Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 03 dicembre 2021 | aggiornato alle 07:57 | 79956 articoli in archivio

Stipendi bassi e sussidi "convenienti": ecco perché hotel, bar e ristoranti sono senza personale

Per Anpal e Unioncamere, a giugno-agosto mancheranno 77mila lavoratori del turismo. Per Fipe, nei ristoranti servono 150mila professionisti. Sulle spiagge non si trovano bagnini. Il motivo? Un costo del lavoro al 46% che "deprezza" gli stipendi e sussidi che arrivano fino a 9mila euro netti all'anno; quasi quanto la paga del 40% dei lavoratori

10 giugno 2021 | 15:50
Secondo la Fipe, nella ristorazione mancano all'appello 150mila professionisti L'accoglienza non trova personale a causa di stipendi bassi e sussidi
Secondo la Fipe, nella ristorazione mancano all'appello 150mila professionisti L'accoglienza non trova personale a causa di stipendi bassi e sussidi

Stipendi bassi e sussidi "convenienti": ecco perché hotel, bar e ristoranti sono senza personale

Per Anpal e Unioncamere, a giugno-agosto mancheranno 77mila lavoratori del turismo. Per Fipe, nei ristoranti servono 150mila professionisti. Sulle spiagge non si trovano bagnini. Il motivo? Un costo del lavoro al 46% che "deprezza" gli stipendi e sussidi che arrivano fino a 9mila euro netti all'anno; quasi quanto la paga del 40% dei lavoratori

10 giugno 2021 | 15:50

L'accoglienza non trova personale. Proprio sul più bello, quando dopo mesi difficili la ripresa sembra a portata di mano, bar, ristoranti, hotel, stabilimenti balneari e attività ricettive si ritrovano impigliate in un nuovo problema: mancano camerieri, cuochi, bagnini, animatori dei villaggi, stagionali e via discorrendo. A dare una misura del fenomeno, nei giorni scorsi, è stata la Fipe – Federazione italiana pubblici esercizi: 150mila posizioni scoperte nel solo settore della ristorazione. Tra questi, 120mila professionisti a tempo indeterminato, in particolare cuochi e bartender di esperienza che hanno cambiato lavoro cercando certezze in altri settori, e 20mila lavoratori a tempo determinato.

Secondo la Fipe, nella ristorazione mancano all'appello 150mila professionisti L'accoglienza non trova personale a causa di stipendi bassi e sussidi

Secondo la Fipe, nella ristorazione mancano all'appello 150mila professionisti


Estate 2021, il turismo riparte con 77mila operatori in meno

In generale, gli ultimi dati di Unioncamere e Anpal parlano di circa 560mila opportunità di lavoro offerte dalle imprese a giugno che salgono a quasi 1,3 milioni avendo come orizzonte previsionale l’intero trimestre giugno-agosto. Per quanto riguarda la filiera turistica, a giugno si attende l’ingresso nel mondo del lavoro di circa 99mila addetti (+48,2% sul mese precedente), grazie anche ai contratti stagionali da attivare per il periodo estivo. Numeri che, tuttavia, non bastano a invertire la rotta per un ammanco di 26mila operatori a giugno e 77mila nel trimestre giugno-agosto.

Per 3 aziende su 10 difficoltà a reperire personale qualificato

Insomma, la voglia di ripartire c’è ma il mismatch fra domanda e offerta sembra un problema insormontabile. Non sorprende, quindi, che la difficoltà di reperimento, in particolare di figure professionali qualificate, continui a incidere sulle capacità attrattive di circa il 31% delle aziende italiane. Detto diversamente, e presi in esame i soli settori relativi al mondo dell’accoglienza, la difficoltà a reperire addetti nelle attività di ristorazione si attesta al 29% (con circa 75.910 lavoratori in entrata a giugno e 149mila circa nel trimestre giugno-agosto) mentre quella per impiegati addetti all’accoglienza e all’informazione della clientela tocca il 26% (con 14.810 entrate a giugno e 29mila circa nel trimestre giugno-agosto).

Le entrate nel mondo del lavoro previste L'accoglienza non trova personale a causa di stipendi bassi e sussidi
Le entrate nel mondo del lavoro previste


Il caso dei bagnini: senza patentino, bloccato il turnover stagionale

In questo senso, l’esempio delle ultime ore è quello dei bagnini. La Sib - Sindacato italiano balneari ha lanciato l’allarme. Lavoratori stagionali per antonomasia, dopo le difficoltà dello scorso anno molti bagnini hanno preferito dedicarsi ad altro lasciando di fatto un buco difficilmente colmabile. Per diventare bagnino, infatti, è necessario essere abilitati da un corso ad hoc che rilascia il patentino di idoneità. Ovviamente, con lo stop forzato delle attività di formazione (che si svolgeva per lo più in palestre e piscine, a loro volta chiuse) attualmente risulta difficile "rifornire" quel normale turnover che garantiva la presenza di nuovi addetti ogni anno. Questo non significa che le spiagge italiane siano insicure ma che, anche in questo caso, ci si trova di fronte a un mismatch fra domanda e offerta causato da una situazione esogena (la pandemia) che ha esposto la fragilità di alcune professioni.

Sulle spiagge non si trovano i bagnini L'accoglienza non trova personale a causa di stipendi bassi e sussidi
Sulle spiagge non si trovano i bagnini


Paghe basse e concorrenza dei sussidi le principali difficoltà

Ma da cosa dipende tutto ciò? Due le principali difficoltà: i bassi salari e la concorrenza dei sussidi. Secondo l’Eurostat, il nostro Paese ha perso nel 2020 oltre 39,2 miliardi di salari e stipendi con un calo del 7,47% sul 2019. Distanze siderali rispetto al -1,92% calcolato nell’Eurozona. Il tutto a fronte di un costo del lavoro che è pari al 46% dello stipendio lordo. Non sorprende, quindi, che soprattutto per le professioni meno qualificate i sussidi garantiti dallo Stato (come il reddito di cittadinanza) offrano una soluzione concorrenziale. Dal momento che il 40% dei lavoratori italiani guadagnano in media meno di 10mila euro all’anno netti, i 9mila euro offerti dal reddito di cittadinanza diventano una tentazione. In particolare per quelle attività lavorative di cui hotel, ristoranti e intrattenimento avrebbero bisogno e che in media vengono remunerate circa 9.820 euro all’anno per un totale di 177 giornate lavorative di media.

Sempre su questo fronte, a partire dal 23 marzo e fino al 31 dicembre 2021, c’è da tenere conto anche delle modifiche alla Naspi (sussidio di disoccupazione) il cui accesso è consentito anche a chi non ha lavorato per almeno 30 giornate nell’anno precedente (requisito precedentemente indispensabile) e dal quarto mese in poi la diminuzione del 3% dell’importo è sospesa.

La proposta di Fipe: maggiore programmazione delle aperture e minor peso fiscale

Come uscire da questa impasse? La ricetta suggerita dalla Fipe punta a superare la liberalizzazione del settore e agire fiscalmente sul costo del lavoro. Detto diversamente, da un lato si cerca di rimettere in piedi una pianificazione delle aperture e del mix merceologico che punteggia le città italiane così da concentrare il grado di qualità dell'offerta; dall’altro, si punta a forme di contratto più snelle dal punto di vista fiscale così da rendere più appetibile per il lavoratore l’entrata nel mondo della ristorazione.




© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali