Ros Forniture Alberghiere
Feudo Arancio
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 21 ottobre 2019 | aggiornato alle 07:57| 61545 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Feudo Arancio
HOME     EDITORIALI    
di Alberto Lupini
direttore
Alberto Lupini
Alberto Lupini
di Alberto Lupini

Venezia e le grandi navi
Che farà Toninelli il 30 giugno?

Venezia e le grandi navi 
Che farà Toninelli il 30 giugno?
Venezia e le grandi navi Che farà Toninelli il 30 giugno?
Pubblicato il 24 giugno 2019 | 18:47

Il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti aveva annunciato una soluzione entro il 30 giugno. Siamo fiduciosi, nella speranza che il “Governo del cambiamento” non sia uguale ai precedenti

Denunciare la condizione del turismo a Venezia è un po’ come sparare sulla Croce Rossa. L’incoming della Serenissima è indifendibile, un po’ come un ospedale da campo sotto attacco aereo. Per tentare di controllare l’orda di barbari in infradito e con le mani unte di kebab o panini con il ketchup, il Comune gioca la carta di tornelli o tasse di ingresso, ma di controlli e sanzioni per chi non rispetta i delicati equilibri della città lagunare se ne vedono proprio pochi. E non si fanno neppure le cose più semplici, quelle capaci di migliorare i comportamenti collettivi: dare la multa (salata) a chi getta immondizia nei canali o nei vicoli o, cosa ancora più importante, sanzionare le pessime condizioni igienico-sanitarie di troppi esercizi pubblici, molti dei quali sarebbero da chiudere e buttare la chiave. L’esplosione di una finta cucina etnica e la possibilità praticamente per chiunque di fare somministrazione di cibo e bevande hanno creato nel tempo un’offerta ristorativa che penalizza i locali che puntano sulla qualità e la territorialità, che sono poi lo strumento più importante per soddisfare quel turismo enogastronomico che a Venezia, più che altrove, è marginale rispetto al proliferare di discutibili pizzerie al trancio o bar tavole calde.

Si stima che il turismo crocieristico valga circa 280 milioni di euro di incassi annui per i commercianti veneziani (foto: venetoeconomia.it) (Venezia e le grandi navi Che farà Toninelli il 30 giugno?)
Si stima che il turismo crocieristico valga circa 280 milioni di euro di incassi annui per i commercianti veneziani (foto: venetoeconomia.it)

Ma tutto ciò è ancora nulla rispetto al pericolo oggettivo rappresentato oggi dall’attività crocieristica. I flussi di visitatori giornalmente sbarcati a Venezia (non sempre peraltro così danarosi come si pensa...) sono certamente un plus per il turismo, ma stanno generando grandi preoccupazioni per i danni che un nuovo incidente navale potrebbe causare a livello di immagine. Parliamo di un’attività che secondo le stime de Il Sole-24Ore dovrebbe valere circa 280 milioni di euro di incassi annui per i commercianti veneziani. Un importo a cui la città non può rinunciare, ma che comporta rischi e costi ambientali forse superiori.

Nonostante la tragedia sfiorata il 2 giugno scorso, le gigantesche navi da crociera continuano infatti ad attraversare il Canale della Giudecca per un “inchino” a San Marco e i politici polemizzano su soluzioni da adottare. Progetti che in qualunque caso richiederebbero degli anni per essere attuati e che proprio per i tempi lunghi, ironia della politica italiana, sono continuamente fatti slittare. Invece di fare in fretta, come si dice, le istituzioni allungano il brodo, accendendo magari qualche cero a Santa Lucia sperando che 95mila tonnellate di acciaio non si schiantino contro Santa Maria della Salute o sul Palazzo Ducale...

Eppure, 7 anni fa il vituperato Governo Monti aveva bloccato l’accesso alle navi sopra le 40mila tonnellate imponendo all’autorità che gestisce il porto di trovare in fretta una soluzione. Nulla è stato fatto, anche per colpa del solito Tar che ha riammesso in laguna le grandi navi. Si parla ora di nuovi canali da tracciare evitando di entrare in città; di spostare le navi più grandi a Marghera, dove ci sono le petroliere; di un nuovo porto a Chioggia (per rovinare così anche questa piccola cittadina) o di scali alle bocche sulla laguna della struttura del Mose. Non essendo tecnici non abbiamo soluzioni, ma una cosa è certa: le navi da crociera non devono più arrivare a San Marco. Il Ministro Toninelli aveva garantito che entro il 30 giugno avrebbe dato l’indicazione precisa su cosa fare. Attendiamo con ansia il rispetto di questa data anche se ci è francamente difficile essere ottimisti. Se poi il 1° luglio passerà senza alcuna novità saremo tutti autorizzati a dire che il Governo del cambiamento è purtroppo uguale a tutti quelli che lo hanno preceduto.

Venezia grandi navi Danilo Toninelli turismo incoming laguna navi da crociera inchino piazza san marco governo del cambiamento tassa di ingresso tornelli attracco bocca di porto Mose Marghera Chioggia

RESTA SEMPRE AGGIORNATO! Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp - Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram - Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

TUTTI GLI EDITORIALI


Loading...


Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).