ABBONAMENTI
Rotari
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 04 marzo 2021 | aggiornato alle 20:21| 72780 articoli in archivio
HOME     GDO e RETAILER     GDO

Lo smart working penalizza i supermercati a favore di spesa online e nei negozi di quartiere

Lo smart working penalizza i supermercati a favore di spesa online e nei negozi di quartiere
Lo smart working penalizza i supermercati a favore di spesa online e nei negozi di quartiere
Pubblicato il 21 dicembre 2020 | 15:11

Secondo l’amministratore delegato di VéGé, lo smart working diminuirà gli accessi nei market in centro e a perderci sarà chi è posizionato su questo segmento. Nel 2021 la Cooperativa lancerà un supermercato moderno.

La pandemia, come ben sappiamo, ha modificato radicalmente le abitudini d’acquisto segnando a tutti gli effetti un momento di profonda discontinuità nel retail. Da una parte la corsa impetuosa degli acquisti online (aumentati nell’ultimo anno del 117%), dall’altra, una risalita dei discount. Fino alla variabilità negli acquisti, dove per molti mesi la parte del leone l’hanno fatta i prodotti “da cuochi a casa” come i lieviti di birra, farine, ingredienti per pasticceria, uova fresche e basi per dolci e pizza.

I punti vendita nei piccoli centri urbani e in provincia gioveranno dei nuovi modelli d’acquisto - Come e dove si farà la spesa? Tra online e negozi di quartiere
I punti vendita nei piccoli centri urbani e in provincia gioveranno dei nuovi modelli d’acquisto

Nel 2021 il supermercato moderno di VéGé
È in quest’ottica di cambiamento e sguardo al futuro che il Gruppo VéGé ritornerà alle origini. La Cooperativa conta oltre 11,2 miliardi di fatturato e tra i marchi più riconoscibili, tra gli oltre 3.500 punti vendita, possiede Bennet, Tosano, Decò e Migros. Con Metro Italia, lo scorso gennaio, ha stretto un’alleanza focalizzata sul mercato dei consumi fuori casa.

L’obiettivo nel 2021 è il rilancio della storica insegna VéGé su un centinaio di supermercati, con la creazione di un nuovo format di supermercato moderno: «La volontà è quella di interpretare sempre di più le variegate esigenze del cliente» ha detto al Corriere della Sera, l’amministratore delegato Giorgio Santambrogio.

Risaliranno i punti vendita nei piccoli centri urbani
Una strada che è anche una necessità, perché è ormai il cambiamento del modo di fare acquisti non si potrà più fermare: «Da un lato ne gioverà chi ha punti vendita nei piccoli centri urbani e in provincia - continua Santambrogio - Lo smart working strutturale diminuirà, infatti, sensibilmente gli accessi nei market in centro e a perderci sarà maggiormente chi è posizionato su questo particolare segmento».

Per i freschi si predilige l’acquisto diretto
Dall’altro appunto c’è la crescita esponenziale della spesa online, anche per effetto delle misure di distanziamento, proiettando la quota del canale e-commerce nel settore grocery però ancora a un marginale 1,8% sui volumi totali, con un orientamento su acquisti di beni «commodity» per la casa e per la persona (detersivi, shampoo e non deperibili): «Molto meno sui prodotti freschi, dell’ortofrutta, dell’ittico, della macelleria, dove la consulenza di un gastronomo resterà decisiva per spiegare ad esempio la provenienza e la qualità della filiera», dice Santambrogio.

Giorgio Santambrogio. Fonte: gdoweek.it - Come e dove si farà la spesa? Tra online e negozi di quartiere
Giorgio Santambrogio. Fonte: gdoweek.it

Coordinarsi a livello comunitario contro Amazon e company
In ogni caso, non possiamo più non tener conto del canale online. Anzi, occorre trovare il modo di competere (e proteggersi) dai colossi (Amazon in primis) che possono avere più occasioni di vendere prodotti sottocosto, impoverendo la filiera, sfruttando anche le maggiori marginalità determinate dalle triangolazioni fiscali di gruppi con attività sovranazionali. Per questo Santambrogio «sarebbe necessaria un’azione coordinata a livello comunitario».

Errore le chiusure dei centri commerciali nel weekend
Regole condivise dunque. A maggior ragione in periodo con norme in continuo cambiamento e sempre diverse se non contraddittorie che mettono in estrema difficoltà gli imprenditori della distribuzione, con limitazioni alle vendite, spesso imprecise, ma soprattutto mettendo in crisi gli assortimenti di prodotti freschi e freschissimi, rischiando di causare inutili sprechi: «La chiusura dei centri commerciali nel week end è un ulteriore errore, perché sono luoghi con maggior controllo e di possibile contingentamento dei clienti, e lasciarli aperti avrebbe consentito una migliore e maggiore distribuzione della clientela tra centro e periferia».

© Riproduzione riservata


“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


Aziende centri commerciali supermercati vendite online acquisti freschi shop VeGe smart working Bennet Tosano Deco Migros Metro Italia Cash e Carry Giorgio Santambrogio

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®