ABBONAMENTI
 
Ros Forniture Alberghiere
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 01 dicembre 2020 | aggiornato alle 13:33| 69969 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Molino Quaglia
di Alberto Lupini
direttore
Alberto Lupini
Alberto Lupini
di Alberto Lupini

Ripartire con oneri o ... attendere?
Questo il dilemma di bar e ristoranti

Ripartire con oneri o ... attendere?  
Questo il dilemma di bar e ristoranti
Ripartire con oneri o ... attendere? Questo il dilemma di bar e ristoranti
Primo Piano del 16 aprile 2020 | 09:15

La restaurant manager Marina Diani pone questa provocazione di fronte all'assenza di indicazioni precise delle istituzioni su come aprire. Italia a Tavola da giorni indica cosa si dovrebbe fare . I suggerimenti per aprire in sicurezza costuiranno una breve guida nell'edizione digitale del nostro mensile .

Che bar, ristoranti e hotel riapriranno è sicuro. Non si sa ancora quando, ma riapriranno. Quel che non si sa ancora è “come” riapriranno. E se riapriranno tutti… Troppe variabili, fake news, incompetenza dei politici o estrema durezza degli scienziati (che magari metterebbero gli esercizi pubblici in coda, anche dopo le palestre) stanno creando non poche ansie e preoccupazioni a tutti gli operatori, ai gestori e ai loro dipendenti che già sono alle prese con l’impossibilità o, quasi, di accedere ai finanziamenti annunciati dal Conte (bloccati di fatto dalle istruttorie bancarie con ritmi impossibili per l’assenza del personale) o con la Cassa integrazione che non è stata ancora versata.

E a tutto ciò si aggiunge la mancanza di indicazioni o regole di comportamento ufficiali. Un vuoto che Italia a Tavola da giorni sta riempiendo con la consultazione di esperti e dando indicazioni di possibili soluzioni sulla base di quanto fatto in altri Paesi (Cina, Corea del sud e Twain) o tenendo conto delle prescrizioni già date per altri comparti. È il caso delle rilevazioni della temperatura corporea o del distanziamento sociale in tutti i luoghi di lavoro. Pratiche fondamentali che non potranno non essere rese più cogenti in bar o ristoranti dove, non dimentichiamolo mai, il cliente “non può” usare la mascherina ….

Su queste basi da giorni pubblichiamo servizi su ciò che si potrebbe o si dovrà fare per riaprire. Stiamo cercando di dare cioè un senso al “cosa” fare per poter riaprire ed essere tranquilli. E avere magari la certezza di potere restare sul mercato visto che le previsioni sono che fra il 10% e il 20% dei locali non riaprirà e nei mesi successivi, soprattutto se perdurerà la crisi economica, molti locali potrebbero non reggere la concorrenza e quindi dovranno magari richiudere i battenti.

Ripartire con oneri o ... attendere?  Questo il dilemma per bar ristoranti

I suggerimenti che abbiamo dato hanno un valore per il periodo transitorio, dalla riapertura a quando si considererà finita la pandemia (fine 2021?), dopo di che speriamo di poter tornare tutti alla normalità (magari facendo tesoro delle innovazioni apportate). Nessuno è ovviamente obbligato. Magari qualcuno pensa che basterà mettere un po’ di igienizzante sui tavoli e avere la mascherina. Noi onestamente crediamo che i locali saranno giudicati anche, o e forse soprattutto, da quanto sapranno dare come garanzie di sicurezza. Nessun cliente avrà voglia di rischiare di tornare in quarantena, o peggio, di entrare in ospedale.

E alcuni ristoratori ci hanno già detto che ritengono esagerati alcuni consigli. Noi speriamo che sia così, ma visto che siamo in Italia dove una burocrazia spesso incapace fissa regole su regole per complicarci la vita, riteniamo nostro dovere dare qauclhe indicazione di massima.

L’alternativa in ogni caso c’è, ed è non riaprire ed aspettare che passi tutta la pandemia. In modo provocatoria la pone una delle più qualificate restaurant manager di Milano, Marina Diani del Globe, con una lettera che di seguito pubblichiamo. Aggiungiamo solo che quelli che potrebbero sembrare pochi suggerimenti contenuti nell’articolo citato dalla direttrice in realtà erano solo un’aggiunta ad un contesto un po’ particolare, ed erano in ogni caso la sintesi di molti altri servizi dedicati proprio alla riapertura. Italia a tavola sta asvolgendo un’ampia disanima della situazione e a brevissimo pubblicheremo molti di questi servizi dell’edizione digitale del nostro mensile che, nei fatti, sarà la prima sintetica guida su cosa si potrebbe fare per riaprire in sicurezza e garantire così una ripartenza positiva.

***

Buongiorno, leggo spesso la vostra newsletter e oggi in particolare ho letto l'articolo on line sul "ridimensionamento" del portale TRIP ADVISOR. Non vorrei puntare sulle opinioni dei giornalisti nel merito, più o meno condivisibili, ma invece su quello che si dice nel fondo dell'articolo, ossia su come i ristoranti (o comunque tutto il settore) dovranno riaprire.
Mi sembra che l'argomento venga trattato con superficialità, che non si voglia (oppure non si sia in grado - ma non lo voglio pensare) approfondire.

È plausibile che un locale, sia esso bar o ristorante, possa servire i clienti in guanti e mascherina?
È plausibile che dove prima si mettevano 30 persone se ne possano mettere meno della metà?
È plausibile che si debbano affrontare code frustranti per poter fare colazione al bar la mattina?
È plausibile che si possa misurare la temperatura a tutti prima di entrare e far indossare guanti o distribuire gel disinfettante a chi entra in un locale prima di fare qualsiasi cosa?

Non è disfattismo ma è realtà; possiamo affrontare tutto (chi può ovviamente, perché la metà degli esercizi non ha gli spazi o l'organizzazione per potersi sostenere e quindi non può nemmeno pensare di aprire) ma non i costi fissi che rimangono purtroppo invariati (anzi, si aggiungono i costi esorbitanti dei DPI) e nemmeno possiamo mantenere il livello occupazionale.

Siamo disposti ad aprire in queste condizioni? Credo di no.

Tanti ristoranti si stanno attrezzando con l'e-commerce ma non tutti possono o hanno soldi da investire in questo momento (ma è comunque un palliativo perché l'affitto non si paga con questo).

E poi, anche licenziare per sopravvivere non sarà facile, perché si dovrà passare dalle forche caudine dei sindacati.

Se pensiamo agli ostacoli di tipo burocratico (parliamo pure del finanziamento alle aziende tanto sbandierato che di fatto servirebbe a sanare debiti fatti - ma che in realtà non si può utilizzare per questo scopo), di tipo economico e anche di gestione operativa del tutto (lasciando però da parte la sfera emozionale  - da eliminare ora - ossia ciò che il nostro mondo rappresenta, l'esperienza umana oltre che conviviale che si vive andando a pranzo o cena o a "festeggiare" un'occasione o anche a fare colazione la mattina parlando del più e del meno con il nostro "amico barista") la risposta corretta è: STIAMO CHIUSI, sì, stiamo chiusi fino a quando non avremo più paura di chi ci può contagiare, fino a quando non si svuotano o
quasi gli ospedali, fino a quando le persone avranno la voglia di ritornare a cena fuori senza fare code o senza avere l'impressione di andare a fare una visita in clinica.

Qual è l'appeal di una situazione come questa?
Chi uscirà?
Tra l'altro le possibilità economiche si sono ridotte di tanto e quindi si rinuncerà al superfluo, soprattutto se ci impone determinate regole che accettiamo magari per la spesa (proprio perché non si può farne a meno), ma non per queste cose.
Tutto questo si traduce in una impossibilità di sostenere i costi, come detto, e quindi tanti chiuderanno a posteriori.

Vogliamo questo? Pensiamoci bene.

La ricetta non c'è (o meglio la ricetta è un farmaco o un vaccino) ma un supporto ulteriore per la categoria è necessario, facciamolo capire e trasmettiamo queste riflessioni a chi di dovere (se fate un sondaggio vedrete che non sono l'unica a fare questo pensiero) perché nessuno ancora ci ha pensato (non ho sentito nessuno parlare in questi termini) , dimostrando lo scollamento tra chi è operativo e chi invece si limita a dare direttive senza pensare alle conseguenze reali.

Grazie

Marina Diani
Dir. Restaurant Globe (Milano)


© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


ristorante pizzeria restaurant iat italiaatavola

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

18/04/2020 14:16:29
3) noi riapriremo dopo
Concordo pienamente con l'analisi della Sig.ra.Diani professionsta di spessore, contano i numeri che con tutte queste incognite fin quando si tornerà alla convivialità sono e saranno azzerati. Noi ci occupiamo di banchetti che si basano ovviamente sull'aggregazione quindi settore OFF. Programmazione saltata e quanti avranno la voglia e la possibilità di festeggiare? Il cibo il bere il danzare è una gioia non possono essere regolamentate dalle giuste misure di prevenzione. Gianni Maurantonio Masseria Cariello Nuovo - Bari
Giovanni maurantonio

18/04/2020 12:07:49
2) Nessuna responsabilità per chi segue le regole minime anti contagio
I costi da sostenere saranno ovviamente come tutti gli altri costi. Magari si potrebbe chiedere (ma questo è un compito delle associazioni di categoria) che ci siano agevolazioni fiscali. Per il resto, mi perdoni, ma mi sembra un po' surreale che si possa pensare di incolpare qualcuno perchè "forse" uno si è contagiato in un locale, al supermercato o in ufficio. L'importante è seguire le indicazioni per evitare contagi. Un conto è essere in una RSA, in un ospedale o a contatto con un positivo sintomatico che covrevve stare in quarantena ... per il resto non c'è alcuna possibilità di sapere dove causalmente ci si potrebbe infettare ...
Alberto Lupini

18/04/2020 11:59:31
1) Condivido la lettera di Marina Diani
Buongiorno, sono completamente d’accordo. E aggiungo anche questo: quale sarà la responsabilità civile del ristoratore nel caso che un cliente o un dipendente si ammali all’interno del locale? Chi stabilirà se le misure messe in atto siano coerenti? E i costi sostenuti per l’adeguamento come verranno considerati? Sono troppe le incognite e nulle le certezze. Noi rimarremo chiusi fino a settembre, se riusciremo a sopravvivere. Sicuramente ci indebiteremo in maniera minore. Giacomo Nitti Osteria dell’Ingegno Roma
Giacomo Nitti


ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®