Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 16 luglio 2024  | aggiornato alle 07:34 | 106464 articoli pubblicati

Bufala Campana
Bufala Campana

Igienizzazione e sicurezza in hotel Per il 94,5% dei clienti è un must

Assosistema e Confindustria Alberghi hanno presentato l’indagine realizzata dall’istituto di ricerca Tecné “Vacanze 2020: cosa chiede il consumatore post Covid?”. Il 65,9% è fiducioso.

di Gabriele Ancona
vicedirettore
 
12 giugno 2020 | 16:16

Igienizzazione e sicurezza in hotel Per il 94,5% dei clienti è un must

Assosistema e Confindustria Alberghi hanno presentato l’indagine realizzata dall’istituto di ricerca Tecné “Vacanze 2020: cosa chiede il consumatore post Covid?”. Il 65,9% è fiducioso.

di Gabriele Ancona
vicedirettore
12 giugno 2020 | 16:16
 

Un’indagine puntuale in fase di re-start dopo mesi di confinamento e con il periodo estivo alle porte. Gli alberghi stanno riaprendo, anche se «al momento sono solo il 20% le strutture operative», come ha segnalato Barbara Casillo, direttore generale di Confindustria Alberghi. Imprenditori coraggiosi che stanno affrontando un mercato che ha bisogno di essere tranquillizzato. «Sicurezza, ma anche serenità e comfort, elementi che non vanno messi in secondo piano - ha aggiunto Casillo - oggi ci stiamo misurando con la fiducia dei consumatori. Per quanto riguarda l’igienizzazione e la sanificazione dei tessili, in particolare, sono pratiche da sempre in essere: oggi vanno solo comunicate».

Igienizzazione e sicurezza in hotel  Per il 94,5% dei clienti è un must

Il sistema alberghiero italiano conta33 mila alberghi e 1,1 milioni di camere

Assosistema, al riguardo, è da sempre in prima linea. Rappresenta le imprese di produzione, distribuzione, manutenzione dei dispositivi di protezione individuali e collettivi e di servizi di sanificazione e sterilizzazione dei dispositivi tessili utilizzati, tra gli altri, in hotel e ristoranti.

Il settore alberghiero ha un peso importante nell’offerta turistica del nostro Paese, che vale il 13% del Pil: 33 mila alberghi, 1,1 milioni di camere, 2,3 milioni di posti letto, 211 mila addetti e un fatturato 2019 di 20,6 miliardi di euro. Lo scorso anno gli arrivi sono stati 50,1 milioni dal territorio nazionale e 46,9 dall’estero.

Igienizzazione e sicurezza in hotel  Per il 94,5% dei clienti è un must

Dalla ricerca Tecné è emerso un indice di gradimento dei clienti che ha espresso in media un voto di 7,3. Il 65,9% ha fiducia che gli alberghi adotteranno adeguate misure anti Covid e l’81,5% intende chiedere informazioni in merito. Il 94,5% delle indicazioni si concentra su tre aspetti: ambienti comuni igienizzati spesso e spazi adeguati al distanziamento, igienizzazione di lenzuola, federe e biancheria da bagno e di camere e arredi.

Il campione intervistato sarebbe inoltre più tranquillo se i processi di igienizzazione fossero certificati ed eseguiti da soggetti riconosciuti e autorevoli: il 94,1 per camere e arredi e il 93,9 per lenzuola e biancheria da bagno. Siamo su valori assoluti, quindi. Per questo si sarebbe disposti anche a spendere l’8,3% in più, in media, rispetto al prezzo normale. Si sale al 9,9% per le strutture 4, 5 e 5 stelle lusso.

«Il tessile è un asset fondamentale dell’ospitalità - ha annotato Maria Carmela Colaiacovo, presidente di Confindustria Alberghi - per noi la sua igienizzazione è una procedura di base. La nostra collaborazione con Assosistema non nasce oggi; sappiamo sanificare da sempre e queste tematiche le affrontiamo con rigore. Oggi dobbiamo offrire certezze: le certificazioni e le linee guida vanno in questa direzione».

Igienizzazione e sicurezza in hotel  Per il 94,5% dei clienti è un must

Del resto, il comfort è anche la possibilità di rilassarsi in un luogo che non sia il nostro privato. «C’è fiducia nell’universo alberghiero italiano - ha sottolineato Marco Marchetti, presidente di Assosistema - relax e coccole devono avere un prerequisito, l’igiene. Per questo abbiamo messo a punto delle linee guida e resa operativa la certificazione Uni 14065 che assicura la qualità microbiologica dei tessuti. Valori da trasmettere agli ospiti». È necessaria un’iniezione di fiducia. Dai dati emersi dall’indagine, nel secondo semestre dell’anno il 63,4% degli intervistati ha dichiarato che tornerà in hotel per lavoro, mentre 51,2% per vacanza. «Adottando e comunicando adeguate misure d’igienizzazione - ha ricordato Carlo Buttaroli, presidente di Tecné - si tornerà a livelli pre Covid nel 2022. In caso contrario, non adeguandole alle attese dei clienti, si dovrà attendere il 2025. Inoltre, nel primo caso, la perdita di fatturato nel 2020 sarà del 41%, ma del 60% se non si farà nulla».

Per informazioni: www.assosistema.it - www.alberghiconfindustria.itwww. tecneitalia.it

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Brita
Siad
Electrolux
Comavicola

Brita
Siad
Electrolux

Comavicola
Sartori