ABBONAMENTI
Castel Firmian
Ros Forniture Alberghiere
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 29 settembre 2020 | aggiornato alle 08:35 | 68032 articoli in archivio
HOME     CORONAVIRUS    
di James Douglas Hansen
di James Douglas Hansen

Il Covid 60 anni dopo l'Asiatica
C'è più paura, ma i morti non calano

Il Covid 60 anni dopo l'Asiatica 
C'è più paura, ma i morti non calano
Il Covid 60 anni dopo l'Asiatica C'è più paura, ma i morti non calano
Pubblicato il 12 luglio 2020 | 16:32

Nel 1957 l'epidemia fece circa 30mila morti in Italia. Il coronavirus ne ha fatti di più, nonostante le forti restrizioni cui il mondo si è sottoposto. E ci sono nazioni in cui non è ancora sotto controllo.

Un articolo di Nota Diplomatica, che qui di seguito riportiamo integralmente, riflette sul Coronavirus, facendo un interessante parallelo con l’Asiatica, l’epidemia che colpì l’Italia nell’ormai lontano 1957 e che, solo nel nostro Paese, fece 30mila morti.

Ai tempi della Spagnola e dell'Asiatica non c'erano le mascherine per proteggerci - Il Covid 60 anni dopo l'Asiatica C'è più paura, ma i morti non calano
Ai tempi della Spagnola e dell'Asiatica non c'erano le mascherine per proteggerci


Riccardo Ruggeri è un ex operaio Fiat che ha fatto una brillante carriera da alto dirigente, salvando la fallimentare New Holland e trasformandola nella seconda azienda al mondo di macchine agricole. Ora, da pensionato inquieto, fa lo scrittore e ricorda la sua prima epidemia, l’Asiatica del 1957: “Ero operaio in Fiat, avevo 23 anni, non avevamo la mascherina, il distanziamento sul tram n° 1 (Cimitero Fiat Mirafiori) delle 6,30 era zero, sulla linea di montaggio era di una decina di centimetri. I morti furono 30 mila con, ci dissero, il 50% della popolazione contagiata. Ma il Governo non creò alcun terrore, non c’era nessuna task force e il Premier Adone Zoli non aveva alcuna vanità di essere Winston Churchill…”.



Nel 1957 la popolazione italiana era di 49 milioni. Oggi è di 60,4 mln, il 23% in più. I decessi per Coronavirus sono ad ora poco meno di 35 mila. Tanti, e ce ne saranno ancora, ma il 23% in più dei 30 mila morti per l’Asiatica del ‘57 fa 36.900. La pandemia non è finita, ma viste anche le migliorie terapeutiche negli oltre 60 anni intercorsi, l’esito finora pare in linea con la passata esperienza. Certo, senza la straordinaria mobilitazione sociale e politica— mascherine, quarantene e social distancing, nonché la consapevole scelta di sacrificare l’economia alla profilassi—poteva andare peggio. Colpisce anche la sospensione dei comuni diritti civili. Il Giappone avrebbe perfino vietato di gridare sulle montagne russe, causa Covid.

Resta da chiedersi: “Come mai questa volta?” Buona parte della risposta è semplice: “Perché ora si può”. Internet ha permesso di estendere velocemente l’allarme in tutto il mondo, innescando uno spirale di crescente preoccupazione generale. Le stesse tecnologie rendono possibili controlli impensabili in passato. Forse è che pensavamo di poterci permettere una difesa più attiva: siamo più ricchi di sessant’anni fa. Potrebbe entrarci il radicale allungamento della vita. Forse la morte fa più paura di prima. Bisogna capire meglio, perché poi viene il dopo. Cosa succederà quando si toglierà il tappo dalla bottiglia? L’Ispi, l'Istituto di studi politici internazionali, ha recentemente esaminato l’uso “politico” della pandemia in Medio Oriente e Nordafrica dove l’arrivo del Covid ha frenato estesi movimenti di protesta contro la corruzione e l’inettitudine delle classi di governo, “offrendo alle autorità statali vulnerabili un’insperata opportunità di imporre pesanti misure di controllo sociale e di guadagnare tempo”.

Però, non appena il lockdown ha cominciato ad attenuarsi, le proteste sono ripartite con rinnovato vigore - e con l’aggravante del massiccio impatto economico della pandemia. In Europa l’assalto del virus è servito a bloccare un’ondata di populismo che sfidava l’egemonia dei fautori degli stati altamente centralizzati, permettendo anche a loro di guadagnare tempo e magari di dimostrare i vantaggi della rinuncia alle anarchiche e inutili libertà personali. Per l’Ispi, i governi dell’area Mena “devono ora scegliere tra un impegno serio nelle riforme socio-economiche, oppure una nuova, forse più violenta, stagione di disordini sociali”. L’Europa non è il Medio Oriente né il Nordafrica, ma è di questo mondo… I problemi esistenti prima dell’avvento del Covid non sono scomparsi. In più, se ne uscirà con l’economia gravemente danneggiata. Non è un bel quadro.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


CORONAVIRUS virus asiatica morti stati uniti ispi europa contagi nota diplomatica covid internet tecnologia isolamento lockdown

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®