ABBONAMENTI
 
Castel Firmian
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 27 settembre 2020 | aggiornato alle 14:26 | 68004 articoli in archivio
Castel Firmian
Ros Forniture Alberghiere

Più alberghi aperti a luglio
Ma in città il 50% aspetta l'autunno

Più alberghi aperti a luglio 
Ma in città il 50% aspetta l'autunno
Più alberghi aperti a luglio Ma in città il 50% aspetta l'autunno
Pubblicato il 26 giugno 2020 | 17:31

Segnali positivi per Confindustria Alberghi, secondo cui la ripresa si registrerà nelle località di mare. Calano i prezzi nelle città d'arte. Tra chi ha ripreso, tanti hanno ancora del personale in cassa integrazione.

Il mese di luglio ormai alle porte restituirà al settore del turismo tanti alberghi oggi ancora chiusi dopo l’emergenza sanitaria. Una luce in fondo al tunnel della crisi inizia dunque a intravvedersi e seppure le porte della maggior parte degli hotel siano ancora chiuse, dalla settimana prossima quelle che riapriranno ai turisti potrebbero essere parecchie.

Tanti alberghi riapriranno a luglio - Più alberghi aperti a luglio Ma in città il 50% aspetta l'autunno
Tanti alberghi riapriranno a luglio

È quanto rileva il monitoraggio settimanale di Confindustria Alberghi. La percentuale delle aperture resta sempre molto basso, dato che non si arriva ancora il 40% dell’offerta, tuttavia rispetto alle settimane precedenti i segnali positivi, per quanto ancora molto parziali, sono aumentati. La ripresa delle attività si registrerà soprattutto nelle località di mare, dove la disponibilità di strutture che hanno deciso di riaprire sta aumentando significativamente anche in questi ultimi giorni. Restano le difficoltà nelle città d’arte tradizionalmente più sensibili al mercato internazionale dove continuano a prevalere le strutture chiuse.
 
A Roma, per esempio, fino a pochi giorni fa gli alberghi aperti erano meno di 200, pari a circa il 18% dell’offerta nella capitale, a conferma di come le previsioni sull’abbandono delle città d’arte stiano trovando una conferma. Altre prospettive, invece, sul lago di Garda, dove sono già arrivati anche i primi turisti stranieri (soprattutto tedeschi): a metà luglio nelle località venete e lombarde in riva al lago saranno attive l’80% delle strutture ricettive. E ancora, altrove - dalla Puglia alla Liguria - si registrano affluenze importanti, ma solo nel fine settimana.

Sul fronte dei prezzi, «quelli proposti negli alberghi delle località di mare per il mese di luglio – riferisce Confindustria Alberghi in una nota – sono allineati a quelli del 2019, mentre la crisi di cui parlavamo delle città d’arte ha generato una tendenza al ribasso, in conseguenza di una domanda che resta molto debole».
 
Resta il fatto che molti albergatori (nelle città d'arte saranno circa la metà) preferiscono rimandare l’apertura a dopo l’estate, una scelta difficile che comporta costi importanti comunque per le imprese ma che è obbligata dall’assenza di domanda.
 
Infine il tasto, ancora dolente, dell’occupazione: «Le strutture che pure hanno ripreso l’attività – fa sapere Confindustria Alberghi - segnalano di non aver ancora potuto richiamare in servizio l’intero organico, con circa il 10% della forza lavoro ancora in cassa integrazione».

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


hotel albergo spa turisti citta d arte mare prezzi cassa integrazione confindustria alberghi ripresa lago di garda

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®