ABBONAMENTI
 
Rotari
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 27 gennaio 2021 | aggiornato alle 10:58| 71540 articoli in archivio
Rotari
Molino Quaglia

Misure sostenibili per i ristoranti
Hotel tiepidi: siamo senza ospiti

Misure sostenibili per i ristoranti 
Hotel tiepidi: siamo senza ospiti
Misure sostenibili per i ristoranti Hotel tiepidi: siamo senza ospiti
Primo Piano del 16 maggio 2020 | 16:48

Il vicepresidente di Fipe Aldo Cursano commenta il decreto, che ha accolto tante rischieste del settore, ma il 18 la maggior parte dei locali resterà chiusa almeno per una settimana ancora. Giuseppe Roscioli (Federalberghi): «Abbiamo investito tanto, ma con pochi clienti aprire ora non conviene».

I ristoratori tirano un sospiro di sollievo: sono misure tutto sommato sostenibili, di buonsenso, quelle contenute nell'ultimo decreto, che in gran parte ha accolto le richieste del settore, anche per quel che riguarda la riapertura degli esercizi pubblici il 18 maggio. Una data che però si è fatta fin troppo vicina, tanto che la maggior parte dei locali lunedì mattina resterà chiusa.
Ne è convinto il vicepresidente di Fipe, la Federazione Italiana dei Pubblici Esercizi, Aldo Cursano: «Non si può pensare che con una direttiva emessa nel weekend, le strutture siano pronte il lunedì – dice – Serve tempo per organizzare l’attività, ordinare le materie prime, rifare la linea; insomma, ci vorrà almeno un’altra settimana di lavoro».

Un metro di distanza tra un tavolo e l'altro - Misure sostenibili per i ristoranti Cursano: Ma serve tempo per aprire
Un metro di distanza tra un tavolo e l'altro

Dallo spauracchio dei 4 metri di distanza tra un cliente e l’altro, al metro tra due tavoli, come Fipe ha sempre chiesto nel suo protocollo (raccogliendo, dice Cursano, le indicazioni dei protocolli dell’Oms), la differenza è enorme, e per questo i ristoratori tirano un sospiro di sollievo: «Diciamo la verità – aggiunge Cursano – 70-80 centimetri c’erano già tra un tavolo e l’altro. Così perderemo solo il 20-30% di spazio, non il 50-60% com’era stato ipotizzato. Siamo consapevoli che ognuno debba fare dei sacrifici, ma era necessario trovare un equilibrio tra la tutela della salute e la sostenibilità della nostra attività di ristorazione. Pensare di distanziare le persone di 4 metri avrebbe voluto dire far morire molti locali».

Aldo Cursano - Misure sostenibili per i ristoranti Cursano: Ma serve tempo per aprire
Aldo Cursano

I cambiamenti saranno comunque parecchi, a partire dal ruolo del personale: «Passi la mascherina – dice ancora Cursano – è positivo il fatto di aver previsto la possibilità di igienizzare spesso le mani, piuttosto che introdurre l’obbligo dei guanti, una pratica che per certi versi avrebbe potuto essere meno igienica. Lo stesso vale per le carte plastificate e per gli oggetti presenti sul tavolo. Dopodiché, sappiamo che piatti e menu andranno rivisti e così i metodi di pagamento». Cambierà poco o nulla anche con l’obbligo di dover conservare i nominativi dei clienti per 14 giorni: «Molti di noi sono attrezzati e già lo fanno, anche per motivi di fidelizzazione – assicura Cursano – Piuttosto, il nostro compito sarà quello di riacquisire il rapporto di fiducia con i clienti. Dobbiamo far passare il messaggio che i nostri locali e il nostro personale sono perfettamente sicuri, in linea con le disposizioni e pronti a tornare al servizio delle persone».

Per i camerieri obbligatorie le mascherine, non i guanti - Misure sostenibili per i ristoranti Cursano: Ma serve tempo per aprire
Per i camerieri obbligatorie le mascherine, non i guanti

Insomma, ora c’è solo da rimboccarsi le maniche: «Certo non si potrà recuperare il danno provocato da due mesi di chiusura, che purtroppo lasceranno la parte più fragile del settore fuori mercato – conclude Cursano – Con una prospettiva di un calo del lavoro, poi, è più che mai necessario continuare a lavorare per chiedere nuove misure a sostegno del settore. Con il 30% delle entrate, non si può pensare di sostenere il 100% delle spese, per questo sarà fondamentale poter riparametrare i costi a seconda del fatturato, almeno fino a quando la situazione non tornerà alla normalità».

Chi invece ha reagito in maniera più tiepida al decreto, sono i rappresentanti del settore alberghiero: «Per noi una vera e propria riapertura non è, in quanto alcuni alberghi, seppure vuoti, sono stati sempre aperti nel periodo del lockdown e l'autodisciplina interna che c'è stata fino ad oggi è più o meno la stessa contenuta nel nuovo decreto», che rinvia alle linee di indirizzo stabilite dalle Regioni, spiega Giuseppe Roscioli, presidente di Federalberghi Roma, all’Adnkronos.

Giuseppe Roscioli - Misure sostenibili per i ristoranti Cursano: Ma serve tempo per aprire
Giuseppe Roscioli

«Mentre dai parrucchieri da lunedì ci sarà la fila, negli alberghi della Capitale questo non avverrà – dice – quelli che avevano chiuso probabilmente non riapriranno: a fronte di investimenti importanti sanificazione ed altro - vedi per esempio l'eliminazione del buffet che richiede maggiore personale impegnato nella ristorazione - non ci sono clienti sufficienti per coprire i costi. Non conviene».

«La dinamica turistica nelle grandi città - aggiunge Roscioli - è diversa ed è condizionata anche dall'attività delle compagnie aeree (in particolare, ci interessa il lungo raggio) e non prevediamo ripresa prima di marzo 2021. Il nostro settore è stato il primo ad essere colpito quando è stato deciso il blocco dei voli da e per la Cina e saremo tra gli ultimi a ripartire quando tutto finirà, quindi con il vaccino. Prima - sottolinea - non prevediamo grossi flussi di turismo. Tutto questo tradotto in numeri significa una perdita secca di oltre 1 miliardo di Pil. Con gli alberghi chiusi, finita la cassa integrazione saremo costretti a licenziare il personale. Probabilmente c'è stata una sottovalutazione del settore: bisognava guardare oltre, lanciare sostegni a medio-lungo termine, perché di questo abbiamo bisogno».

© Riproduzione riservata


“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


ristoranti locali alberghi decreto distanze tavoli camerieri ristorazione clienti turismo menu mascherine federalberghi fipe federazione italiana pubblici esercizi governo Giuseppe Roscioli aldo cursano

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®