Allegrini
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 10 luglio 2020 | aggiornato alle 05:52| 66643 articoli in archivio
Allegrini
Ros Forniture Alberghiere
HOME     LOCALI     TENDENZE e MERCATO
di Vincenzo D’Antonio
Vincenzo D’Antonio
Vincenzo D’Antonio
di Vincenzo D’Antonio

Al ristorante tra privacy e comfort
Benvenuti nella nuova normalità

Al ristorante tra privacy e comfort 
Benvenuti nella nuova normalità
Al ristorante tra privacy e comfort Benvenuti nella nuova normalità
Pubblicato il 17 maggio 2020 | 09:05

Questa tremenda pandemia ci ha dato l'occasione di rivedere la ristorazione. Ora con più comfort, più organizzazione, più privacy. Facciamo sì che non sia transitoria.

Si potrebbero definire "dolci" i rintocchi del countdown che ci allontana (speriamo definitivamente) dal lungo lockdown. Chiarito che sarà domani, lunedì 18 maggio, il primo giorno di ripristino totale dei servizi di ristorazione. Immaginiamo che, finite le limitazioni, a suonare sia una sorta di campanella della scuola. Anche se non è chiaro: suona per dirci che è ora di uscire o di entrare? In questo caso, entrambe le cose.

Nella nuova ristorazione basta cene gomito a gomito, ora un po' di privacy - Così il ristoratore ai primi clienti: «Benvenuti nella nuova normalità»
Nella nuova ristorazione basta cene gomito a gomito, ora un po' di privacy

Ci comanda innanzitutto di uscire. Dalle nostre case. Ma anche dalla ristorazione di prima della pandemia. E quindi, da quale scenario stiamo davvero uscendo? Di certo uno scenario di vicinanza fisica che oramai ci sembra quasi un lontano ricordo.

Nel 2030, quando i media ci faranno ricordare che sono passati 10 anni dall’anno della pandemia Covid-19 (“accadde nel lontano 2020”), di sicuro ci diremo tra il divertito e lo sgomento: «Ma ti ricordi come era il ristorante prima di allora?” E subito giù a tratteggiare caratteristiche della ristorazione di quell’epoca.

Ritorno al passato con spazi più ampi - Al ristorante tra privacy e comfort Benvenuti nella nuova normalità
Ritorno al passato con spazi più ampi

«Io non prenotavo mai, tanto anche se c’era da aspettare un po', poi il posto si trovava sempre. Anzi, neanche il tempo che gli avventori si alzavano dal tavolo e già il cameriere ci chiamava, ci faceva sedere sulle sedie ancora “calde”, poi sbarazzava in un attimo, arrivava con il coprimacchia pulito e in quattro e quattr'otto il tavolo era pronto per noi. Stessa oliera, stessa saliera. E poi subito il menu».

«Sì - rincara l’amico - Ed i tavoli così vicini l’uno all’altro! I camerieri che ci passavano i piatti sulle teste, e le sedie che si toccavano spalliera con spalliera. Ma poi, mi pare di ricordare, era completamente scomparso il servizio al gueridon, visto che praticamente spazio tra i tavoli quasi non ce n’era».

Mai più vicini di spalliera. Il futuro sarà così? Al ristorante tra privacy e comfort Benvenuti nella nuova normalità
Mai più vicini di spalliera. Il futuro sarà così?

Poi entrambi gli amici insieme: «Pensa che al bagno si entrava a piccoli gruppi, mica uno per volta». «Ma la cosa simpatica - aggiunge l’altro - era anche quando origliavi i discorsi del tavolo vicino. Ma non è che volevi origliare, era che proprio non potevi farne a meno». E l’altro amico di suo: «Questo era il motivo per il quale al ristorante ci andavo di rado e malvolentieri a quell’epoca. Non c’era privacy. Non ci andavo più né per pranzi di lavoro, né per cenette intime con l’allora mia fidanzata che nel frattempo è diventata mia moglie».

Addio ai tavoli troppo attaccati - Al ristorante tra privacy e comfort Benvenuti nella nuova normalità
Addio ai tavoli troppo attaccati

Ed a questo punto, è proprio la moglie che interviene: «E vi ricordate quando si chiedeva il conto? Il cameriere sembrava una pallina di tennis: andirivieni tra la richiesta del conto, il conto che arriva nel saldaconto, il contante nel saldaconto, il resto che ritorna, la mancia che lasci, lo scontrino che te lo riprendi. Certo, poi potevi anche pagare con carta di credito. Ma avevamo sempre sfortuna in questo: la faccia contrita del patron e... "il Pos è guasto, avreste mica del contante?!”».

