Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 20 aprile 2024  | aggiornato alle 21:52 | 104717 articoli pubblicati

Salomon FoodWorld
Rational
Salomon FoodWorld

Sensi Restaurant, cena con vista sul lungomare di Amalfi

Il ristorante della Costiera, una stella Michelin, si trova a due passi dalla Cattedrale di Amalfi. In cucina, Alessandro Tormolino, in sala Pasqualino Franzese, in tavola una proposta elegante e di territorio

di Vincenzo D’Antonio
 
02 aprile 2023 | 11:30

Sensi Restaurant, cena con vista sul lungomare di Amalfi

Il ristorante della Costiera, una stella Michelin, si trova a due passi dalla Cattedrale di Amalfi. In cucina, Alessandro Tormolino, in sala Pasqualino Franzese, in tavola una proposta elegante e di territorio

di Vincenzo D’Antonio
02 aprile 2023 | 11:30
 

Dai fasti della Repubblica Marinara di circa un millennio fa, ai fasti del turismo world wide del XXI secolo. È Amalfi, la regina della divina Costiera alla quale, giammai casualmente, conferisce il nome: la Costiera Amalfitana.

Lato nord, quindi prospiciente l'attigua Penisola Sorrentina, la Costiera Amalfitana ha punto d'inizio la leggiadra Positano e punto termine la graziosa, vivacissima Vietri sul Mare, praticamente quasi Salerno.

Amalfi, dell'eponima Costiera, ne costituisce centro in tutti i sensi. Sommesso il consiglio di evitarla nei due mesi di estate piena, ad intendere luglio e agosto. Poi, avendo cura ulteriore di evitare i giorni festivi, Amalfi la si gode dieci mesi l'anno.

Sensi Restaurant ad Amalfi  Sensi Restaurant cena con vista sul lungomare di Amalfi

Sensi Restaurant ad Amalfi

Sensi Restaurant, proposta di livello ad Amalfi 

Nel rinascimento della ristorazione amalfitana, spicca la lietissima novità di Sensi Restaurant. Qui siamo davvero ad una ristorazione ad alto livello.

Luogo perfetto, a due passi dalla piazza della celebre Cattedrale, va scovato sebbene centralissimo. Si incunea, essendone ospite, all’interno dell’Hotel Residence, in uno splendido palazzo nobiliare del XVIII secolo.

Si cena sulla bellissima terrazza che si affaccia sul lungomare di Amalfi.

Binomio vincente cucina sala. Lo chef è il talentuoso Alessandro Tormolino, poco più che trentenne formatosi nelle brigate di Vissani e Don Alfonso. A governare la sala, pluridecennale esperienza non sono in Italia, il prode Pasqualino Franzese.

Alessandro Tormolino  Sensi Restaurant cena con vista sul lungomare di Amalfi

Alessandro Tormolino

Esperienza da provare anche a pranzo 

Opportuna la distinzione anche mediante label differenti tra servizio di pranzo, erogato da Sensi Bistrot, e servizio di cena erogato da Sensi Restaurant. Qui il racconto di pranzo delizioso e memorabile al Sensi Bistrot.

Godurioso, appagante la vista grazie all'armonica policromia, ancor prima che l'olfatto (ci sono già i primi profumi della Costiera, della Penisola Sorrentina e dei Monti Lattari) e il gusto, giunge in tavola, servizio impeccabile, la Burrata, carpaccio di pomodoro Sorrento, origano e Fresella di Agerola.

Il pomodoro di Sorrento è il cosiddetto Cuore di Bue. La “fresella” è una fetta di pane messa nuovamente nel forno (e dunque bi-scottata). Ma allora è durissima !! Sì, è durissima e potrebbe fare la gioia dei dentisti (!), ma basta spugnarla per breve tempo con un po’ d’acqua, e quel pane lo si ritrova ready for use!

La fresella per sua natura, vorremmo dire per sua volontà vista l'umiltà che la connota, ha valenza ancillare. Non vuole essere apportatrice di sapori, vuole però essere il voluttuoso recipiente edibile di ghiottonerie. E ci riesce in pieno!

 

 

Nell'appropriato calice, profonda quanto non sbandierata la competenza del sommelier, il Bianco Greco di Tufo DOCG Di Meo 2008.

Si giunge al primo piatto: Linguina allo “Scarpariello”, semplicemente favolosa! Perché scarpariello? La parola scarpariello deriva da “lo scarparo”, termine dialettale napoletano a significare il calzolaio: mestiere antico e nobile. Lo scarparo non che avesse la pausa pranzo, il tempo di tornare a casa, pranzare, farsi il pisolino e poi tornare al lavoro. Il suo angusto laboratorio era, e qui è proprio il caso di dirlo "casa e bottega". Pertanto, all'insorgere dell'appetito e al dileguarsi della clientela (presumibilmente per lo stesso motivo!) lo scarparo si preparava da sé il suo pasto: la pasta, il sugo al pomodoro e il formaggio.

Nel calice, ad accompagnarci anche per le portate successive, il Rosato Costa d’Amalfi DOC Salicerchi Raffaella Palma 2014.

Si passa ai secondi, ce ne concediamo due!

Cominciamo con la Spigola all'acqua pazza. Freschissima, pescata lì davanti, ad intendere nel Golfo di Salerno, la spigola in cucina vive la fase che il pesce davvero freschissimo dovrebbe vivere: un transito, una commutazione da crudo a cotto, pochi ingredienti per dare armonia ai sapori dominanti che sono quelli del mare e non tempesta di aromi per stordire chissà cosa.

E quanto ci sta di un bene, dopo la delicatezza della spigola, la ricchezza saporita della Frittura di pesce con salsa agrodolce.

Si passa al dolce. L'imbarazzo della scelta è talmente gravoso che si opta per decisione saggia sciogliendo l'interrogativo del "quale scegliere" mediante la risposta "tutti e tre". Di assaggi andrà a trattarsi, ovviamente.

Non tutti insieme, a procurare eventuali miscugli di sapori, bensì uno dopo l'altro, il Babà delizia, e poi il Tiramisù e poi il Tortino al cioccolato caldo con gelato alla vaniglia. Non c'è ranking di podio: tutti e tre sul gradino più alto. Tre piccoli capolavori di pasticceria.

Nessun timore di incorrere in banalità: si chiude sì delizioso pranzo con un limoncello fatto in casa servito alla corretta temperatura.

La stella Michelin recentemente conseguita è strameritata!

La proposta per la cena

A cena, allorquando il servizio è erogato da Sensi ci sono i menu degustazione. Tra questi, il menu Tradizione, quattro portate della tradizione dal punto di vista dello chef, e il menu Esperienza Naturale ad intendere percorso nutrizionale che comporta assenza di sale, zuccheri raffinati, farina, latte e derivati.

Passeggiata per le stradine di Amalfi, d'incanto dal basso la facciata della Cattedrale che maestosa si erge sopra la scalinata.

Sensi Restaurant
Via Pietro Comite 4 - 84011 Amalfi (Sa)
Tel 089 871183

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Siad
Molino Spadoni
Fratelli Castellan
Mulino Caputo

Siad
Molino Spadoni
Fratelli Castellan

Mulino Caputo
Pavoni