprattutto dai bimbi) il ristoratore può decidere (perché la scelta è sua) di farlo pagare anche 35 o 40 euro. Mi dispiace, ma non è assolutamente da condividere, anzi è da condannare. Le lasagne che rappresentano il piatto nazional-popolare per eccellenza e servito soprattutto dalle trattorie, non deve costare più di 12/15 euro. Non si può condannare chi fa pagare un piattino in più e rispettare e accettare chi fa pagare una porzione di lasagne a 23/25 euro. Spero di poter leggere questo mio commento. Grazie
Sergio Varvara



Electrolux
Tecnoinox
Schar
Siad

Electrolux
Tecnoinox

Schar
NTfood
Prugne della California