Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 24 febbraio 2024  | aggiornato alle 09:31 | 103371 articoli pubblicati

Viaggio d’altri tempi con il Trenino a vapore della Sila

Attraversa il Parco Nazionale della Sila, una delle più belle riserve naturali della Calabria. La speciale ferrovia a scartamento ridotto raggiunge i 1400 metri di quota e collega la stazione di Moccone e quella di San Nicola

di Paola Scarsi
 
24 aprile 2023 | 18:31

Viaggio d’altri tempi con il Trenino a vapore della Sila

Attraversa il Parco Nazionale della Sila, una delle più belle riserve naturali della Calabria. La speciale ferrovia a scartamento ridotto raggiunge i 1400 metri di quota e collega la stazione di Moccone e quella di San Nicola

di Paola Scarsi
24 aprile 2023 | 18:31
 

Chi trascorre qualche giorno nella Sila, in Calabria, non deve assolutamente perdere un viaggio con il Trenino della Sila, un trenino esclusivamente turistico con locomotiva a vapore e carrozze d’epoca che percorre con una lentezza quasi dimenticata il breve, ma mozzafiato tragitto sulla ferrovia a scartamento ridotto tra le stazioni di Camigliatello Silano (Cs) e San Nicola - Silvana Mansio (Cs).

Viaggio d’altri tempi con il Trenino a vapore della Sila

La lucidissima locomotiva Borsig 353 del Trenino a vapore della Sila

Viaggio d’altri tempi con Trenino della Sila a vapore

La lucidissima locomotiva Borsig 353 fa ritornare ai tempi antichi: il macchinista carica il carbone con la pala, da un’apposita pompa gli addetti caricano l’acqua e il camino sbuffa emettendo ciuffi di fumo bianco o nero a seconda dei momenti e della velocità. Anche il fischio, acuto e riconoscibilissimo, è fonte di bianchi pennacchi di fumo. Alla locomotiva sono attaccati tre o quattro carrozze di terza classe con sedili in legno e finestrini apribili a scatto della Carminati & Toselli che risalgono agli inizi del 900 e sulle quali si sale attraverso il terrazzino posizionato in testa e in coda.

Il 25 aprile il Treno della Pace

Il servizio è attivo solo nei fine settimana e in alcune festività particolari durante le quali spesso vengono anche proposte rappresentazioni o intrattenimenti dedicati, come concerti o spettacoli teatrali itineranti.

Viaggio d’altri tempi con il Trenino a vapore della Sila

La rievocazione delle scena di deportazione sul Treno della Pace

Per il 25 aprile, ad esempio, la creatività del referente per le Ferrovie della Calabria Elio Baldino ha realizzato, il Treno della Pace, durante il cui tragitto una compagnia di attori amatoriali ha rappresentato nella stazione di Camigliatello, una scena di deportazione su un carro bestiame seguita, durante una sosta imprevista per i passeggeri ma creata dalla regia appositamente, dalla liberazione da parte dei partigiani. Alla stazione di arrivo tutti, passeggeri e attori ancora con gli abiti di scena, hanno cantato e ballato melodie tradizionali degustando il pranzo al sacco questa volta compreso nel biglietto.

Piatti silani all’arrivo del Trenino della Sila

Alla stazione di San Nicola - Silvana Mansio il punto di ristoro dall’emblematico nome La Locomotiva attende i viaggiatori per offrire loro le specialità locali, dai panini con la salsiccia alle deliziose patate fritte silane rigorosamente tagliate a mano a rondelle insieme a un buon bicchiere di vino che i passeggeri possono degustare nei tavolini all’aperto o nei vagoni appositamente arredati di un colorato treno dismesso.

Viaggio d’altri tempi con il Trenino a vapore della Sila

IL punto di ristoro dall’emblematico nome La Locomotiva

Il percorso del Trenino della Sila

Il Treno della Sila si snoda lungo un percorso sempre oltre i mille metri di altitudine: parte dalla stazione di Camigliatello Silano che è a 1271 metri e quella di San Nicola-Silvana Mansio è la più alta d'Italia con i suoi 1404 metri. Supera opere ingegneristiche notevoli, come il viadotto Camigliati lungo 166 metri alla fine del quale inizia a salire nel bosco per entrare poi nell’altopiano della Sila dove si trova la stazione di Croce di Magara. Supera il fiume Neto, le stazioni di Sculcà e Righio attraversa valli e campi coltivati, supera l’affluente del lago Ariamacina per arrivare, dopo una serie di curve alla stazione di destinazione dove, mentre i passeggeri si rifocillano, gli addetti girano la locomotiva sulla piattaforma girevole.

Tutte le informazioni, gli orari e le date degli eventi speciali nel sito.

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Molino Grassi
Horeca Expoforum
Tipicità

Molino Grassi
Horeca Expoforum

Tipicità
Agugiaro e Figna Le 5 Stagioni
Prugne della California