Un'altra amica: «Tu ti ricordi il momento del conto, e perché il momento della comanda? Quei menu voluminosi, che ci passavamo di mano in mano e chissà quante mani prima di noi e dopo di noi. E poi a leggere ed a scegliere e a confrontarci con il cameriere, ve lo ricordate?». Sì, certo ce lo ricordiamo tutti, ce lo ricordiamo!

Basta file, basta attese: da oggi il tavolo al ristorante è sempre meglio prenotarlo - Così il ristoratore ai primi clienti: «Benvenuti nella nuova normalità»
Basta file, basta attese: da oggi il tavolo al ristorante è sempre meglio prenotarlo

La campanella ci invita - sapendo che non abbiamo altre possibilità - ad entrare. Entriamo nella nuova ristorazione, con uno scenario ben diverso.

Oltre al servizio di sala, insostituibile e fondamentale, il ristorante, grazie ad un rimodellamento della cucina, eroga anche servizio takeout e di delivery. Servizi interpretati e vissuti non come secondari alla sala... In tal caso avrebbero poco appeal e nessun margine di contribuzione. Servizi invece con una propria dignità, di erogazione e fruizione.

Le distanze cambiano in sala. I tavoli non sono lontani circa un metro l’uno dall’altro allo scopo "perfido" di castigare il ristoratore facendogli perdere clienti e quindi riducendo i suoi incassi. Tutt’altro! I tavoli così distanziati sono la condizione necessaria - sebbene di gran lunga non sufficiente - affinché sussista un prerequisito indispensabile: minimizzare e far tendere allo zero le occasioni di contagio. Ciò a beneficio del ristoratore, dei suoi collaboratori, della clientela in sala e quindi praticamente di tutti. I vantaggi sono superiori al singolo svantaggio (tutto da dimostrare) dato da: minor numero di tavoli = minor numero di clienti = minore incasso.

Riflettiamo sull'uguaglianza tra "minor numero di tavoli" e "minor numero di clienti". È un'uguaglianza fittizia: sarebbe vera se sui 14 turni (supponiamo) settimanali di pranzo e cena, per ogni turno ci trovassimo in un ristorante che completa sempre la sua capacità di sala, ricevendo e servendo tanti clienti quante sedie ci sono! Sappiamo bene che così non è stato.

Più spazio al tavolo tra commensali - Al ristorante tra privacy e comfort Benvenuti nella nuova normalità
Più spazio al tavolo tra commensali

Altra riflessione. Il maggiore comfort, determinato “anche” da uno stare a proprio agio insieme ai commensali, proprio in assenza di contatto di gomito con i commensali dei tavoli vicini, invoglia a degustare un maggior numero di piatti, a non perdersi il piacere del dessert finale accompagnato dal liquore giusto. Insomma, forse potrebbe anche accadere che si decrementa il numero dei clienti, ma ciò può portare, facendo bene il mestiere, ad un incremento del valore medio dello scontrino. Fa tornare al ristorante chi aveva perso l’abitudine di frequentarlo proprio a causa di questo stare troppo vicini gli uni agli altri, facendo perdere privacy e comfort e disattendendo la norma fondamentale: quella a tutela dell’igiene, della salute di tutti noi.

Per non parlare dell’efficace azionamento di nuove abitudini che porteranno a una sensibile riduzione dei costi. Si pensi ai nuovi menu, alle nuove modalità di pagamento, ai servizi emergenti di vendita di prodotti. È lo scenario che con i (doverosamente brevi) tempi di rodaggio si prospetta a noi tutti a partire da lunedì 18 maggio.

Non lasciamo una normalità per andare incontro ad un’anormalità transitoria ed effimera. Lasciamo una normalità divenuta obsoleta a causa di un fattore tremendo qual è la pandemia, e prepariamoci a vivere quella che è semplicemente, molto semplicemente, una nuova normalità!

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


locale ristorante ristorazione privacy comfort distanza tavolo prenotazione menu pandemia vecchia ristorazione nuova ristorazione

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Sofidel Papernet
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®